Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre ricorre la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne; data scelta dall'Assemblea Generale della Nazioni Unite nel 1999 per ricordare l'uccisione delle tre sorelle Mirabal (Las mariposas) nella Repubblica Dominicana.

La situazione che stiamo vivendo, l'essere in qualche modo costretti a casa tutto il giorno, inasprisce le convivenze già di per sé difficili aumentando il rischio di violenze domestiche, per questo, oggi più che mai, bisogna tenere alta l'attenzione sul tema.
La Città metropolitana da sempre contro tutte le discriminazioni sociali e le violenze di genere, per la tutela e difesa delle donne mette in campo diverse iniziative, dal tavolo metropolitano maltrattanti, alle salette, la rete di stanze riservate alle donne vittima di violenza predisposte presso Questure, Commissariati di polizia e di polizia locale, facendo rete con istituzioni e associazioni per coinvolgere i cittadini e i giovani perchè proprio cominciando da loro che si riuscirà a cambiare la cultura del rispetto verso gli altri e le donne in particolare.

Anche il CUG Comitato Unico di Garanzia della Città metropolitana di Torino propone un momento di riflessione comune e invita i dipendenti e le dipendenti alla visione del video  realizzato in collaborazione con la Direzione Comunicazione come contributo alla necessaria sensibilizzazione sul tema. La Rete Nazionale dei CUG, della quale fa parte anche quello della Città metropolitana, ci ha chiesto di dare ampia diffusione al convegno che ha organizzato in occasione della "Giornata Nazionale contro la violenza sulle donne" che si tiene online martedi 24 novembre, alle ore 15, nel corso del quale viene presentato il Protocollo d' intesa con la Ministra per la Pubblica amministrazione e la Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia per il contrasto alla violenza di genere in ambito lavorativo; il portale dei Comitati unici di garanzia, strumento indispensabile per consentire la messa in rete delle informazioni dei singoli CUG e per suggerimento ed eventuali azioni correttive in tempo utile.
- Programma (pdf 3.1 MB)

La Giornata contro la violenza sulle donne verrà celebrata dalla Città metropolitana anche il 30 novembre con un incontro online, dalle 10 alle 13, incentrato su "Quali interventi per il recupero degli autori di violenza di genere?" La tavola rotonda prevede la partecipazione di Anna Bello, Presidente Tribunale di sorveglianza di Torino; Germana Bertoli, consigliera Consiglio dell'ordine degli avvocati; Patrizia Biolato, responsabile area minori Ciss Pinerolo; Cesare Parodi, coordinatore Fasce deboli - Procura della Repubblica di Torino; Barbara Rosina, presidente Ordine assistenti sociali Piemonte, Stefano Scovazzo, presidente Tribunale per i minorenni di Torino. Dopo l'intervallo prenderanno la parola Maria Lucia Lorefice presidente della XII Commissione Affari sociali della Camera dei deputati; Valeria Valente, presidente XII Commissione Affari sociali del Senato, Cinzia Leone, presidente Commissione Parlamentare d'inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere del Senato della Repubblica.
- Programma (pdf 840 KB)
- Il video Per arrivare prima... realizzato in occasione della Giornata.

Sul territorio metropolitano questa ricorrenza è l'occasione per lanciare un messaggio contro la violenza e per diffondere una cultura di attenzione ai diritti delle donne attraverso varie iniziative. Quest'anno il lockdown impedisce le manifestazioni in presenza, perciò molti Comuni stanno organizzando eventi on line e per dare un segno concreto e immediatamente riconoscibile sul territorio, creando installazioni e illuminazioni nel centro cittadino che si rifanno alle "scarpette rosse", elette a simbolo della Giornata contro la violenza sulle donne.

Tutte le iniziative sul territorio:

