Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Collaborazione con la Garante per i diritti di infanzia e adolescenza

Si sta per concludere il mandato di Rita Turino che ha ricoperto il delicato incarico di Garante per l'infanzia e l'adolescenza del Piemonte, un ruolo normato da legge della Regione Piemonte ed attivato per la prima volta a fine 2016: una donna di grande esperienza nel settore, che aveva iniziato il suo percorso professionale nei servizi sociali proprio nel nostro Ente, nel lontano 1973 quando si chiamava Provincia di Torino.

In questo triennio, è stata attivata una importante e proficua collaborazione tra l'Ufficio della garante e la Città metropolitana di Torino con l'Ufficio mediazione famigliare e con il Cesedi (centro servizi didattici) che ha permesso di analizzare e studiare il fenomeno collegato al disagio dei minori quando la coppia vive una separazione conflittuale, ma anche di pensare a proposte che vadano nella direzione di tentare di lenir la sofferenza di questi bambini e ragazzi.

È emerso che ci sono sempre di più coppie che si separano sempre più precocemente e sono in aumento le coppie che non hanno mai nemmeno convissuto, quindi nascono bambini che non hanno mai visto convivere totalmente la loro famiglia. La cosa più grave è che le separazioni sono sempre più conflittuali e si protraggono a lungo nel tempo e questo genera nei bambini ed anche nei ragazzi più grandi una sofferenza indicibile.

La Garante per i diritti di infanzia e adolescenza con gli esperti di Città metropolitana di Torino ha individuato il  un target da coinvolgere, cioè gli insegnanti e negli ultimi due anni sono stati inseriti nel catalogo dell'offerta formativa per gli insegnanti un percorso per la scuola primaria e secondaria di primo grado, con alto numero di adesioni.

Inoltre, da un anno è attivo lo sportello per la mediazione famigliare presso l'Urp del Tribunale di Torino gestito da personale competente di Città metropolitana rivolto a fornire informazioni alle coppie che vivono al separazione conflittuale: la Garante auspica analoghe iniziative - con la collaborazione dei Centri per le famiglie e degli enti gestori dei servizi sociali - su tutto il territorio piemontese per dare quel sostegno di informazione precisa, mirata, puntuale alle coppie che si separano.

Maggiori info sul Garante per i diritti di infanzia e adolescenza
http://www.cr.piemonte.it/web/assemblea/organi-istituzionali/garante-dell-infanzia-e-dell-adolescenza

 

(28 novembre 2019)