Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Alla scoperta della creatività: il design indipendente

Palazzo Cisterna ospiterà dal 3 al 6 novembre la settima edizione del festival di Operae

In concomitanza con Artissima, dal 3 al 6 novembre, si terrà Operae, il festival del design indipendente.
L’iniziativa giunge quest’anno alla sua settima edizione e sarà ospitata a Palazzo Cisterna, sede storica dell'Ente. Il tema scelto per il 2016 dalla curatrice Annalisa Rosso è ”Designing the Future” che si propone come una presa di coscienza da parte dei protagonisti del design indipendente. Spiega infatti la curatrice nel manifesto: "La ricerca sviluppata oggi ha un'influenza diretta sul nostro futuro. Designing the Future riflette sulle conseguenze del design. L'edizione 2016 di Operae parla al tempo presente delle capacità e del coraggio necessari per progettare il futuro”. Se nel 2010 o 2011 il termine “indipendente” rappresentava a volte una scelta forzata per giovani designer esclusi dalle dinamiche di mercato, nel 2016 si parla al contrario di una presa di posizione volontaria e consapevole, attuata da professionisti sempre più affermati, in parallelo a rapporti consolidati con imprese, con l’industria o con le gallerie di design.

Il debutto delle gallerie

Per questa evoluzione nel mondo del design, l’edizione 2016 di Operae coinvolge quattro categorie di profili economici e culturali: oltre a ai designer italiani e internazionali, a imprese e aziende, a un gruppo selezionato di artigiani attivi sul territorio piemontese, si aggiungono 10 gallerie italiane e internazionali impegnate in una ricerca attiva, volta a individuare e supportare nuovi talenti e processi.

Spazio agli artigiani

Si riconferma, invece, per il terzo anno consecutivo il progetto “Piemonte Handmade”, legato alla ricerca sui migliori artigiani del territorio regionale, ma con un nuovo tassello. Se nel 2014 e nel 2015, l’iniziativa aveva coinvolto singole figure artigiane, o aveva proposto partnership inedite artigiano-progettista, nel 2016 Piemonte Handmade mette in scena dieci team di lavoro, ognuno dei quali composto da tre soggetti: oltre a un artigiano piemontese, un designer e una galleria di design internazionale. Ad essere esposti saranno i pezzi inediti nati da ciascuna di queste triplici squadre. Ci sarà anche un progetto speciale dedicato ai Maestri Minusieri, la cui Università, nata a Torino nel 1636 e ancora attiva, è il luogo nel quale da quattro secoli si tramandano i segreti della più raffinata lavorazione del legno.

 

(04 novembre 2016)