Salta ai contenuti

Cittàmetropolitana di Torino

Centro Produzione Multimediale

Il Centro produzione multimediale della Città metropolitana di Torino nasce, con il nome di Centro Audiovisivi della Provincia di Torino, nel 1982 su iniziativa dell’assessorato all’istruzione.

All’inizio degli anni ’80 nuovi strumenti di ripresa e montaggio di buona qualità e basso costo iniziano rapidamente a diffondersi nel mondo. E’ l’esplosione delle produzioni video, anche a basso costo: videoclip, documentari, cortometraggi. Nel 1982 si svolge la prima edizione di Cinema Giovani, diventato poi Torino Film Festival. In questo quadro molte amministrazioni pubbliche italiane, si dotano di centri di produzione e duplicazione video. La Provincia di Torino non fa eccezione.

Dopo il periodo iniziale del Centro, già nel 1984 la produzione si amplia e risponde alle esigenze di tutti gli assessorati dell’ente. Si realizzano soprattutto documentari, ma anche videodocumentazione, riprese di spettacoli teatrali, video per mostre e spot televisivi. I quattro dipendenti, che operano dapprima nella sede di via San Francesco da Paola e poi in quella attuale di via Gaudenzio Ferrari 1, svolgono le varie funzioni della produzione audiovisiva: dall’ideazione alla distribuzione, passando per la fotografia, la regia e il montaggio. Si ricorre a contributi esterni solo per lavorazioni specialistiche o professionalità particolari (grafica 3D e 2D complesse, sala di registrazione, speaker e attori, noleggio di sistemi di ripresa particolari come carrelli, dolly e steadicam).

La strumentazione è costantemente aggiornata: il Centro acquista uno dei primi sistemi di montaggio non lineare nel 1996 e nel 1997 acquisisce un camcorder digital betacam per produzioni documentaristiche di alta qualità. Si realizzano in modo sporadico anche documentari multimediali interattivi su piattaforma informatica nell’ambito di mostre o saloni. Con alcune produzioni si partecipa a festival e rassegne vincendo due edizioni di Videoland (una rassegna delle realizzazioni degli enti pubblici) e un premio al Festival internazionale del film turistico di Montecatini.

Nel 2002, contemporaneamente alla nascita del Canale Multimediale, parte il progetto TV della Comunità, che coinvolge associazioni, Comuni, esperti, cittadini. E’ una televisione “dal basso” in cui la produzione si coniuga con la formazione. Sono creati 8 laboratori a Torino e nel territorio provinciale. Anche la televisione Videogruppo, il DAMS dell’Università di Torino e la cooperativa Zenit partecipano all’iniziativa che prosegue ancor oggi sotto il nome di Videocommunity, ma senza più l’apporto della Provincia.In questo periodo centinaia di piccoli e grandi video vengono realizzati da studenti, anziani, giovani, cittadini. Si organizzano convegni, incontri, proiezioni. Le iniziative si susseguono frenetiche, mentre il nostro lavoro ha risonanza a livello nazionale: interviste, trasmissioni televisive, partecipazioni a convegni e seminari in tutta Italia, testimoniano l’interesse suscitato da TV della Comunità.

In questo periodo la sede del Centro Audiovisivi, che nel frattempo aveva cambiato nome in MAP Multimedia (Media Agency Provincia di Torino), ribolliva di attività e persone. I due dipendenti rimasti sono stati affiancati da stagisti, dipendenti a contratto, studenti universitari, esperti, cittadini. Di questi anni sono anche le produzioni di filmati interattivi per internet con Hyperfilm e l’inizio della produzione del settimanale televisivo e radiofonico Blocknotes che andava in onda su tutte le TV locali del Piemonte e su alcune radio piemontesi. Erano tre minuti con 6 notizie flash di 30 secondi che riguardavano l’ente e il suo territorio.

Nello stesso periodo MAP Multimedia collaborava con la testata televisiva locale “Grandangolo” realizzando ogni settimana un servizio sul patrimonio artistico e culturale del territorio. Da ricordare anche la collaborazione progettuale e la realizzazione dei contenuti degli stand multimediali che la Provincia di Torino ha utilizzato per alcuni anni nell’ambito di saloni come il ComPa di Bologna o la Fiera del Libro.

Dal 2003 sino al 2006 MAP Multimedia ha documentato molti eventi legati allo sport disabile culminati con le paralimpiadi di Atene e quelle invernali di Torino del 2006. Dal 2005 le attività si sono stabilizzate con la produzione di videocomunicati (servizi giornalistici distribuiti alle tv locali via internet), documentari, filmati promozionali, spot e videodocumentazione.

Dal 2009, fino al gennaio 2012, sono riprese le produzioni di trasmissioni televisive con il format di 3 minuti YouProvincia e La voce del Consiglio , rispettivamente sulle attività di Giunta e Consiglio provinciale. E’ con una puntata di YouProvincia del 2009 che vinciamo il premio per i notiziari di “La PA che si vede” del Formez.

Nel 2013 e nel 2014 finalmente la strumentazione è rinnovata con il passaggio alla produzione in alta definizione e con una nuova postazione di montaggio. Nel 2014 è iniziata la collaborazione con il CESEDI che ha portato alla realizzazione di alcuni corsi di formazione audiovisiva per la scuola superiore ed è ripreso il rapporto con il Dams dell’Università di Torino.

Per avere un'idea delle realizzazioni di questi trent'anni basta andare alla pagina "30 anni di video" dove sono raccolti alcuni filmati a partire dal 1985.

(maggio 2015)