Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

MOBILITÀ SOSTENIBILE

Fai il furbo! Muoviti con il car pooling

LA VAL SUSA SCEGLIE IL CAR POOLING

Sono partiti gli incontri informativi sulla sperimentazione dell'auto condivisa nel territorio della bassa valle di Susa per favorire un uso più sostenibile della propria macchina.
Nella mattinata del 25 gennaio, ad Almese si è installato un primo punto informativo.

Sono previsti nuovi incontri sul territorio che verranno programmati nelle prossime settimane.

I Comuni che hanno aderito alla sperimentazione: Almese, Avigliana, Caselette, Villar Dora, Caprie, Condove, Vaie, Chianocco, Bussoleno, Susa e Venaus.
Se vivi in valle di Susa puoi compilare in qualsiai momento il questionario online, con i tuoi suggerimenti puoi contribuire a rendere la progettazione più incisiva.

La Città metropolitana, in collaborazione con l'Agenzia per la mobilità piemontese, è impegnata ad attuare una progettazione più efficace ed efficiente delle azioni finanziate dal progetto europeo Co&Go, nell'ambito del programma transfrontaliero Alcotra - Italia Francia.

 

Le adesioni alla sperimentazione

Sono già 11 i Comuni della Valle di Susa che hanno scelto di aderire alla sperimentazione voluta dalla Città metropolitana di Torino nell'ambito dee progetto di cooperazione transfrontaliera ALCOTRA Italia - Francia dedicato alla mobilità sostenibile ed in particolare al car pooling.

Si tratta di Caselette, Almese, Avigliana, Villar Dora, Caprie, Condove, Vaie, Chianocco, Bussoleno, Susa e Venaus.

L'iniziativa ha preso il nome, in piemontese, FATE FURB (pdf 403 KB), uno slogan indirizzato ai tanti automobilisti che recandosi ogni giorno dal territorio verso Torino per studio o lavoro, si ritrovano imbottigliati nel traffico.

Nell'ambito del progetto "Co&Go - Covoiturage e Governance" finanziato dal Programma Interreg Alcotra la Città metropolitana di Torino che ha il ruolo di capofila ha individuato proprio al Valle di Susa per  favorire la pratica della condivisione dell'automobile privata, integrandola con altre forme di mobilità sostenibile, come il trasporto pubblico, la bicicletta, i mezzi sharing.

La sperimentazione prevede animazione territoriale, comunicazione, incontri pubblici con la popolazione e con le scuole, punti informativi e promozione sui social media per innescare in bassa val di Susa l'avvio di un cambiamento culturale ed abbattere gli ostacoli psicologici alla condivisione dell'auto, prevedendo, alla fine del progetto anche una piattaforma per la creazione e l'incentivazione degli equipaggi e la realizzazione di fermate ed aree di interscambio nei luoghi più opportuni.

Calendario degli incontri pubblici di animazione territoriale:


Vivi in valle di Susa? Compila il questionario online: i tuoi suggerimenti ci sono utili.

Altri progetti di mobilità sostenibile

 

Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2020