Risorse idriche

Scarichi da pubbliche fognature e da insediamenti produttivi

Regolamento per la disciplina del procedimento per il rilascio delle autorizzazioni allo scarico di acque reflue previsto dal D.Lgs. 152/2006 (pdf 162 KB)

Modulistica per il rilascio delle autorizzazioni allo scarico

Le categorie di imprese di cui all'art. 2 del D.M. 18/04/2005 nonché gli impianti non soggetti alle disposizioni in materia di autorizzazione integrata ambientale (AIA) devono presentare domanda di Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) ai sensi del D.P.R. n. 59/2013 nel caso siano assoggettati al rilascio, alla formazione, al rinnovo o all'aggiornamento di una autorizzazione allo scarico idrico di cui al capo II del titolo IV della sezione II della Parte III del D.Lgs. 152/06.

La domanda di AUA deve essere presentata al SUAP di competenza utilizzando il modello regionale secondo quanto previsto dal regolamento 5/R/2015.

In base al regolamento stesso ciascun SUAP può optare per l'implementazione diretta di un proprio servizio di compilazione guidata, ovvero avvalersi del servizio digitale regionale reso disponibile sul portale regionale Sistemapiemonte.

Ciascun SUAP dovrà fornire le relative istruzioni sul proprio portale indicando la modalità prescelta e indirizzando il richiedente ai rispettivi servizi telematici di presentazione delle istanze.

Pertanto il gestore che intende presentare una domanda di AUA deve accedere al sito del SUAP competente e seguire le indicazioni fornite dal medesimo.

Per tutte le domande di competenza di questo Ente dovranno essere corrisposte le tariffe per la compartecipazione degli utenti alle spese di attività istruttorie (oneri istruttori), monitoraggio e controllo finalizzate ad interventi di tutela ambientale così come stabilite dalla Giunta Provinciale con D.G.P. n. 1325-44941 del 07/12/2010. Alla domanda di autorizzazione dovrà essere allegata, a pena di inammissibilità, copia della ricevuta di versamento della tariffa.

  • Reimissioni (pdf 207 KB)
  • Scarichi congiunti

    Si segnala, nell'ambito della semplificazione amministrativa e nelle more dell'aggiornamento della modulistica disponibile sul Sistema Regionale che ove uno o più stabilimenti/attività/soggetti conferiscano, tramite un unica condotta, ad un soggetto terzo, o comunque in un unico punto di scarico le acque reflue provenienti dalle loro attività, in applicazione dell'art. 124 del D.Lgs 152/06, i soggetti utilizzatori della condotta comune dovranno individuare un unico titolare dello scarico finale. Tutti i soggetti che contribuiscono allo scarico finale stesso, dovranno compilare e sottoscrivere la Dichiarazione sostitutiva di "Atto di Notorietà" (sono previsti due modelli di Dichiarazione diversi nel caso di scarichi da impresa e scarichi provenienti da privati):

    La Dichiarazione sostitutiva di "Atto di Notorietà" (predisposta da tutti i soggetti) dovrà essere obbligatoriamente allegata all'istanza di A.U.A. che sarà presentata dal titolare dello scarico individuato da tutti i soggetti dai quali si origina lo scarico finale. Si precisa che tutti i campi previsti dal modello sono obbligatori, e lo stesso dovrà essere accompagnato da una copia fotostatica, non autenticata, di un valido documento d'identità del sottoscrittore.

    Sezione della modulistica di Sistema Piemonte prevista per gli scarichi di acque reflue industriali

    Le informazioni tecniche relative a ciascuno scarico parziale che contribuisce allo scarico finale dell'impresa "titolare dello scarico", dovranno essere comunque inserite nell'apposita sezione della modulistica di Sistema Piemonte prevista per tale tipologia di scarichi. Nello specifico alla SCHEDA A - SCARICHI DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI -, alla voce "nello scarico confluiscono reflui di altri stabilimenti" evidenziando il "si" verrà abilitata una tendina in cui sarà possibile inserire i dati relativi agli scarichi parziali (vedasi immagine).