Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Il restauro di carte e foto della biblioteca al CCR di Venaria

Questa è la storia di una piccola grande collaborazione istituzionale che vede al centro dell'interesse comune di Città metropolitana e del Centro di restauro e conservazione della Venaria reale una parte dell'immenso patrimonio conservato nella nostra Biblioteca di storia e cultura del Piemonte, che a Palazzo Cisterna racchiude accanto a preziosi volumi altrettanto preziose collezioni fotografiche.

Come ad esempio il Fondo che il grande bibliofilo, bibliografo ed editore Marino Parenti donò all'allora Provincia di Torino negli anni ‘60 e che accanto alla corposa e preziosa biblioteca, annovera una raccolta fotografica assai interessante: contiene materiali notevoli, in particolare ritratti e vedute del milanese Luigi Sacchi (1805-1861), celebre incisore e illustratore dedicatosi alla metà degli anni '40 dell'Ottocento alla fotografia (nella versione calotipica diffusa dal Talbot) .Nella sezione fotografica del Fondo Parenti sono inoltre presenti un album anonimo che descrive un viaggio ideale da Torino a Firenze toccando Genova, La Spezia e Pisa, risalente agli anni '70 dell'Ottocento, ed altri relativi agli ultimi decenni del medesimo secolo che documentano viaggi in Egitto , Tunisia e Sudafrica ai tempi del conflitto anglo-boero. I soggetti romani del Fondo Parenti avevano bisogno di restauro, così come 20 opere su carta, disegni provenienti dalla Raccolta Dragoni, tra cui alcune xilografie di Lorenzo Viani.

Tutto materiale che lo scorso anno, d'intesa con la Soprintendenza, la Città metropolitana ha portato al Centro di restauro e conservazione della Venaria reale perché diventasse – con l'occasione dell'intervento conservativo – materia di studio per i giovani restauratori del futuro.

Dopo il lockdown di inizio 2020 che ha interrotto bruscamente anche il corso di studi in restauro, siamo andati a vedere a che punto sono i lavori: le allieve del secondo anno del percorso formativo all'interno del corso in conservazione e restauro dei beni culturali coordinate dalla responsabile Ambra D'Aleo, sono intervenute su un'acquaforte di Tono Zancanaro del 1950 intitolata "Brunalba a punta Nord". Nel laboratorio di carta e fotografia, le allieve hanno fatto prima un trattamento di pulitura superficiale poi hanno rimosso le tracce di adesivo lasciate da un nastro degli anni ‘70 che purtroppo aveva rilasciato la parte collante sull'opera. Una camicia conservativa ora contiene l'acquaforte, ben protetta e comunque ricollocata all'interno del passpartout originale d'epoca..

Per l'intervento sulle restanti opere, si dovrà attendere il prossimo anno accademico, in autunno.
Luca Avataneo, storico dell'arte per il centro restauro e conservazione la Venaria reale, ha voluto sottolineare l'importanza di far lavorare i futuri restauratori su opere come quelle della nostra Biblioteca: "gli iscritti al corso, le nuove generazioni di restauratori hanno avuto la possibilità di confrontarsi con materiali non necessariamente cosi conosciuti, ma importantissimi, come sono le carte dipinte e le fotografie storiche".

 

(05 giugno 2020)