  • Alpignano, in prossimità della piazza dei Caduti saranno tinteggiate di rosso tre panchine, mentre in altre zone della città saranno collocate delle sedie rosse. La cappela dei caduti sarà illuminata di rosso; il 25 novembre alle 16.30 il Piccolo teatro d'arte proporrà il reading, online su piattaforma Zoom, "Eva non è ancora nata", liberamente ispirato al romanzo Iolina" di Dacia Maraini; dal 23 al 29 novembre, la biblioteca realizzerà una bibliografia sul tema della violenza contro le donne.
  • Borgaro, il 24, 25 e 26 novembre, prevede l'illuminazione di rosso del Palazzo Civico e l'esposizione di un oggetto rosso, da parte di tutta la cittadinanza, sui balconi, dalle finestre e nelle vetrine.
  • Bruino, il 25 novembre, dalle ore 18 in diretta facebook, al villaggio "La Quercia", verrà inaugurata una nuova panchina rossa, in seguito verrà letta una poesia e mostrato un pannello dal titolo "Il peso delle parole: un pensiero per il 25 novembre", che verrà installato in seguito su territorio comunale.
  • Caprie, il 25 novembre, "Insieme contro la violenza" sul sito e sui social del Comune un video con immagini di scarpe rosse fotografate in vari luoghi del paese con letture e commenti a cura dei volontari della biblioteca comunale "G. Brunetto" e dell'Amministrazione.
  • Caselle, il 25 novembre, installazione simbolica in piazza Boschiassi, circa 30 pannelli raffiguranti il cammino delle donne che non si ferma neanche durante la pandemia "fash(im)mob Liber* di muoversi", in collaborazione con l'Asd Caselle Volley, in serata prevista una staffetta online con esperti.
  • Castellamonte, dal 24 al 29 novembre, per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema il Comune ripropone "Scarpette rosse in ceramica", realizzate per l'edizione 2017 da artisti e ceramisti, una mostra che vuole essere anche una testimonianza d'arte per una tematica di impegno sociale ed artistico.
  • Castiglione Torinese, dal 20 al 28 novembre verrà allestita una zona nel centro del paese nella quale saranno posizionate numerose scarpe da donna verniciate di rosso per ricordare le vittime della violenza sulle donne.
  • Cavagnolo, dal 25 al 30 novembre, l'Amministrazione intende sensibilizzare la cittadinanza a questo drammatico fenomeno con un drappo rosso sul balcone del municipio, un simbolico gesto in ricordo delle tante donne vittima di violenza.
  • Chivasso, il 23 novembre, alle ore 12, videopresentazione del cortometraggio "Un amore da prima pagina" realizzato da ragazze e ragazzi dai 17 ai 26 anni dei centri giovanili comunali Gong e L'isola nel quartiere, il video è pubblicato sulla pagina Youtube del Comune di Chivasso.
  • Ciriè, il 25 novembre, il Comune organizza un flash mob per "dare voce" a tutte le donne morte per femminicidio nel 2020 con letture e un discorso finale da parte del Sindaco, l'evento sarà pubblico sul canale Facebook del Comune.
  • Giaveno, dal 24 al 28 novembre, proporrà sui social media del Comune mini video sul tema realizzati da associazioni culturali, residenze per anziani, scuole e Città metropolitana di Torino; a Palazzo Marchini, le fontane delle rotatorie e la cella campanaria della Torre degli orologi saranno illuminati di rosso a simboleggiare le scarpe rosse.
  • Ivrea, dal 23 al 29 novembre, l'emergenza sanitaria ha impedito l'organizzazione del consueto appuntamento al Teatro Civico Giacosa per presentare dal vivo il programma di Violetta la forza delle donne, ma per il terzo anno di attività, questo gruppo di lavoro, che prende a ispirazione la Mugnaia dello storico Carnevale, organizza un'edizione straordinaria, in collaborazione con La Sentinella del Canavese, il Commissariato di Polizia di Ivrea e Banchette e il patrocinio della Città di Ivrea; le scarpette rosse esposte nelle vetrine dei negozi aperti, lo striscione sul balcone del Palazzo Civico e la fontana di Camillo Olivetti illuminata di rosso saranno il simbolo dell'impegno contro la violenza domestica.
  • Levone, il 25 novembre e il 1° dicembre, tramite il profilo Instagram del Comune l'evento "Disegna una scarpa contro la violenza" un video dove con tratti e linee viene disegnato il simbolo della giornata, e "Diciamolo così" un video realizzato con le foto dei Levonesi, grandi e piccini, uomini e donne, per sostenere, tutti insieme, la campagna contro ogni violenza di genere.
  • Mappano, il 23 novembre, il Comune per la campagna "Libriamo nel mondo, libero da ogni violenza" ha realizzato locandine di sensibilizzazione e informazione inviate alla stampa locale, alle famiglie, agli enti, associazioni e scuole, sia in formato cartaceo e digitale tramite i canali social, inoltre invita la cittadinanza all'iniziativa "tingiamo Mappano con qualcosa di rosso".
  • Moncalieri, il 25 novembre alle ore 16:30, sulla pagina Facebook della biblioteca Arduino "l'autodifesa femminile nelle arti marziali: aspetti psicologici e legislativi, tecnica e etica" con Laura Pompeo, Giuseppe Messina, Gaetano Orlando, Giani Intersimone; alle ore 17:30, "Tina Anselmi, Rita Levi Montalcini, donne a Torino nel Novecento: racconti, immagini e biografie al femminile" proposte da Marcella Filippa attraverso la presentazione dei suoi libri sull'argomento.
