Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Polverino da pneumatici usati: un nuovo progetto europeo per la Città metropolitana

La Città metropolitana vanta un ruolo di primo piano nella realizzazione di strade con materiali provenienti dal riciclaggio dei pneumatici fuori uso. Un primato costruito fin dal 2008 dall'allora Provincia di Torino, sia in precedenti progetti europei Life, come Tyrec4life, sia in attività proprie, come quando nel 2011 sono stati pavimentati alcuni chilometri della nuova strada della Reggia di Venaria - la più grande opera pubblica mai costruita dalla Provincia di Torino - con polverino da pneumatici fuori uso utilizzato come additivo del bitume.

Proprio grazie a questi importanti precedenti, questo Ente è stato invitato, unico partner tecnico-amministrativo italiano oltre a Environment Park, a partecipare a un progetto europeo Life 2017, chiamato Recitylife, da Etra - European Tyre Recycling Association, organismo indipendente con sede a Bruxelles che rappresenta le industrie di riciclaggio di pneumatici e gomma; martedì 12 settembre questa Città metropolitana ha così presentato la propria candidatura, per i progetti Life, alla Commissione UE.

L'obiettivo del progetto, che durerà cinque anni, è quello di incrementare l'utilizzo dei materiali contenenti gomma riciclata da pneumatici fuori uso in applicazioni urbane, pavimentazioni stradali, infrastrutture ferroviarie e sportive e, più in generale, nei lavori pubblici.
Le azioni principali della Città metropolitana di Torino saranno:

  1. definizione di norme tecniche di capitolato per la realizzazione di pavimentazioni stradali con conglomerati contenenti rtm (rubber tyres materials);
  2. definizione di voci di prezzo da inserire nei prezziari ufficiali;
  3. definizione di criteri di premialità in caso di gare pubbliche;
  4. promozione della diffusione dei risultati.

Oltre a Etra, Città metropolitana di Torino ed Environment Park, i partner del progetto sono:

  • Generalitat de Catalunya -Antel (Associazione nazionale tecnici enti locali);
  • Comsa Sau (gruppo spagnolo nel settore dell'infrastruttura e dell'ingegneria);
  • Exergy Ltd (società inglese di ingegneria che si occupa di progetti su sviluppo sostenibile e riduzione di Co2);
  • Institut de Tecnologia de la Costrucciò de Catalunya (fondazione privata per lo sviluppo delle costruzioni);
  • Chr. kairidis technicki kai emporiki anonimy etaireia (società greca di costruzioni);
  • Soriguè s.a. (società spagnola di costruzioni).

Il progetto Recitylife

I pneumatici usati rappresentano una minaccia per la salute sia dell'uomo che dell'ambiente, e il loro smaltimento (3,5 milioni di tonnellate ogni anno) è un problema crescente per l'Unione Europea.
Nonostante siano già disponibili conoscenze tecniche e applicazioni possibili, solo il 38% dei pneumatici usati viene riciclato come materiale da riutilizzo. Questo risultato, comunque buono, è ancora molto basso rispetto al potenziale espresso dal mercato.
I prodotti ricavati dai pneumatici fuori uso sono utilizzabili con successo in una vasta gamma di applicazioni, come bitume e asfalti per aumentare le prestazioni e la durata delle strade,  prodotti da rotaia per ridurre il rumore e le vibrazioni, fogli isolanti e strati per isolamenti acustici e termici di edifici, prodotti e materiali per pavimenti sportivi finalizzati all'assorbimento degli urti.
Il progetto Recitylife si pone l'obiettivo di facilitare azioni di "formazione della domanda", ovvero iniziative volte a rendere tali materiali più competitivi rispetto a quelli tradizionali, divulgando le esperienze maturate nei precedenti progetti. L'intento è quello di promuovere l'utilizzo dei bitumi modificati con polverino nelle attività di progettazione, realizzazione e manutenzione delle infrastrutture viarie, creando le condizioni per un effettivo sviluppo della tecnologia. In particolare, si intende coinvolgere le amministrazioni pubbliche nei processi di utilizzo dei prodotti da pneumatici fuori uso nell'ambito delle politiche del Green public procurement (acquisti pubblici ecologici).

(14 settembre 2017)