Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

PUMS

Si chiama PUMS, è il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, la cui adozione da parte delle Città metropolitane è sancita da un apposito decreto del 4 agosto 2017.
Proprio la Città metropolitana è l'ente competente per la sua redazione e approvazione. Si tratta di un piano strategico di medio e lungo termine che dovrà essere aggiornato ogni cinque anni, essere coerente con la pianificazione territoriale, perseguire obiettivi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica.
Il processo per arrivare alla sua definizione e approvazione è piuttosto complesso e articolato. L'iter completo si svilupperà attraverso diverse fasi con un percorso partecipato che prevede il coinvolgimento del territorio a partire dalle zone omogenee, agli stakeholder, fino ai cittadini.
Il percorso prevede ancora l'istituzione di un apposito Comitato scientifico con l'Università, il Politecnico di Torino e la Cattolica di Milano, la creazione di pagine web, la convocazione di incontri tecnici di approfondimento in ciascuna zona omogenea; infine la convocazione di un forum metropolitano. I lavori dovranno concludersi entro il mese di febbraio del 2021 con la presentazione del PUMS preliminare approvato dal sindaco metropolitano, un convegno aperto al pubblico, la raccolta delle controdeduzioni attraverso un'apposita piattaforma. Il Piano verrà in seguito approvato dal Consiglio metropolitano e presentato agli amministratori.

Mercoledi 8 maggio a Palazzo Cisterna, la Città metropolitana ha avviato l'iter del PUMS con un primo incontro tra amministratori locali e tecnici esperti in materia.


I prossimi incontri in programma
  • lunedì 20 maggio, ore 14, a Chieri con la zona 11 Chierese-Carmagnolese;
  • lunedì 10 giugno, orario da definire, a Ciriè con zona 7 Ciriacese-valli di Lanzo e zona 10 Chivassese.

Gli incontri svolti sul territorio
  • lunedì 13 maggio a Rivarolo con zona 8 Canavese occidentale e zona 9 Eporediese.
  • martedì 14 maggio, ore 14 ,a Pinerolo con zona 5 Pinerolese e zona 6 valli di Susa e Sangone;

 

(14 maggio 2019)