Parchi e aree protette

Le aree naturali protette della Città Metropolitana

Le aree naturali protette costituiscono i principali elementi della rete ecologica provinciale.

La loro funzione è quella di salvaguardare il mantenimento e la ricostituzione di popolazioni vitali di specie animali e vegetali nelle loro zone naturali. La loro tutela è essenziale per garantire la diversità biologica, genetica, specifica ed ecosistemica e delle sue componenti, in considerazione dei suoi valori ecologici, genetici, sociali, economici, scientifici, educativi, culturali, ricreativi ed estetici, in armonia con i principi della Convenzione sulla Biodiversità di Rio de Janeiro.
Le Aree Protette
 

Le aree naturali a gestione provinciale riconosciute dalla LR. 19/2009, testo unico sulla tutela delle aree naturali e della biodiversità, sono distinte in 6 parchi naturali protetti e 2 riserve naturali protette.

I parchi naturali sono costituiti da aree terrestri, fluviali, lacustri di valore naturalistico ed ambientale e formano, nell'ambito in cui sono inserite, un sistema omogeneo per l'assetto naturale dei luoghi, dei valori paesaggistici ed artistici e per le tradizioni culturali delle popolazioni locali.

Sono classificati come tali:
  • Il Lago di Candia nei Comuni di Candia Canavese, Vische e Mazzè
  • Il Colle del Lys nei Comuni di Rubiana e Viù
  • Il Monte San Giorgio nel Comune di Piossasco
  • Il Monte 3 denti e Freidour nel Comune di Cumiana
  • La Conca Cialancia nel Comune di Perrero
  • La Rocca di Cavour nel Comune di Cavour

Le riserve naturali sono costituite da aree terrestri, fluviali, lacustri che contengono una o più specie naturalisticamente rilevanti della flora e della fauna o presentano uno o più ecosistemi importanti per le diversità biologica e per la conservazione delle risorse genetiche.

Sono classificati come tali:
  • I Monti Pelati nei Comuni di Vidracco, Castellamonte e Baldissero Canavese
  • Lo Stagno di Oulx nel Comune di Oulx

Le principali finalità perseguite dalle aree naturali protette sono:
  • tutela, gestione e ricostruzione delle risorse naturali e seminaturali che costituiscono gli habitat necessari alla conservazione ed all'arricchimento della biodiversità;
  • integrazione con le strategie di tutela, costruzione e miglioramento della rete ecologica;
  • ricerca scientifica applicata alla gestione degli ambienti naturali e seminaturali, favorendo anche la fruizione didattica ed il supporto alle scuole di ogni ordine e grado ed alle università sulle tematiche dell'ambiente e dell'educazione alla sostenibilità;
  • fruizione sociale e sostenibile e diffusione della cultura e dell'educazione ambientale;
  • promozione di iniziative di sviluppo compatibile con l'ambiente favorendo le attività produttive e lo sviluppo delle potenzialità turistiche e di altre forme di fruizione con un equilibrata integrazione delle attività umane con la conservazione degli ecosistemi naturali.


La Città Metropolitana gestisce, inoltre, quattro Siti di Interesse Comunitario individuati dalla Direttiva Europea Habitat: Lago di Candia, Monti Pelati, Stagno di Oulx, Rocca di Cavour ed una Zona di Protezione Speciale individuata dalla Direttiva Europea "Uccelli" corrispondente al Lago di Candia. Infine, gestisce i siti riproduttivi presenti presso il Maceratoio della Canapa nel Comune di Burolo, lo Stagno Bersaglio nel Comune di Chiaverano e gli Stagni di Poirino nell'omonimo comune.

immagine 1

Parco Colle Lys
 

immagine 1

Parco naturale Conca Cialancia

Candiadef2p

Parco naturale Lago di Candia

immagine 1

Parco naturale Monte San Giorgio

immagine 1

Parco naturale Tre Denti - Freidour

immagine 1

Parco naturale Rocca di Cavour

immagine 1

Riserva naturale Monti Pelati

immagine 1

Riserva naturale Stagno di Oulx