Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Organalia 2016

"Turin Spring Organ Festival": dieci concerti dal 23 aprile al 15 giugno con l’ultima esibizione a Palazzo Cisterna

Causa probabile maltempo, si comunica che mercoledì 15 giugno il concerto di chiusura del festival non si terrà nel cortile d'onore di Palazzo Dal Pozzo della Cisterna, ma presso la chiesa di San Giovanni evangelista in corso V. Emanuele II n. 13, con inizio alle ore 21.

Con la prima edizione del "Turin Spring Organ Festival", un circuito concertistico di musica per organo interamente dedicato al capoluogo piemontese, Organalia 2016 metterà in rete nove strumenti in Torino collocati nelle chiese di San Massimo e di San Bernardino, nell’Oratorio di San Filippo Neri, nel Santuario di Sant’Antonio da Padova, nel Conservatorio "Giuseppe Verdi", nella chiesa del Santo Volto, nel Tempio Valdese, nella chiesa del Cottolengo e in quella di San Giovanni evangelista. Per concludere il circuito è stato scelto emblematicamente il cortile d’onore di Palazzo Dal Pozzo della Cisterna, in cui mercoledì 15 giugno alle 21.30 si esibirà l’Arsnova Wind Orchestra diretta da Andrea Morello.
Alla consolle del poderoso organo a tre tastiere, appositamente costruito dalla Fabbrica Artigiana Organi Francesco Michelotto di Albignasego, siederà Paolo Oreni. Saranno eseguite composizioni trascritte dal britannico Arthur Wills, ospite d’onore della serata. In occasione della celebrazione del suo 90° compleanno, al maestro Wills sarà conferito il Premio Organalia alla carriera. L’ingresso ai concerti è con offerta libera.

Il programma

Roberto Cognazzo inaugurerà la rassegna nella chiesa di San Massimo sabato 23 aprile alle 21 con un concerto interamente dedicato a uno dei più significativi compositori dell’opera verista: Pietro Mascagni. Si potrà così riascoltare il grandioso organo costruito da Carlo Vegezzi Bossi nel 1884 per l’Esposizione generale italiana di Torino. È stato realizzato un cd che verrà presentato in occasione del concerto.

Secondo concerto lunedì 25 aprile alle 21 nella chiesa di San Bernardino con Luca Benedicti alla consolle dell’organo costruito da Tamburini nel 1961. Il programma, intitolato “Fil rouge”, vuole unire in un unico afflato Bach e i musicisti del Romanticismo che seguirono le sue orme: Mendelssohn e Brahms.

Sabato 30 aprile alle 21 all’Oratorio di San Filippo Neri, sarà possibile ascoltare l’organo costruito da Luigi Concone nel 1838, appena restaurato da Marco Renolfi. La celeberrima organista catalana Monserrat Torrent Serra, celebrerà il suo 90° compleanno e riceverà il Premio Organalia alla carriera.

Sabato 7 maggio alle 21 nel Santuario di Sant’Antonio da Padova suonerà l’organista siciliano Diego Cannizzaro, che proporrà all’ascolto il Concerto gregoriano di Pietro Alessandro Yon, alla consolle dell’organo costruito da Francesco Vegezzi Bossi nel 1928-29. Cannizzaro eseguirà inoltre una serie di composizioni di autori contemporanei di Yon, canavesano naturalizzato americano morto nel 1943. Durante la serata sarà presentato un cd dedicato a Yon (volume primo), registrato sul più grande organo italiano, il Tamburini della Cattedrale di Messina.

Sabato 14 maggio alle 21 al Conservatorio “Giuseppe Verdi” sull’organo Tamburini, ideato da Ulisse Matthey nel 1933-34, suonerà Andrea Macinanti, in un concerto dedicato alla memoria dell’organista Massimo Nosetti, scomparso nel 2013.

Sabato 21 maggio nella chiesa del Santo Volto si terrà un altro concerto dedicato a Yon. Sarà possibile ascoltare il Concerto gregoriano del musicista nato a Settimo Vittone, nella versione per organo e pianoforte. Sarà utilizzato l’organo Fratelli Ruffatti del 2007. Gli interpreti saranno la pianista Angiola Rocca e l’organista Massimo Gabba. Durante la serata sarà presentato il secondo cd dedicato a Pietro Alessandro Yon.

Giovedì 26 maggio alle 21 al Tempio Valdese il programma sarà interamente bachiano e si esibiranno l’organista Stefano Pellini e il sassofonista Pietro Tagliaferri. Sarà utilizzato l’organo costruito da Guido Pinchi nel 1996. Sarà presentato il cd con musiche per organo e sax soprano della serie “Riverberi”, registrato lo scorso anno all’organo Dell’Orto&Lanzini di Vigliano Biellese.

