Fauna e flora

Abilitazione per la ricerca e la raccolta dei tartufi

Coloro che intendono intraprendere l'attività di ricerca e di raccolta dei tartufi sul territorio della Regione Piemonte devono:

  • Sostenere l' esame per l'accertamento dell'idoneità e ottenere il rilascio del "tesserino"
  • Versare, una volta superato l'esame, la tassa di concessione regionale annuale.

Per accedere alla sessione d'esame occorre presentare, o inviare a mezzo posta elettronica o fax, alla Città Metropolitana di Torino - Servizio Tutela Fauna e Flora, Corso Inghilterra 7, 10138 Torino, la specifica domanda di ammissione (pdf 17 KB) completa in ogni sua parte (compresa quindi la marca da bollo da € 16,00.)

L'esame si svolge presso gli uffici del Servizio Tutela Fauna e Flora. La Commissione d'esame è composta da funzionari del Servizio Tutela Fauna e Flora della Città Metropolitana di Torino e della Regione Piemonte e da un esperto nominato dall'Associazione Trifole e Trifolè di Rivalba. Occorre presentarsi all'esame muniti di documento d'identità in corso di validità, da esibire alla Commissione.

Sono esentati dall'esame i raccoglitori di tartufi che operano su fondi di loro proprietà o comunque da essi condotti, nonché coloro già muniti di abilitazione rilasciata da altre amministrazioni regionali o provinciali.

Le Sessioni d'esame, programmate per l'anno in corso, sono due:
1^ sessione: maggio-giugno.
2^ sessione: settembre-ottobre

La prova d'esame
La prova d'esame, come previsto dalla Legge Regionale n. 16 del 25 giugno 2008 ("Norme in materia di raccolta e coltivazione di tartufi e di valorizzazione del patrimonio tartufigeno regionale"), consiste nella verifica delle conoscenze del candidato in materia di:
  • specie di tartufo;
  • elementi basilari di biologia ed ecologia dei tartufi;
  • modalità di ricerca, raccolta e commercializzazione previste dalle norme in vigore;
  • nozioni generali di micologia e selvicoltura.

Il superamento dell'esame di idoneità dà diritto al rilascio del "tesserino" che attesta il possesso dell'abilitazione alla raccolta dei tartufi, valido su tutto il territorio nazionale. È comunque indispensabile conoscere e rispettare le norme stabilite dalle singole Regioni in cui si pratica l'attività di ricerca e raccolta di tartufi.

La convocazione alla sessione d'esame avverrà mediante comunicazione via email all'indirizzo indicato nella richiesta d' ammissione. Per chi fosse sprovvisto di indirizzo email verrà garantita la convocazione tramite posta ordinaria.

Documenti necessari per sostenere l'esame:

  • Modello domanda di ammissione all'esame (pdf 17 KB) su cui dovrà essere apposta una marca da bollo da € 16,00
  • Documento di identità in corso di validità, da esibire in occasione dell'esame.


Documentazione utile e novità: