Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Una società di diritto pubblico per gestire il ciclo delle acque?
Confronto nella sede della Città metropolitana tra amministratori locali, esperti e docenti universitari

L’acqua come bene comune e pubblico, la gestione del suo ciclo, dalla captazione alla distribuzione ad uso potabile al trattamento dei reflui: se ne è parlato mercoledì 24 gennaio nella sede di corso Inghilterra della Città Metropolitana di Torino, in un confronto tra amministratori locali, esperti e docenti universitari su vantaggi, motivazioni e criticità della trasformazione in società di diritto pubblico della SMAT spa, che gestisce il ciclo idrico nel territorio metropolitano.

Il confronto è stato incentrato sulle conseguenze dell'operazione per i Comuni soci dell’Autorità d’Ambito TO3 e per il funzionamento del Servizio Idrico Integrato, sulle tempistiche di tale operazione, sui passi già compiuti e su quelli necessari per la definitiva trasformazione della SMAT in azienda di diritto pubblico. Nel merito, gli interventi dei relatori, il Presidente di SMAT Paolo Romano ed i docenti dell'Università di Torino Sergio Foà e di Napoli Alberto Lucarelli sugli aspetti giuridici della trasformazione. Ampio ed articolato nelle posizioni il dibattito.

 

(25 gennaio 2018)