Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Agenda per lo sviluppo sostenibile

In Italia tutte le 14 Città metropolitane sono impegnate nella realizzazione delle loro Agende per lo sviluppo sostenibile con il sostegno del Ministero dell'Ambiente, della tutela del territorio e del mare. Dopo la Carta di Bologna per l'Ambiente, sottoscritta dai Sindaci metropolitani nel giugno 2017, si tratta di un ulteriore impegno per la territorializzazione degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell'intero Paese.

Anche Città metropolitana di Torino è pronta a far partire la propria Agenda metropolitana per lo sviluppo sostenibile, giovedì 1° ottobre la sindaca metropolitana Chiara Appendino ha annunciato l'avvio di questo processo nel corso dell'evento online organizzato da AsviS l'alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile, l'organismo che riunisce oltre 270 tra le più importanti istituzioni e reti della società civile con l'obiettivo di far crescere nella società italiana la consapevolezza dell'importanza dell'Agenda per lo sviluppo sostenibile. La giornata ha visto gli interventi e le tavole rotonde di amministratori metropolitani da tutta Italia; le Città metropolitane di Bari, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Roma Capitale, Reggio Calabria, Torino e Venezia, hanno illustrato i progetti delle rispettive Agende per favorire localmente la creazione di una cultura della sostenibilità a tutti i livelli, grazie anche all'orientamento dei modelli di produzione e di consumo.

"La nostra Agenda metropolitana per lo sviluppo sostenibile – sottolinea la consigliera delegata all'Ambiente Barbara Azzarà – nasce nel contesto della Strategia regionale per lo sviluppo sostenibile, lo strumento operativo utilizzato dalla Regione Piemonte per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità dell'Agenda 2030: le Città metropolitane rappresentano quel livello intermedio che, per dimensioni ed estensione, possono ben sperimentare un coinvolgimento che tenga conto dei bisogni dei cittadini e renda concreta la ricaduta a livello locale di quanto previsto dagli ambiziosi obiettivi".

 

(02 ottobre 2020)