Salta ai contenuti

Cittàmetropolitana di Torino

RESOCONTO DELLE SEDUTE

SINTESI GIORNALISTICA

Consiglio metropolitano

19 maggio 2021

INTERPELLANZE

Personale corpo di Polizia locale della Città metropolitana
L'interpellanza è stata illustrata dalla consigliera Maria Grazia Grippo della lista "Città di città", che ha ripercorso l'iter per la costituzione del corpo di Polizia metropolitana e fatto riferimento alle scelta di includervi anche il personale, in avvalimento da parte della Regione Piemonte, impegnato nella gestione delle competenze in materia di tutela della fauna e della flora. La costituzione del corpo di Polizia locale, ha sottolineato la Consigliera del gruppo di centrosinistra, era stata intesa anche come l'occasione per riconoscere al personale di vigilanza faunistico-ambientale una qualifica adeguata ai compiti svolti, sia per quanto riguarda l'inquadramento professionale che per quanto attiene alle funzioni di pubblici ufficiali. Grippo ha poi fatto riferimento alla richiesta di soprassedere all'assegnazione del personale di vigilanza faunistico-ambientale alla Polizia metropolitana, avanzata dall'assessore regionale Fabrizio Ricca. L'assessore alla Polizia locale della Giunta Cirio, in un question time del Consiglio regionale, ha fatto riferimento alla Legge quadro 65 del 1986, che non consentirebbe alle Province e alle Città metropolitane di costituire corpi di Polizia amministrativa locale, prevedendo solo la possibilità di istituire appositi servizi interni, a cui attribuire lo svolgimento di funzioni di Polizia locale. Inoltre, a giudizio dell'Assessore Ricca, lo svolgimento di funzioni di vigilanza ambientale da parte di alcune unità di personale della Città metropolitana non sarebbe previsto da alcuna disposizione. Secondo la consigliera Grippo, sarebbe grave se il Consiglio metropolitano per risolvere il problema degli agenti faunistico-ambientali avesse commesso un errore nella corretta assegnazione dei profili professionali, perché gli agenti potrebbero trovarsi ad operare in una situazione non pienamente legale. Il disagio e l'incertezza del personale interessato, ha ricordato Grippo, è stato espresso in una lettera al comandante della Polizia metropolitana, alla Sindaca metropolitana e ai Consiglieri delegati.
Il vicesindaco metropolitano Marco Marocco ha risposto che la costituzione del corpo √® in linea con i principi stabiliti dall'articolo 117 della Costituzione e con le decisioni in materia adottate da altri 72 Enti italiani di area vasta, tra cui 7 Citt√† metropolitane su 10. Marocco ha fatto presente che met√† delle Province piemontesi hanno costituito corpi di Polizia locale, comprendenti anche personale in avvalimento da parte della Regione Piemonte. Ha poi ricordato che la Legge regionale del 30 novembre 1987, che prevede espressamente la costituzione di corpi di Polizia locale, le funzioni che possono esercitare e le sanzioni che possono comminare. Pertanto, a giudizio di Marocco, la Giunta Regione deve chiarirsi le idee sulla questione. Anche perch√©, a seguito di comunicazioni della Citt√† metropolitana a tutti gli organi interessati in merito alla costituzione del corpo di Polizia locale metropolitana, non sono pervenute osservazioni ostative o segnalazioni di illegittimit√† dell'operazione da parte della Prefettura di Torino. L'amministrazione regionale, ha spiegato il Vicesindaco Marocco, ha chiesto alle Citt√† metropolitana e alle Province piemontesi di partecipare ad una serie di incontri di approfondimento sulle funzioni delegate e sull'assetto organizzativo dei corpi di Polizia locale. Secondo Marocco √® opportuno che si faccia il punto sulle funzioni delegate, per affrontare competenze e criticit√† come la sicurezza e la gestione della rete viaria, la vigilanza ambientale, il contrasto al bracconaggio, i danni provocati dai cinghiali, gli abbruciamenti illegali di materiali. √ą chiaro, ha riconosciuto il Vicesindaco, che la Citt√† metropolitana, nel quadro del confronto con la Regione, ha la necessit√† di supportare il personale che svolge funzioni delicate, riconoscendo agli agenti un profilo adeguato.
La consigliera Grippo ha ribattuto che la Città metropolitana non può limitarsi ad attendere una convocazione da parte della Regione, visto che, ad esempio, la Provincia di Cuneo ha preso l'iniziativa di riconoscere l'adeguato profilo al personale impegnato nella vigilanza faunistico-ambientale. La Regione è stata precisa nel sottolineare che alcuni servizi di vigilanza non possono essere effettuati dagli agenti faunistico-ambientali. La Città metropolitana può scegliere di non richiedere al proprio personale quei servizi, oppure forzare il meccanismo e riconoscere la qualifica di agente di Polizia metropolitana al personale di vigilanza. La Consigliera Grippo ha sottolineato il disagio del personale di vigilanza, che prende ordini da un funzionario che non è ancora formalmente il loro. Occorre quindi un atto di autotutela da parte della Città metropolitana, per fare in mood che la Regione prenda una decisione sul personale in avvalimento. Grippo è poi tornata sul tema delle GEV, le cui competenze non sono state riconosciute dalla Regione. Secondo Grippo la situazione va risolta prima della fine dell'attuale mandato amministrativo.
Il Consigliere Mauro Fava della Lista civica per il territorio ha ricordato che un tavolo tra Città metropolitana e Regione si è già riunito e si è impegnato a dare il suo contribuito alla risoluzione del problema, nella sua qualità di Consigliere regionale. Il Vicesindaco Marocco ha confermato l'avvio del confronto sulle funzioni delegate e ribadito che la Regione ha chiesto alla Città metropolitana e alle singole Province un approfondimento sull'assetto delle Polizie locali. Secondo Marocco occorrono però risposte rapide da parte della Regione stessa, sia per la Città metropolitana che per il suo personale e per il territorio. Marocco ha poi chiesto ai Consiglieri metropolitani che siedono anche in Consiglio regionale di impegnarsi per risolvere il problema. Ha poi ribadito che le competenze e l'attività degli agenti faunistico-ambientali e delle GEV proseguono e sono le stesse di prima. Resta da sciogliere il nodo del profilo giuridico da assegnare agli agenti.

