Agenda 21

APE - Acquisti Pubblici Ecologici

 

On-line il sito del Progetto Europeo SPP REGIONS

 

Logo
Provincia di Torino Ente Certificato Procuro+
Logo
Compra Verde - Premio 2008

La gestione ecologica degli acquisti pubblici (il cosiddetto "Green Public Procurement") è stata resa obbligatoria dalle recenti novità normative (legge n. 221, del 28 dicembre 2015) recepite anche dal nuovo Codice degli appalti. Consiste nell’inserimento di criteri di qualificazione ambientale nelle ordinarie procedure di acquisto di beni e servizi delle Pubbliche Amministrazioni. I vantaggi che ne derivano sono innumerevoli: si minimizzano gli impatti ambientali attraverso un risparmio e una migliore gestione delle risorse, si raggiunge una migliore qualità e si aumenta la sicurezza. Inoltre, fattore non trascurabile, si spingono le imprese ad introdurre innovazioni di processo e di prodotto, ottenendo migliori prestazioni ambientali.

La Città metropolitana di Torino ha vinto il Premio CompraVerde per la categoria Miglior Politica di GPP realizzata, sezione Pubbliche Amministrazioni Medio-Grandi e il Premio Green Proca per la categoria grandi comuni.

La Rete provinciale degli Acquisti Pubblici Ecologici

La strategia della Città metropolitana di Torino in questo ambito nasce all'interno dell'Agenda 21 provinciale già nel 2003, in attuazione dell'obiettivo di promozione dei consumi più sostenibili e di ampliamento delle attività economiche legate a prodotti e servizi ad alto contenuto di innovazione ambientale ed è stata ribadita nel Piano Strategico Provinciale per la Sostenibilità, nella Scheda Azione 37 "Riduzione dei consumi degli Enti pubblici e più efficace e capillare applicazione degli acquisti pubblici ecologici (GPP - Green Public Procurement)".

Il progetto APE (Acquisti Pubblici Ecologici), avviato nel 2003 con il supporto tecnico di ARPA Piemonte, ha l'obiettivo di supportare gli uffici acquisti e ambiente degli enti del territorio provinciale al  fine di integrare criteri ambientali nelle procedure di acquisto di sempre più numerose tipologie di prodotti e servizi.

La Città metropolitana di Torino, proprio con il progetto A.P.E., ha vinto il Premio CompraVerde 2015 per la categoria Miglior Politica di GPP realizzata, sezione Pubbliche Amministrazioni Medio-Grandi e il Premio Green Proca per la categoria grandi comuni, ex-acquo con il Comune di Torino.

I partner di progetto hanno definito in modo concertato una politica di acquisti sostenibili, racchiusa in un Protocollo d'Intesa per la promozione degli Acquisti Pubblici Ecologici (pdf 510 KB) (sempre aperto a nuove sottoscrizioni) che impegna all'introduzione nei propri acquisti di criteri ambientali.

Hanno finora sottoscritto il Protocollo i seguenti soggetti: Provincia di Torino (dal 1° gennaio 2015 Città metropolitana di Torino), Arpa Piemonte, Comuni di Almese, Andezeno, Avigliana, Bardonecchia, Bruino, Cesana T.se, Chieri, Collegno, Cumiana, Giaveno, Grugliasco, Moncalieri, Pavone C.se, Piossasco, Rivalta, Rivoli, S. Antonino di Susa, Torino, Villastellone, Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone, Ente di gestione del Parco Regionale La Mandria, Ente aree protette Alpi Cozie, Parco Nazionale del Gran Paradiso, Fondazione TORINO SMART CITY per lo Sviluppo Sostenibile, Associazione Torino Internazionale, CCIAA Torino, Cinemambiente Torino, Associazione A come Ambiente, Pracatinat S.C.P.A., Consorzio Servizi Socio Assistenziali Chierese, Environment Park di Torino, ITCG Galileo Galilei di Avigliana, Istituto Comprensivo di Avigliana, IIS JC Maxwell, ACEA Pinerolese Industriale S.p.A., Acsel S.p.A., Amiat S.p.A., Cidiu S.p.A., Consorzio Chierese per i Servizi, COVAR 14, Politecnico di Torino, Presidio Sanitario Gradenigo, Politecnico, ATO-Rifiuti, SCR Piemonte - Società di committenza regionale, Università degli Studi di Torino.

Elemento distintivo del progetto APE è il monitoraggio sull'attuazione degli impegni presi. In questo modo l'attività di GPP è resa trasparente e verificabile, ponendo le basi per analisi più specifiche sugli effetti ecologici ed economici che ne derivano.