Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

CLIC3

L'Associazione Hydroaid, nel quadro delle iniziative per l'anno scolastico 2020/2021, ha riattivato i percorsi formativi di educazione ambientale del progetto "CliC3 - dalla parte del fiume": dal 4 novembre sono aperte le iscrizioni al programma che ha come tema l'ecosistema fluviale.
L'iniziativa, rivolta alle scuole secondarie di primo grado, vede coinvolti i comuni di Beinasco, Candiolo, Orbassano, La Loggia, Moncalieri, Nichelino, None, Torino (zona Mirafiori), Vinovo e Volvera.

Il progetto, attraverso un percorso ludico-formativi rivolto alle scuole primarie, vuole continuare a contribuire alla formazione di una sensibilità diffusa su tematiche ambientali dei futuri cittadini che saranno chiamati a compiere scelte consapevoli e sostenibili nella gestione del delicato ecosistema dell'ambiente fluviale e del territorio.
La proposta, grazie all'esperienza dei soggetti coinvolti nell'iniziativa in qualità di partner, attiva una visione multidisciplinare volta a offrire un quadro ampio di nozioni e approcci, necessari alla creazione di un "comune sentire" all'interno delle comunità locali.
Il progetto insiste su due pilastri educativi: la conoscenza del fiume (ecosistema naturale, risorsa per l'uomo, elemento che modella il territorio e comporta dei rischi ma anche entità fortemente impattata dai cambiamenti climatici) e la sua narrazione per favorire la consapevolezza di come il fiume abbia da sempre condizionato, e continui ad influenzare, il territorio, ma anche di come l'uomo lo abbia valorizzato, sfruttato e a volte anche violato.
Il fiume, una delle entità più influenzate dai mutamenti climatici, bene rappresenta insieme acqua e clima che sono due degli elementi fondamentali riconosciuti dall'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, un programma d'azione sottoscritto nel 2015 dalle Nazioni Unite.
Dai bacini fluviali dipende la sopravvivenza di una gran parte della popolazione mondiale, si stima infatti che il 19% del PIL globale proviene da bacini che hanno già un rischio idrico elevato o molto elevato. Ecco perché la conoscenza delle dinamiche naturali e antropiche legate al fiume, insieme all'identificazione di strategie atte a ripristinare la salute dei fiumi, porta ad avere enormi benefici per il territorio e una solida garanzia di equilibrio tra uomo e natura.

Ricordiamo che il progetto è finanziato dall'Autorità d'Ambito torinese ATO3 e in collaborazione con CinemAmbiente, Legambiente, MAcA (Museo A come Ambiente) e Città metropolitana.


Un fiume di scienza, esperimenti sull'acqua da fare in casa o a scuola

L'anno scolastico 2019-2020 si è appena concluso, ma non per il progetto "CliC³-Dalla parte del fiume", che ha dovuto fare i conti con l'emergenza Covid-19. Il progetto, che doveva concludersi a giugno è al momento sospeso,a è stata accolta dal finanziatore, l'Autorità d'ambito 3 Torinese, la richiesta di proroga e quindi CliC³ si concluderà nel mese di dicembre 2020.

Intanto prosegue la produzione di videotutorial pubblicati sul canale YouTube della Città metropolitana di Torino. Si tratta di video pensati per dare l'occasione ai ragazzi di effettuare anche da casa piccoli esperimenti scientifici, utili per comprendere gli argomenti trattati nelle schede didattiche che sono state inviate alle classi durante la prima parte del progetto. È un altro esempio dell'impegno della Città metropolitana nella didattica a distanza, grazie all'utilizzo delle tecnologie multimediali e telematiche.
La struttura di produzione multimediale della direzione Comunicazione della Città metropolitana sta realizzando il ciclo di filmati intitolato "Un fiume di scienza, esperimenti sull'acqua da fare in casa o a scuola".

Sono disponibili il terzo e il quarto esperimento, uno intitolato "Scomponiamo il suolo" serve a comprendere da quante e quali particelle è composto il terreno che tutti i giorni calpestiamo o coltiviamo, grazie al fenomeno della sospensione e della sedimentazione nel fondo di un barattolo riempito d'acqua, l'altro intitolato  "Ciclo dell'acqua in barattolo" consente invece di osservare alcune fasi del ciclo idrogeologico dell'acqua utilizzando semplici materiali reperibili in casa. I ragazzi sono accompagnati a comprendere che noi umani del XXI secolo, grazie al ciclo evaporazione-condensazione-precipitazione al suolo e in mare, beviamo la stessa acqua che bevevano i dinosauri!

Tutti i videotutorial nella playlist dedicata.

La prima parte del progetto

In queste settimane in cui le scuole sono schiuse, anche il progetto "CliC³ - dalla parte del fiume", promosso da Hydroaid nell'ambito dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, pur non facendo parte dell'attività curricolare, ha deciso di contribuire alla riorganizzazione didattica in atto, utilizzando le opportunità telematiche.

La struttura di produzione multimediale della Direzione comunicazione della Città metropolitana sta realizzando una serie di filmati che illustrano esperimenti didattici realizzabili dagli allievi, sia a casa che in classe quando riprenderanno le lezioni.
"CliC³-dalla parte del fiume" coinvolge quest'anno 230 studenti delle classi quarte di cinque scuole primarie dei comuni di Beinasco, Moncalieri, Torino (zona Mirafiori), Vinovo e Volvera.

Quando l'emergenza sarà terminata, verranno riprogrammati gli incontri, ed entro la fine dell'anno scolastico, al termine del percorso didattico, verrà realizzato un evento finale, alla presenza delle istituzioni locali e del finanziatore, nel quale saranno presentate tutte le opere artistiche e le esperienze realizzate dalle classi partecipanti al progetto.

Il progetto CliC³ - dalla parte del fiume

Contribuire a divulgare la conoscenza dell'ambiente fluviale nei giovani, per promuovere lo sviluppo di una cultura del rispetto ambientale, attraverso un atteggiamento responsabile nei confronti dell'uso e della gestione della risorsa idrica e del territorio; questo, in sintesi, l'obiettivo del progetto CliC³ - dalla parte del fiume, promosso da Hydroaid, nell'ambito dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.
Il progetto coinvolge le scuole primarie e, attraverso percorsi ludico-formativi e attività didattiche, intende sensibilizzare e contribuire alla formazione dei futuri cittadini che saranno chiamati a compiere scelte consapevoli e sostenibili nella gestione del delicato ecosistema dell'ambiente fluviale e del territorio.
L'iniziativa si rivolge a 230 studenti delle classi quarte e quinte di 5 scuole primarie dei comuni di Beinasco, Moncalieri, Torino (zona Mirafiori), Vinovo e Volvera.

L'iniziativa si rivolge a 230 studenti delle classi quarte di 5 scuole primarie dei comuni di Beinasco, Moncalieri, Torino (zona Mirafiori), Vinovo e Volvera.

Il progetto, finanziato dall'Autorità d'Ambito torinese ATO3 e in collaborazione con CinemAmbiente, Legambiente, MAcA (Museo A come Ambiente) e Città metropolitana, intende fornire anche ai Comuni coinvolti uno strumento di connessione delle diverse esperienze e competenze di istituzioni scolastiche, amministrazioni e associazioni del territorio, per una gestione corretta e sostenibile dei corsi d'acqua.

Gli appuntamenti di CliC³

 

(11 novembre 2020)