Dirigenti della Città metropolitana
Il consigliere Mauro Carena della lista "Città di città" ha fatto riferimento ad una lettera sottoscritta da alcuni dipendenti dell'Ente in servizio presso il Dipartimento Sviluppo economico in merito al passaggio del dirigente Mario Lupo alla Regione, rilevando che non si tratta dal primo caso. Secondo Carena se la Regione attinge al personale dirigenziale della Città metropolitana significa che l'Ente di area vasta dispone di personale con un elevato livello di professionalità. Dopo aver elogiato l'atteggiamento e l'impegno del corpo dirigenziale e di tutto il personale, Carena ha chiesto se esistano altre situazioni di criticità nel corpo dirigenziale. Ha chiesto inoltre come intende muoversi l'attuale amministrazione per affrontare tali criticità, tenendo conto dell'ipotizzabile coinvolgimento della Città metropolitana nell'imminente fase di realizzazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Secondo Carena occorre che l'amministrazione dia un segnale nella direzione di un Ente non depotenziato. Il Vicesindaco metropolitano Marco Marocco ha sottolineato il livello storicamente eccellente del personale della Provincia prima e della Città metropolitana oggi, Enti dotati di una struttura efficiente ma negli ultimi anni parzialmente depauperata nel suo patrimonio finanziario e di risorse umane.
Dall'inizio della riforma Delrio, ha ricordato Marocco, la dotazione di personale √® diminuita di 661 unit√†. Al 31 dicembre 2020 l'Ente si √® ridotto a contare su 771 dipendenti. Il depauperamento ha riguardato sia il corpo dirigente che l'intero personale. Uno degli intenti dichiarati della riforma nazionale della dirigenza √® stata la possibilit√† di aprire alla mobilit√† delle persone pi√Ļ capaci, per cui, a giudizio di Marocco, √® normale che i dirigenti cerchino di sviluppare un percorso personale di crescita professionale, anche se gli amministratori non possono che rammaricarsi per la loro fuoriuscita dall'Ente. La Citt√† metropolitana sta per√≤ assumendo, con procedure di mobilit√†, un dirigente per il Dipartimento Ambiente e uno per il Dipartimento Contabilit√† decentrata. Il Dipartimento Sviluppo economico, ha ricordato Marocco, ha ben elaborato per la costruzione del Piano Strategico Metropolitano, che consente ora di affrontare le progettualit√† del PNRR. Il Dipartimento ha potuto contare sinora su tre direzioni, di cui una, quella relativa ai servizi alle imprese e alla partecipazioni, sar√† soppressa, a seguito della costituzione della Metro Holding Torino. La Direzione Attivit√† produttive avr√† presto una nuova figura dirigenziale, che sar√† oggetto di un nuovo concorso pubblico. La Direzione sviluppo rurale non cambier√† invece il proprio dirigente. Marocco ha ricordato che all'inizio dell'attuale mandato amministrativo non era possibile approvare un piano assunzionale. Ora invece, grazie alle migliorate condizioni finanziarie, l'Ente si √® dotato di un piano assunzionale per l'acquisizione di 124 unit√† nel solo 2021. Il risultato, ha riconosciuto Marocco, si √® raggiunto grazie all'impegno di tutti: amministratori, dirigenti, funzionari e semplici dipendenti. Il Vicesindaco metropolitano ha affermato che occorre tenere conto del patrimonio di motivazioni delle persone che lavorano per l'Ente e nell'Ente, riconoscendo il valore delle scelte di chi ha deciso di rimanere nella Citt√† metropolitana. Il Consigliere Carena, pur riconoscendo l'importanza delle scelte personali di chi crede ancora nell'Ente, ha risposto che, a suo giudizio, non si pu√≤ sempre dare la colpa alle normative nazionali per enumerare le difficolt√† dell'Ente. I numeri del Bilancio, ha sottolineato Carena, oggi sono diversi da quelli del 2016. L'amministratore sagace deve quindi cercare di rendere l'Ente attrattivo per il personale capace, per evitare che lo lasci. A giudizio del Consigliere del gruppo di centrosinistra occorre porsi il tema di come fermare l'emorragia di personale ed occorre domandarsi se √® giusto o sbagliato quello che si fa e si sceglie in materia di personale e dirigenza.

