Emissioni in atmosfera

Stabilimenti orafi

Modalità di adesione all'AUTORIZZAZIONE IN VIA GENERALE per le emissioni in atmosfera provenienti da stabilimenti ORAFI CON FUSIONE DI METALLI, ai sensi dell'art. 272 del d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152 E S.M.I.

Descrizione del servizio

In attuazione della normativa nazionale, sul B.U.R.P. n. 48 del 01/12/2011, è stata pubblicata la D.D. n. 368/DB1004 del 23/11/2011 (pdf 153 KB) riguardante la nuova procedura autorizzativa di carattere generale per le emissioni in atmosfera provenienti da stabilimenti orafi con fusione di metalli.

Sono interessati tutti gli stabilimenti:

  • nuovi, da trasferire o da modificare (Allegato 2A);
  • autorizzati al 29/04/2006, anche in via provvisoria o in forma tacita, ai sensi del D.P.R. 203/88 (Allegato 2B);
  • nella quale siano eserciti impianti autorizzati in base alla D.G.R. n. 169-46073 del 23 maggio 1995 (pdf 29 KB) (Allegato 2C);
  • già autorizzati dalla Provincia di Torino ai sensi dell'art. 269 del d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. (Allegato 2D).

Dove rivolgersi per ottenere informazioni

Sportello Ambiente
Corso Inghilterra, 7 - 10138 Torino
tel.: 011 8616500 - 6501 - 6502 fax: 011 8616857

Modalità per la redazione e l'inoltro della domanda di autorizzazione

Per l'adesione alla D.D. n. 368/DB1004 del 23/11/2011 occorre presentare l'istanza attraverso la procedura informatizzata disponibile sul portale Sistemapiemonte prestando attenzione al messaggio che il sistema fornirà, al termine della compilazione, in merito all'eventuale necessità di provvedere anche alla successiva trasmissione allo SUAP competente, nelle modalità dallo stesso definite. Si evidenzia che tutti i SUAP in delega alla Camera di Commercio di Torino che operano attraverso la piattaforma "Impresainungiorno", non sono al momento collegati con "Sistemapiemonte".

Per l'accesso alla procedura è necessario che il legale rappresentante dell'ente o impresa che presenta la domanda oppure il soggetto da esso delegato alla presentazione della domanda stessa, disponga di un certificato digitale rilasciato da un Ente certificatore riconosciuto dall'AgID.

La procedura consente di compilare la domanda, di caricare i relativi allegati e assolvere al bollo. 

Si ricorda che per avviare il procedimento autorizzativo l'istanza firmata digitalmente e i relativi allegati vanno inviati al SUAP territorialmente competente.

Per presentare l'istanza occorre che l'impresa alleghi la ricevuta attestante l'avvenuto pagamento degli oneri istruttori.

Struttura e Dirigente competente

Guglielmo Filippini
Dipartimento Ambiente e Vigilanza Ambientale, Direzione Risorse Idriche e Tutela dell’Atmosfera

Ufficio e Funzionari di riferimento

Ufficio per il controllo delle emissioni in atmosfera da impianti industriali
Giuseppe D'Agostino - Responsabile dell'Ufficio
Ugo Cognazzo
Silvia Cuffini
Cristina Del Mese
Michele Diciolla
Raffaele Gonnet