Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

ENTRATE TRIBUTARIE

TRIBUTO SPECIALE PER IL DEPOSITO IN DISCARICA DEI RIFIUTI SOLIDI

Presupposto impositivo

Il tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi è stato istituito e disciplinato dall'art. 3, commi 24- 41 della L. 28-12-1995 n. 549.
Presupposto dell'imposta è il deposito in discarica e in impianti di incenerimento senza recupero energetico dei rifiuti solidi, compresi i fanghi palabili.

Soggetto passivo

Soggetto passivo dell'imposta è il gestore dell'impresa di stoccaggio definitivo con obbligo di rivalsa nei confronti di colui che effettua il conferimento.
Ai sensi dell'art. 3, comma 32, della L. 549/1995, il tributo è altresì dovuto da chiunque esercita attività di discarica abusiva e da chiunque abbandona, scarica ed effettua deposito incontrollato di rifiuti.

Pagamento in misura ridotta

Ai sensi dell'art. 3 della L.R. 3.07.1996, n. 39 e delle D.G.R. n. 24-5880/2002 del 22-04.2002, n. 61-8032/2002 del 16-12-2002 e n. 65-10232/2003 del 1-08-2003, gli impianti di selezione automatica, riciclaggio e compostaggio di rifiuti, aventi le caratteristiche individuate dalle citate disposizioni e che raggiungono le percentuali minime di recupero stabilite, devono presentare una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, entro il 31 marzo di ogni anno, al fine di usufruire del pagamento in misura ridotta del tributo speciale per il deposito in discarica degli scarti e sovvalli. La dichiarazione deve essere presentata agli uffici Ambiente e Tributi delle Amministrazioni provinciali di competenza e per conoscenza al Settore Programmazione Gestione Rifiuti della Regione Piemonte.

Modalità di versamento

La Regione Piemonte con L. R. 39/96 ha delegato le funzioni relative alla riscossione del tributo alla Provincia/Città metropolitana nel cui territorio è ubicata la discarica o l'impianto di smaltimento. L’art. 34, comma 2, della citata L.R. n. 1/2018 stabilisce che “Le funzioni di cui agli articoli 4 e 7 della legge regionale 3 luglio 1996, n. 39 (Tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi. Attuazione della legge 28 dicembre 1995, n. 549.Delega alle Province) continuano ad essere esercitate dalla Città metropolitana di Torino e dalle province fino al 31 dicembre 2018”:

  • Il versamento deve essere effettuato entro il mese successivo alla scadenza del trimestre solare in cui sono state effettuate le operazioni di deposito;
  • Entro il mese successivo alla scadenza dell'ultimo trimestre di ciascun anno i soggetti passivi sono tenuti a produrre una dichiarazione in triplice copia come da modello approvato dalla Regione stessa.
Entro il 31 gennaio:
  • versamento del quarto trimestre dell'anno precedente.
  • presentazione della dichiarazione annuale del tributo dell'anno precedente.
Entro il 31 marzo: presentazione della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà per l'applicazione in misura ridotta del tributo da parte degli impianti di selezione automatica, riciclaggio e compostaggio di rifiuti.

Entro il 30 aprile: versamento del primo trimestre.
Entro il 31 luglio: versamento del secondo trimestre.
Entro il 31 ottobre: versamento del terzo trimestre.

I versamenti che scadono il sabato o in un giorno festivo sono sempre rinviati al primo giorno lavorativo successivo

Servizio di tesoreria

Le coordinate bancarie per i versamenti sono:

conto corrente n. 3233854 intestato a "Città metropolitana di Torino";

  • c/o: Unicredit  SpA - sportello 08162 - via Bellezia n. 2, Torino;
  • IBAN IT 88 B 02008 01033 000003233854;
  • BIC UNCRITM1Z43

SITO REGIONE PIEMONTE - tributi

SITO REGIONE PIEMONTE - ambiente

SCHEMA DI DICHIARAZIONE E TARIFFE:
Lo schema è stato approvato con la  D.G.R. n. 12-4088 del 23 ottobre 2006 e successivamente modificato con la D.G.R. n. 69-2068 del 17 maggio 2011. Nella legenda dello schema tipo di dichiarazione sono riepilogate le tariffe per tipologia di rifiuto.

 Alla dichiarazione occorre allegare inoltre la seguente dichiarazione per i rifiuti urbani (redatta sulla base dello schema tipo, di cui all’allegato 2 della d.G.R. 17 settembre 2007, n. 61-6925, così come modificato dalla d.G.R. 17 maggio 2011, n. 69-2068), contenente il dettaglio, per ciascun comune conferente, della quantità e della tipologia dei rifiuti conferiti in discarica con l’importo del relativo tributo.