Lavori pubblici nel Comune di Chianocco
Lavori pubblici nel Comune di Rubiana: realizzazione circonvallazione
Lavori pubblici nella Zona Omogenea 10
Lavori pubblici nel Comune di Sant'Ambrogio di Torino
Le interpellanze sono state brevemente illustrate dal Consigliere Carena e saranno trattate nel dettaglio in un successivo approfondimento nella Commissione competente. L'interpellanza riguardante il Comune di Chianocco è riferita al rifacimento di ponti, alla realizzazione di rotatorie e ad una serie di ampliamenti di arterie viarie. Per quanto riguarda il Comune di Rubiana l'interpellanza riguarda la progettazione di una circonvallazione. L'interpellanza sulla Zona omogenea 10 richiama l'urgenza di un collegamento viario tra Chierese e Canavese e di una serie di sistemazioni della viabilità esistente. L'interpellanza concernente il Comune di Sant'Ambrogio di Torino fa riferimento ad un parcheggio esistente lungo una strada provinciale, sul piazzale della Croce Nera al Sepolcro dei Monaci, che dovrebbe essere risistemato e valorizzato. Il Consigliere delegato ai lavori pubblici, Fabio Bianco, ha ribadito che gli approfondimenti saranno affrontati nella competente Commissione. Ha poi brevemente passato in rassegna gli interventi che saranno finanziabili con i fondi per 11 milioni di euro provenienti dal Ministero dei lavori pubblici, impiegabili per bitumature, manutenzioni di opere d'arte, protezioni e gallerie e per operazioni di manutenzione ordinaria. Ci sono poi risorse provenienti dal fondo vincolato per la messa in sicurezza dei ponti e dall'imminente Decreto Ponti 2 (previsti 7 milioni di euro di finanziamenti), dal fondo regionale per la risoluzione di criticità create dall'alluvione del 2019 e dalla distribuzione dei canoni idrici. Senza dimenticare l'impegno dell'avanzo interno e i fondi richiesti alla Regione Piemonte e allo Stato nell'ambito della realizzazione del Recovery Plan.

