Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Iscrizioni alla scuola superiore

"Ringrazio i dirigenti scolastici che hanno voluto segnalarci i problemi legati alle iscrizioni nei loro istituti, e rimarco con soddisfazione il grande impegno della Città metropolitana per rispondere al meglio alle esigenze delle scuole in merito alle nuove iscrizioni alla secondaria superiore. Lavorando di concerto con le istituzioni scolastiche abbiamo approvato 15 nuovi indirizzi di studio richiesti dalle stesse scuole per l'anno scolastico 2020-2021, e tra questi ben tre licei scientifici con indirizzo di scienze applicate: al Dalmasso di Pianezza, al Darwin di Rivoli e al Plana di Torino".

La consigliera metropolitana con delega all'istruzione Barbara Azzarà sottolinea il lavoro svolto dalle istituzioni pubbliche, e in particolare dalla Città metropolitana, per far fronte alla domanda di nuovi corsi emersa dal territorio metropolitano.

"Siamo consapevoli dei bisogni scolastici della popolazione, che sono in continua trasformazione e proprio per affrontarli nel migliore dei modi abbiamo monitorato puntualmente le iscrizioni grazie ai dirigenti scolastici, con l'obiettivo di fare rete e di offrire possibili alternative agli eventuali esuberi. Grazie alla programmazione e all'ampliamento dell'offerta, dalle nostre verifiche emerge che la situazione è ulteriormente migliorata rispetto agli anni scorsi. Per il resto, stiamo gestendo insieme le situazioni più complesse".

La Città metropolitana rimane a disposizione delle istituzioni e delle famiglie con il servizio di riorientamento scolastico.

Inoltre, l'Ente sta già facendo i necessari approfondimenti per accertare il numero dei casi di coloro che cambiano corso di studi durante l'anno scolastico, in particolare nelle classi prime: il dato significativo che sta emergendo è che in molti casi gli studenti del liceo abbandonano il loro corso di studi alla ricerca di scuole ritenute meno selettive. "Sono situazioni che generano difficoltà di accoglimento nelle scuole di arrivo, dal momento che le classi vengono formate prima dell'inizio dell'anno scolastico, e che rappresentano un ulteriore fallimento per le famiglie e gli studenti. È una situazione annosa, che si trascina da tempo" conclude la consigliera Azzarà, "e proprio per trovare soluzioni a questo problema stiamo lavorando di concerto con la Regione e, in particolare, con la Città di Torino sul sistema dell'orientamento".


LE ATTIVITÀ CURATE DALLA CITTÀ METROPOLITANA

Obiettivo Orientamento Piemonte

La Città metropolitana coordina sul proprio territorio le attività di Obiettivo Orientamento Piemonte, il sistema di orientamento della Regione Piemonte pensato per aiutare adolescenti e giovani a scegliere il proprio percorso nei vari cicli di studio e nelle prime fasi della vita professionale. È un sistema di servizi di orientamento integrati i cui principali strumenti sono:

  • rete degli sportelli territoriali gratuiti;
  • colloqui e consulenze individuali;
  • seminari informativi e percorsi di educazione alla scelta nelle scuole secondarie di I e II grado (medie e superiori);
  • guide di orientamento on-line;
  • ricerca mirata di informazioni utili a sostenere le scelte;
  • iniziative di contrasto alla dispersione scolastica;
  • palinsesto Open days e saloni di orientamento.

Le attività proposte dalla Città metropolitana per il triennio 2019-22 sono finanziate con 3,3 milioni di euro provenienti dal Fondo sociale europeo. Coinvolgono una platea potenziale di circa 195 mila giovani che frequentano istituti scolastici o enti di formazione professionale, oppure che sono a rischio di dispersione scolastica o in cerca di lavoro.
L'intervento si sviluppa sui territori grazie anche alla costante collaborazione con l'ufficio scolastico regionale del Piemonte e con Agenzia Piemonte Lavoro e le loro articolazioni territoriali (uffici scolastici territoriali e centri per l'impiego).
I 45 sportelli di Obiettivo Orientamento Piemonte coordinati dalla Città metropolitana, a cui possono rivolgersi ragazzi e ragazze dagli 11 ai 22 anni e le loro famiglie per avere tutte le informazioni sulle azioni di orientamento disponibili e attivare percorsi orientativi mirati.

Open day

Anche quest'anno gli Istituti scolastici secondari di secondo grado e le Agenzie formative dedicano alcune giornate, chiamate Open day, alla presentazione dei loro corsi e delle attività.
Per i ragazzi e le famiglie è un'occasione per visitare le strutture e i laboratori, conoscere gli insegnanti e, in alcuni casi, assistere a lezioni aperte.
Il calendario delle iniziative segnalate dalle scuole e dalle agenzie (per informazioni più dettagliate e per una maggiore sicurezza nel caso di eventuali variazioni di date e orari è bene verificare sul sito della scuola o dell'agenzia). Nel mese di gennaio quasi tutte le scuole hanno ancora diverse date in calendario.

Saloni dell'orientamento

Anche durante l'anno scolastico 2019-2020, a Torino e nei principali Comuni del territorio metropolitano, sono stati organizzati, con il coordinamento della Città metropolitana, i Saloni dell'orientamento, che sono un'occasione importante, per gli studenti e le loro famiglie, per incontrare docenti e studenti delle Scuole secondarie di secondo grado e delle Agenzie formative e per conoscere la loro offerta scolastica e formativa, ottenere materiali e informazioni utili, conoscere le iniziative di orientamento proposte.

Novità dalle scuole

Nasce un nuovo Liceo scientifico con opzione scienze applicate a Torino: è quello dell'Istituto Plana di piazza Robilant. Il percorso affianca quelli storici di Istruzione professionale (manutentori meccanici ed elettrici, odontotecnici, ottici). L'elevato numero di laboratori darà una forte propulsione alla didattica laboratoriale tipica delle scienze applicate. Il Plana dispone di numerosi e attrezzati laboratori che spaziano dalla Chimica alla Fisica, dall'Informatica all'Elettrotecnica, oltre a quelli più specialistici (Pneumatica, Automazione e Meccanica, Odontotecnica, Lenti oftalmiche e Optometria). La novità del Liceo scientifico permetterà, inoltre, una possibilità di ri-orientamento tempestivo all'interno dell'Istitutostesso. Ad esempio, studenti che scelgono l'istruzione liceale al primo anno potranno essere riorientati verso gli altri percorsi dell'Istituto, qualora capiscano che un'istruzione professionale di alto livello possa meglio rispondere alle loro inclinazioni.

 

(05 febbraio 2020)