Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Sicurezza nelle scuole

Era presente anche la Città metropolitana alla Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole, istituita nel 2015 dalla legge sulla buona scuola, che si è tenuta stamattina a Torino.
La consigliera delegata all’istruzione e al sistema educativo, Barbara Azzarà, accompagnata dal gonfalone dell’Ente, ha preso parte alla marcia organizzata dagli studenti del Primo Liceo Artistico in memoria di Vito Scafidi e poi alla cerimonia durante la quale è stato intitolato al ragazzo tragicamente scomparso dieci anni fa il giardino di piazza Chiaves, nel quartiere torinese di Vanchiglietta, alla presenza dei famigliari di Vito, della sindaca di Torino e della Città metropolitana Chiara Appendino e degli altri rappresentanti delle istituzioni locali.

"Vorrei che il contributo artistico dei ragazzi e l’intitolazione del giardino a Vito" ha commentato la consigliera Azzarà "fossero un ponte verso il domani, un monito alle istituzioni e a tutti noi per il grande lavoro che resta ancora da fare. Ognuno deve fare la sua parte. La Città metropolitana ne è pienamente consapevole" ha aggiunto Azzarà "e sta mettendo in campo numerosi interventi, grazie alla rinnovata disponibilità di risorse economiche, finalmente più cospicue rispetto agli anni passati".

Grazie a risorse proprie utilizzabili al di fuori del patto di stabilità, infatti, la Città metropolitana di Torino ha investito 7 milioni e mezzo di euro nel 2017 e quasi 13 milioni nel 2018 per interventi di messa in sicurezza, adeguamento normativo e manutenzione straordinaria negli edifici scolastici di propria competenza. Saranno aggiudicati entro aprile 2019 interventi di messa in sicurezza di solai dal fenomeno dello sfondellamento per quasi 8 milioni di euro complessivi, finanziati dal Miur con il cosiddetto Decreto Fedeli.
Questo Ente ha inoltre partecipato al bando della Regione Piemonte per assicurarsi risorse che saranno erogate dal Miur nell’ambito del Piano triennale per l’edilizia scolastica 2018-2020. Nella graduatoria sono compresi, per la prima tranche di finanziamenti, progetti di messa in sicurezza, adeguamento sismico e adeguamento normativo in quattro edifici scolastici:

Per questi interventi i progetti esecutivi saranno approvati nella prima parte del 2019.
Per la seconda tranche, sono stati presentati progetti preliminari su 34 scuole, per quasi 80 milioni di euro complessivi, che saranno attivati nelle annualità successive, sulla base degli importi dei finanziamenti che saranno erogati dal Miur. A questi si aggiungono i fondi propri stanziati dalla Città metropolitana e altri finanziamenti regionali, che consentiranno di investire, nei prossimi anni, dai 15 ai 20 milioni l’anno per interventi di manutenzione e adeguamento normativo.

 

(22 novembre 2018)