Progressioni orizzontali e incentivi di produttività
La Consigliera Maria Grazia Grippo della lista "Città di città" ha chiesto in che tempi è prevista l'erogazione dell'incentivo di produttività 2020 ai dipendenti. Ha chiesto inoltre se l'amministrazione intende procedere all'attivazione di un ciclo di progressioni orizzontali, rivolto a tutti i dipendenti che non si trovino già in posizione apicale nelle rispettive categorie di appartenenza. Il nuovo contratto collettivo nazionale, ha spiegato il Vicesindaco Marco Marocco, non può prevedere nuove indennità aggiuntive rispetto a quelle attuali. Il fondo per le progressioni orizzontali ammonta a 5.504.000 euro e non consente margini di manovra, essendo già in gran parte impiegato per le progressioni in corso. Inoltre le altre indennità non possono essere toccate per alimentare il fondo per le progressioni orizzontali. L'attuale amministrazione ha proposto una differente ipotesi di contratto integrativo, che riguarda le indennità di disagio e per specifiche reponsabiltà. Se si vogliono finanziare le progressioni orizzontali si devono reindirizzare le risorse e l'amministrazione, ha ribadito il Vicesindaco, disponibile a procedere alle progressioni. Non si possono comunque mantenere le attuali indennità e finanziare ulteriori progressioni orizzontali, che sono un istituto di natura premiale. La contrattazione tra amministrazione e rappresentanze sindacali potrà quindi riguardare solo i criteri generali per le progressioni. Per quanto riguarda l'indennità di produttività, essa sarà liquidata con la mensilità del mese di luglio.
La consigliera Grippo ha ribattuto che la politica pu√≤ rendere pi√Ļ fluide le trattative, anche facendo presente l'impossibilit√† di accogliere alcune richieste della parte sindacale. A giudizio della Consigliere del gruppo di centrosinistra, si riscontrano lungaggini nell'interlucuzione con la parte sindacale, che rendono impossibile comprendere le intenzioni dell'amministrazione. La politica deve pertanto assumersi le sue responsabilit√† nel determinare le tempistiche e la chiarezza dei messaggi che l'amministrazione diffonde durante la contrattazione. Secondo Grippo, ogni possibilit√† di valorizzare le professionalit√† deve essere percorsa. Il Vicesindaco Marocco ha concluso convenendo sul fatto che l'amministrazione pu√≤ sollecitare le due delegazioni trattanti a concentrare la propria attenzione sugli aspetti trattabili, tralasciando quelli che non lo sono.


DELIBERAZIONI

Proposta di modifica dello Statuto della Società 2I3T per la gestione dell'Incubatore di imprese e il trasferimento tecnologico dell'Università degli Studi di Torino
La Deliberazione è stata brevemente illustrata dal Consigliere delegato alle attività produttive e alla partecipazioni, Dimitri De Vita, il quale ha fatto riferimento alla necessità per un socio entrante di esprimere un proprio consigliere. La Deliberazione è stata approvata con 5 voti favorevoli e 5 astensioni.