Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Alternanza scuola-lavoro

I NOSTRI PROGETTI SVILUPPATI

 

Istituto paritario Mazzarello di Torino: ecologia urbana

Il progetto di alternanza scuola-lavoro che coinvolge gli studenti della 3ª liceo scientifico - scienze applicate dell'istituto paritario Mazzarello di Torino si orienta sul tema dell'ecologia urbana, ed è a cura dei tecnici dell'Ufficio ciclo integrato rifiuti di questa Città metropolitana.

Il progetto si propone, in affiancamento alle attività messe in campo dall'amministrazione Comunale di Torino e AMIAT-IREN l'azienda affidataria del servizio di raccolta dei rifiuti, di sensibilizzare a scala di quartiere il maggior numero di esercizi commerciali e se possibile anche singoli cittadini, al corretto conferimento dei rifiuti nei cassonetti stradali e alla corretta raccolta differenziata. Lo spirito vuole essere collaborativo e non sanzionatorio.

Il progetto è un'occasione concreta per approfondire la conoscenza del territorio e portare i ragazzi ad individuare i punti critici e le opportunità per contribuire a risolvere un problema piuttosto diffuso: l'abbandono di rifiuti accanto ai cassonetti stradali per la raccolta differenziata.
Il percorso di alternanza scuola-lavoro proseguirà anche nel prossimo anno scolastico per poter poi essere replicato in futuro anche in altre realtà del territorio metropolitano.

Istituto Avogadro: cyberbullismo e workshop fare video

I ragazzi della 4^b dell'istituto Avogadro stanno affrontando un percorso di alternanza scuola-lavoro dedicato al cyberbullismo della durata di circa 40 ore durante l'anno scolastico, coadiuvati dai tutor del centro multimediale dell'ufficio stampa di questa Città metropolitana.
Il primo step è stato quello di aver partecipato attivamente alla conferenza "bullismi e cyberbullismo" realizzando servizi giornalistici, foto video ed interviste agli esperti del settore come punto di partenza per la creazione di un sito internet sul cyberbullismo, all'interno del quale saranno pubblicati, sia i materiali realizzati durante la conferenza, che filmati e locandine di loro ideazione.

Dal 19 al 23 febbraio, otto ragazzi appartenenti a due quinte, sempre dell'istituto Avogradro, hanno partecipato al workshop di 35 ore al centro multimediale dell'ufficio stampa di questa Città metropolitana, dove hanno imparato le tecniche di ripresa, montaggio, sceneggiatura e recitazione, realizzando un video ispirandosi alla tematica del nuovo e terribile fenomeno dell'isolamento sociale dei giovani, che gli esperti chiamano Hikikomori, confrontasi con tutto il processo produttivo dell'audiovisivo, e realizzando un cortometraggio intitolato "L'arma Segreta".

Istituto Steiner: Torinoscienza social network

È partito lunedì 5 febbraio un nuovo percorso di alternanza scuola lavoro che vede coinvolta questa Città metropolitana e due classi dell'Istituto professionale Albe Steiner di Torino.
Torinoscienza social network è il titolo del progetto a cui le classi hanno aderito: un progetto volto a coinvolgere i ragazzi sull'utilizzo dei social network in supporto alla tradizionale comunicazione istituzionale, come da tempo sperimenta questo Ente.

Dopo una lezione introduttiva sull'utilizzo dei nuovi media in un contesto istituzionale, i ragazzi hanno analizzato nello specifico la pagina Facebook e il profilo Twitter di torinoscienza.it, portale di divulgazione scientifica curato dalla redazione dell'ufficio stampa di questa Città metropolitana, diventato punto di riferimento e vetrina di comunicazione del Sistema Scienza Piemonte.

Il Sistema Scienza Piemonte è un progetto promosso dalla Compagnia di San Paolo e sottoscritto dai principali enti torinesi che si occupano di diffusione della cultura scientifica, con l'obiettivo di coordinare e armonizzare le attività  di divulgazione scientifica presenti sul territorio torinese e piemontese al fine di proporre, all'interno della vita sociale e culturale del territorio, un insieme organizzato di iniziative di diffusione del sapere scientifico e tecnologico.
Attraverso la visita alla mostra “L'infinita curiosità. Un viaggio nell'universo in compagnia di Tullio Regge”, ha avuto inizio l'aspetto pratico del percorso che prevede l'esperienza diretta di un evento scientifico al fine di comunicarlo e diffonderlo nella rete. I ragazzi, grazie a una guida dedicata, si sono confrontati con i contenuti della mostra, con i concetti di spazio, tempo, materia, relatività, buchi neri e onde gravitazionali, passando per la scala cosmica. La sfida sarà ora quella di comunicarlo attraverso i social network in maniera fresca, accattivante e nel contempo istituzionale.

 

(29 marzo 2018)