Analisi statistica, studio e ricerca

logo st

La raccolta ed elaborazione dati è una delle funzioni della Città Metropolitana come Ente di area vasta, strumento fondamentale e strategico nel porre il focus sulle previsioni e sulla relativa attività di pianificazione, programmazione, monitoraggio, controllo. Nel contesto di quanto previsto dal decreto legislativo n. 322 del 1989, l'Ufficio Statistica della Città metropolitana di Torino collabora con gli altri uffici SiStaN e con i Servizi dell'Ente per la raccolta, elaborazione e diffusione di dati per statistiche e studi, in particolare sull'andamento demografico e socio economico del territorio metropolitano. L'obiettivo è quello di mettere a disposizione del sistema pubblico dati statistici, base di conoscenza del territorio e strumento di supporto alle decisioni.

Questa pagina raccoglie i materiali di alcuni dei principali argomenti di approfondimento.

IVSM – Indice di Vulnerabilità Sociale e Materiale

L'indice di vulnerabilità sociale e materiale (IVSM) è un indice calcolato e messo a disposizione dall'Istat con l'obiettivo di esprimere con un unico valore i diversi aspetti di un fenomeno di natura multidimensionale quale la vulnerabilità di un territorio. Il Decreto Legge 6 novembre 2021, n.152 Piani integrati lo prende come riferimento per ripartire le risorse tra Città Metropolitane e definire i criteri di ammissibilità dei progetti.
L'indice è costruito come combinazione di 7 indicatori riferiti alle dimensioni della vulnerabilità sociale e materiale quali il livello di istruzione, le strutture familiari, le condizioni abitative, la partecipazione al mercato del lavoro e le condizioni economiche; per ogni comune esprime un valore comparabile sia a livello locale sia a livello nazionale.


BES – Il Benessere Equo e Sostenibile delle province e Città Metropolitane

Il Benessere Equo e Sostenibile delle province è un progetto di rete a cui ha aderito nel 2021 anche la Città metropolitana di Torino. Il progetto mette a disposizione un insieme organico di indicatori, suddivisi in 11 dimensioni, corredato da un'ampia batteria di indicatori strutturali inerenti territorio, demografia ed economia.
Nato nel 2013 da un’iniziativa pilota della Provincia di Pesaro e Urbino, e sviluppato grazie alla stretta collaborazione tra Cuspi (Coordinamento degli Uffici di Statistica delle Provincie Italiane) e Istat, con lo scopo di creare un Sistema Informativo Statistico per la misurazione del benessere equo e sostenibile, a supporto della programmazione strategica e operativa degli Enti di area vasta. Gli indicatori calcolati sono consultabili dinamicamente, anche attraverso l’utilizzo di grafici comparativi, e scaricabili in formato csv, per un utilizzo personalizzato. Tutte le pubblicazioni prodotte fino ad oggi sono consultabili e disponibili al download, anche in formato e-book.
Puoi consultare dati e contenuti del progetto sul sito del BES, scaricare il rapporto della Città metropolitana di Torino e consultare i grafici dinamici.


Gli Stranieri nella Città metropolitana di Torino

L'Osservatorio interistituzionale sulla presenza di cittadini stranieri in provincia di Torino promosso dalla Prefettura di Torino giunge quest’anno alla XXIII edizione, e continua a proporsi quale strumento di analisi del fenomeno migratorio sul territorio provinciale e della sua evoluzione e quindi quale patrimonio conoscitivo per studi e azioni di integrazione nonchè occasione di dialogo e di reciproco scambio di esperienze.
L'ufficio Statistica, la Direzione Istruzione, Pari Opportunità e Welfare e l'Osservatorio Abitativo Sociale della Città metropolitana di Torino, hanno collaborato con gli altri Enti del territorio alla redazione del rapporto. Attraverso dati, grafici e commenti che si soffermano fra l’altro sul fenomeno immigratorio e sull'efficacia delle politiche integrate, sarà possibile anche favorire la pianificazione di futuri interventi sulla realtà immigratoria, per poter valutare le opportunità e le potenzialità delle innovazioni e dei progetti di integrazione, anche in relazione ai rilevanti riflessi sociali, di ordine pubblico, culturali ed economici della stessa.
Leggi il nostro Speciale sull'evento in questa pagina e l'articolo di Cronache da Palazzo Cisterna (pdf 203 KB)
Puoi scaricare il rapporto completo sul sito della Prefettuta di Torino.