homeless

IL TERRITORIO DI CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO

"Gli homeless rappresentano una delle forme più estreme di povertà nelle società avanzate":grafico1

scrive così Antonella Meo - studiosa che da anni si occupa del fenomeno - nelle considerazioni conclusive dell'indagine ricognitiva promossa nel 2017 da Città metropolitana di Torino.

Il lavoro di ricerca condotto sul territorio della Città metropolitana ha visto coinvolti gli Enti gestori dei servizi socio-assistenziali e le organizzazioni di terzo settore che, a vario titolo, si occupano del fenomeno.
Infatti, se per la città di Torino, possediamo dati aggiornati periodicamente riguardo agli homeless, ciò non è altrettanto vero per i territori dell'area metropolitana.

Nell'arco di sei mesi (dall'aprile al novembre 2017), si è lavorato per cercare di definire meglio la consistenza numerica dei senza fissa dimora e mappare le strutture che ne attuano la presa in carico sui territori dei Comuni afferenti a Città metropolitana.

Ne è emerso un quadro sconosciuto quanto illuminante dove si rilevano moltissime difficoltà ad affrontare il fenomeno in chiave strutturale e non strettamente emergenziale.I territori metropolitani mostrano, inoltre, una certa "fatica" a creare sinergie ed a strutturare reti di collaborazione tra il pubblico ed il terzo settore per porre in essere interventi efficaci e coordinati.

grafico2

Nonostante queste criticità, appare assolutamente chiara a tutti gli attori coinvolti la necessità di un ripensamento per progettare nuove strategie di intervento e per affrontare adeguatamente il fenomeno homelessness. Interessanti sono, infatti, le capacità creative di molti territori, rispetto alla marginalità sociale più estrema.

L'indagine si propone, quindi, come un contributo di conoscenza utile per favorire il processo di ripensamento non solo delle strategie di intervento ma anche della governance. Tutto questo con la consapevolezza che la conoscenza fine a se stessa non apporta alcun beneficio se non è seguita da azioni concrete.

La indagine è stata condotta e curata da Cesare Bianciardi per la Società Cooperativa Sociale Educamondo, in raccordo con il Servizio Poltiche Sociali e di Parittà di Città metropolitana di Torino, grazie ad una borsa di ricerca finanziata dalla Fondazione Don Mario Operti.

Scarica la ricerca (formato PDF 18 MB)