Sabato 4 giugno alle 21 nella Chiesa del Cottolengo alla consolle dell’organo Carlo Vegezzi Bossi del 1896 l’organista Marco Limone proporrà un programma interamente dedicato alla musica romantica tedesca con brani di Mendelssohn, Brahms, Schumann, Karg-Elert e Rheinberger.

Sabato 11 giugno alle 21 nella chiesa di San Giovanni evangelista l’organista Marco Ruggeri (alla consolle dell’organo Bernasconi-Baldi del 1935) e la violinista lituana Lina Uinskyte ricorderanno Ottorino Respighi nell’ottantesimo anniversario della morte, con il Concerto gregoriano nella trascrizione per organo e violino. Durante la serata sarà presentato un cd dedicato ad una serie di autori italiani vissuti tra il XIX e XX secolo, con musiche di Ponchielli, Bazzini, Veretti, Pilati e Rota. Il cd è stato registrato lo scorso anno nella chiesa Confraternitale di San Bernardino a Vercelli.

Per concludere il circuito è stato scelto il cortile d’onore di Palazzo Cisterna in cui mercoledì 15 giugno alle 21,30 si esibirà l’Arsnova Wind Orchestra diretta da Andrea Morello. Alla consolle del poderoso organo a tre tastiere, appositamente costruito dalla Fabbrica Artigiana Organi Francesco Michelotto di Albignasego, siederà Paolo Oreni. Saranno eseguite composizioni trascritte dal britannico Arthur Wills, ospite d’onore della serata. In occasione della celebrazione del suo 90° compleanno, al maestro Wills sarà conferito il Premio Organalia alla carriera.


"Nel bel verde Canavese": nove concerti dal 6 maggio al 23 giugno

Da quindici anni i concerti di Organalia valorizzano beni culturali importanti, come le chiese e i loro organi, patrimonio dell’intero territorio, e il Canavese è un teatro naturale perfetto per la rassegna. La Città metropolitana sostiene Organalia ed intende valorizzare le peculiarità naturali e culturali, partendo proprio dalle eccellenze del territorio.

L’itinerario “Nel bel verde Canavese” propone 9 concerti e si sviluppa nella parte orientale del territorio canavesano, che comprende il lago di Viverone e l’anfìteatro morenico di Ivrea, sconfinando nel Vercellese. Il percorso coniuga la pianura con la collina, le zone umide con la montagna, comprendendo località a cavallo tra l'area metropolitana di Torino e le Province di Vercelli e di Biella.

Il primo concerto è in programma in una chiesa parrocchiale particolarmente cara agli Eporediesi, quella dedicata a San Lorenzo martire, che sorge sull’asse stradale che collega Ivrea con il Canavese orientale; con l'occasione sarà presentato il primo dei CD dedicati all’opera omnia per organo di Pietro Alessandro Yon, registrato sull’organo della cattedrale di Messina. La rassegna proseguirà a Cossano Canavese, ad Alice Castello, a Viverone, a Vigliano Biellese, a Quassolo, a Borgofranco d’Ivrea, ad Andrate ed infine l'ultimo concerto nuovamente ad Ivrea nella Cattedrale.
L’ingresso ai concerti è con offerta libera.

Il programma

  • venerdì 6 maggio alle 21 ad Ivrea nella chiesa di San Lorenzo, con l’organista Diego Cannizzaro;
  • venerdì 13 maggio alle 21 a Cossano Canavese nella chiesa di Santo Stefano con l’organista Paolo Tarizzo e il baritono Mattia Pauluzzo;
  • venerdì 20 maggio alle 21 ad Alice Castello nella chiesa di San Nicolao con l’organista Giancarlo Parodi;
  • venerdì 27 maggio alle 21 a Viverone nella chiesa di Santa Maria Assunta con l’organista Stefano Pellini e con Pietro Tagliaferri al sax soprano;
  • sabato 28 maggio alle 21 a Vigliano Biellese nella chiesa di Santa Maria Assunta con l’organista Stefano Pellini e con Pietro Tagliaferri al sax soprano;
  • venerdì 3 giugno alle 21 a Quassolo nella chiesa di Santa Maria Assunta con l’organista Christian Tarabbia;
  • venerdì 10 giugno alle 21 a Borgofranco d’Ivrea nella chiesa di San Maurizio Martire con l’organista Marco Ruggeri e la violista Lina Uinskyte;
  • venerdì 17 giugno alle 21 ad Andrate nella chiesa di San Pietro in Vincoli con l’organista Luca Guglielmi;
  • giovedì 23 giugno alle 21 nella Cattedrale di Ivrea con il complesso Cantica Simphonia diretto da Giuseppe Maletto e con l’organista Maurizio Fornero.

(02 maggio 2016)