Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Laboratorio occupabilità a Moncalieri

Il carrello-robot preleva i pezzi da un ipotetico magazzino e li consegna ad un altro robot che li deve assembleare con altri pezzi. La stampante 3D realizza prototipi di oggetti di uso comuni o di ingranaggi di macchine complesse. Siamo nei laboratori dell'Istituto Tecnico Pininfarina di Moncalieri, una scuola che è un punto di riferimento nella cintura sud di Torino per la formazione in settori come la meccatronica e la robotica. È venerdì 22 febbraio, il giorno dell'inaugurazione del Laboratorio Territoriale per l'Occupabilità, che vede collaborare il Pininfarina, il mondo delle imprese e il Politecnico, che un giorno accoglierà molti di quegli studenti, indirizzandoli ad un percoso che abbina lo studio al lavoro. Non è un caso se all'inaugurazione del Laboratorio hanno partecipato il Rettore del Politecnico, Guido Saracco, i rappresentanti delle associazioni imprenditoriali e del Ministero dell'Istruzione, le autorità cittadine e regionali e la Consigliera metropolitana delegata all'istruzione, al sistema educativo e all'orientamento, Barbara Azzarà.

Il laboratorio è nato grazie ad un finanziamento del Ministero e al cofinanziamento di istituzioni e imprese pubbliche e private, che hanno messo insieme risorse per 800.000 Euro, dando vita ad una struttura aperta a studenti, docenti, aziende e cittadini che pone la scuola in stretto rapporto con la nuova filiera della formazione, di cui fanno parte istituzioni locali pubbliche e private, università, centri di ricerca e imprese, puntando sulla meccatronica, la ricerca, l'elettronica digitale, l'automazione, lo sviluppo delle ICT e della fabbricazione digitale. Nel laboratorio si impara facendo, combinando formazione disciplinare, ricerca e sperimentazione in laboratorio, esperienza sul campo, imprenditorialità e sviluppo teorico e pratico di idee innovative.

 

(26 febbraio 2019)