Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Torino Metropoli a M'illumino di meno con due progetti sulla scuola.
Una partnership pubblico-privato per la riqualificazione energetica degli edifici pubblici

Sarà firmata venerdì 13 febbraio, giorno della celebrazione di M'illumino di meno, la convenzione tra la Città metropolitana di Torino e 18 Comuni del territorio per dare avvio a Together 2020, il progetto europeo che promuove interventi di riqualificazione energetica di edifici pubblici attraverso l'utilizzo di contratti energetici di tipo innovativo, che implicano una collaborazione pubblico-privato ed evitano ai Comuni impegni di spesa per finanziare gli interventi individuati.
L'Ente di Palazzo Cisterna sarà rappresentato dal vicesindaco Alberto Avetta, mentre per le amministrazioni locali firmeranno i Sindaci.

I Municipi che sottoscriveranno l'intesa sono:
Azeglio, Bibiana, Borgone di Susa, Bruino, Bussoleno, Chieri, Germagnano, None, Orbassano, Pino Torinese, Piossasco, Poirino, San Maurizio Canavese, Sant'Ambrogio di Torino, Santena, Settimo Torinese, Venaria Reale e Volvera.
In base alla convenzione, i Comuni delegano la Città metropolitana a raggruppare i loro progetti e a fare da stazione appaltante per ottimizzare i bandi di gara e ottenere importanti economie di scala.

La partecipazione della Città metropolitana di Torino a M'illumino di meno 2015

Proseguendo l'ultradecennale partecipazione della Provincia a M'illumino di meno, la Città metropolitana di Torino aderisce quest'anno alla Giornata del risparmio energetico lanciata dalla trasmissione di Radiorai "Caterpillar" con due progetti che mettono al centro la scuola:

  • "Together 2020"
    Lo scopo di questo progetto europeo, il cui capofila è stato la Provincia di Torino e ora è la Città metropolitana di Torino, è quello di attivare interventi di riqualificazione energetica degli edifici (tra cui le scuole) e delle linee di illuminazione pubblica mediante il finanziamento tramite terzi delle Energy Service Company (ESCo), rendendo tale formula di partenariato pubblico-privato una pratica comune nella realizzazione di investimenti sull'efficienza energetica nel settore pubblico. Tramite i cosiddetti contratti di rendimento energetico, i privati finanziano gli interventi (ad esempio, la sostituzione della caldaia in una scuola, la coibentazione dell'edificio ecc.) e si ripagano gli investimenti negli anni successivi tramite il risparmio energetico da essi generati.
  • "Green School - La scuola come incubatore per la crescita di una coscienza ambientale delle nuove generazioni"
    L'obiettivo di questo progetto di ricerca, avviato nel marzo 2014 dalla Provincia di Torino in collaborazione con il Dipartimento Energia del Politecnico, consiste nello sviluppo di metodi e strumenti per favorire la trasformazione del patrimonio edilizio scolastico in edifici che offrano ambienti salutari e confortevoli per studenti e docenti, che riducano il consumo di risorse idriche ed energetiche e che siano gestiti secondo criteri di sostenibilità ambientale, economica e sociale. Green school realizzando una mappatura degli edifici scolastici, mette a disposizione soluzioni per attuare interventi di riqualificazione in grado di produrre benefici economici diretti (risparmi sulla bolletta energetica) e indiretti (educazione degli utenti verso buone pratiche, miglioramento del benessere degli utenti).
    L'Istituto Avogadro di Torino e l'Istituto Maxwell di Nichelino partecipano al progetto di ricerca come casi pilota, promuovendo il coinvolgimento attivo degli studenti.
    I risultati della ricerca sono previsti per la fine dell'estate 2015.

(11 febbraio 2015)