  • Nichelino, dal 20 al 29 novembre propone due video per far conoscere le attività dello sportello Punto Donna Nichelino. Si realizzerà in parallelo una mostra fotografica che testimonia il lavoro di realizzazione dei video e verranno affissi manifesti sulla città per pubblicizzare il Punto Donna; uno striscione verrà affisso sulla piazza principale della Città.
  • None, il 25 novembre dalle ore 15, l'Amore non uccide, una serie di incontri online su facebook con diversi contenuti video, musicali, letture, recensioni di libri e interviste a cura delle diverse associazioni per sensibilizzare e dire basta alla violenza sulle donne, alle 21 un incontro in diretta con l'ambasciatrice di Telefono rosa Piemonte e il Sindaco di None.
  • Pianezza, il 25 novembre, flashmob Pianezza per le donne #nonunadimeno, alle ore 19 invito ad accendere una candela e a postarne la foto su facebook usando gli hastag #pianezzaperledonne #nonunadimeno e il tag @pianezzanelcuore.
  • Pinerolo, dal 21 al 25 novembre, le associazioni del territorio propongono una serie di contributi contro la violenza di genere, che verranno trasmessi in filodiffusione per le vie della città; dal 21 novembre fino al 4 dicembre la Torre del Palazzo del Comune si illumina di arancione; allestimento tematico delle vetrine dei negozi di Pinerolo con scarpette rosse, realizzate in cartoncino, a cura delle volontarie dell'associazione Centro antiviolenza Svolta Donna, Emma onlus; la Carta dei diritti della Bambina arriva all'asilo nido comunale con l'affissione di pannelli realizzati da Elisa Cerini e Sefora Pons, in collaborazione con Fidapa.
  • Pino Torinese, il 25 novembre, dalle ore 18, l'incontro online "Parole che fanno male e silenzi che annientano" riflessioni e presentazione del saggio di Cinzia Mammoliti "Le parole per difenderci", la registrazione dell'evento sarà disponibile anche nei giorni successivi.
  • Piobesi, il 25 novembre, presso la biblioteca presentazione online del libro Dietro una mano di Graziano Di Benedetto, parte dell'iniziativa A casa con lo scrittore... la cultura al tempo del Covid-19, sul tema la violenza contro le donne: un crimine odioso.
  • Piossasco, il 25 novembre, sulla pagina Facebook del Comune l'associazione Gaia per le donne propone un video a tema per ricordare tutte le donne vittime di violenza e in particolare Anna, una concittadina vittima di femminicidio nel 2020.
  • Rivalta, dal 24 al 25 novembre, sui canali social del Comune, "Blu. Un'altra storia di Barbablù", "#ilcentrocimettelafaccia",
    "La parte sbagliata di questo cielo" e "Attraversando occhi": performance e reading musicale online, a cura delle Biblioteche,
    Consulta Giovanile, Centri giovani, cooperative Atypica e Orso e con la collaborazione del Centro Spettacolo Network Coop. Soc. arl.
  • Rivoli, fino al 30 novembre, pubblicazione sul sito istituzionale dello spettacolo teatrale "Ti amo da morire" di Mena Vasellino; realizzazione di un volantino contro la violenza sulle donne con versi di Alda Merini; invito ai commercianti e ristoratori di colorare di rosso le loro vetrine con oggetti o luci e diffusione di un pieghevole, camuffato da menù della pizza d'asporto, contenente i riferimenti utili dei centri antiviolenza.
  • San Maurizio Canavese, il 24 novembre, un webinar sugli effetti della violenza assistita nel contesto scolastico, conoscere e riconoscere il disagio del minore, organizzato dall'Associazione la Rete delle donne.
  • Santena, dal 22 al 29 novembre, verrà realizzato un allestimento di Piazza Martiri della Libertà (dove è già installata una panchina rossa) con illuminazione di colore rosso della fontana; il 25 novembre alle 21 in collaborazione con RediPsi e Stati generali delle donne si terrà un webinar sul tema della violenza contro le donne con il contributo di una psicologa:
  • Scalenghe, dal 25 al 29 novembre, una mostra presso la Lea comunale realizzata dai bambini e ragazzi delle scuole e dalle associazione del territorio dal titolo "Non amarmi da morire" e inaugurazione della panchina rossa.
  • Torino, il 25 novembre la Camera di Commercio celebra la giornata con un webinar, dalle ore 16, dal titolo "L'occupazione e l'imprenditoria femminile: strumenti contro la violenza e la discriminazione sul lavoro", durante il collegamento ci sarà l'inaugurazione del roadshow "il Giro d'Italia in rosa. L'Italia che riparte è più donna" e la presentazione del protocollo d'intesa sul rilancio dell'occupazione femminile concordato con la consigliera di parità della Città metropolitana Gabriella Boeri, infine l'inaugurazione di 2 panchine rosse a Palazzo Affari e Palazzo Birago.
  • Venaria Reale, fino al 25 novembre, molteplici pubblicazioni quotidiane, una campagna di comunicazione digitale e spot video realizzato dall'Amministrazione con i giovani della Factory, da seguire attraverso i canali di comunicazione del Comune, inoltre sono state verniciate sei panchine rosse, una in ogni quartiere, dai volontari del Servizio civile universale.

 

(25 novembre 2020)