Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Groscavallo mountain festival

 Dalla volontà di far conoscere una montagna così vicina a Torino da essere raggiungibile in una sola ora di automobile, ma sconosciuta a molti torinesi, nasce il "Groscavallo Mountain Festival", con l’idea di coniugare le tipicità del territorio con la promozione turistica. 

Niente più della montagna stessa, avrebbe potuto far parlare di sé, con le proprie caratteristiche peculiari.
La prima edizione, dal 23 luglio al 6 agosto, fa seguito all’edizione “zero” sperimentale del 2016, organizzata intorno ad un’idea nata poche settimane prima e realizzata in pochissimo tempo, con buoni risultati, soprattutto rispetto alla percezione di una rinnovata animazione del territorio.

Gli attori del Festival devono e vogliono essere gli stessi del progetto turistico per il rilancio di Groscavallo e della Val Grande di Lanzo, una montagna  fruibile in tutte le stagioni da parte di un pubblico che apprezza l’autenticità dei territori.La montagna declinata sul versante sportivo, sul versante culturale e su quello dell’attività agro-zootecnica è il filo conduttore che il Festival vuole sottolineare, ospitando nomi ed eventi calibrati sugli obiettivi di rilancio.

Se cultura e sport all’aria aperta sono le risorse fondamentali per un turismo basato sull’accoglienza, sulla sostenibilità dell’offerta degli operatori locali e sulla corretta fruizione di una natura ancora protagonista, l’agricoltura rappresenta una prospettiva altrettanto importante per l’occupazione, la cura del territorio, la difesa e la valorizzazione delle produzioni di qualità.

La manifestazione è stata presentata a Palazzo Cisterna, sede del nostro Ente, giovedì 13 luglio, erano presenti gli organizzatori dell'evento, Maria Cristina Cerutti Dafarra, sindaca di Groscavallo, ed Elena Patrocinio, del Comitato Groscavallo Mountain Festival. Il Festival è realizzato grazie al contributo dell’Unione Montana Alpi Graie, del Comune di Groscavallo, del Consorzio Operatori turistici Valli di Lanzo, con la collaborazione della sezione del CAI di Lanzo, della Pro Loco di Groscavallo, del Comitato per il recupero dei beni storici e religiosi di Groscavallo, del Soccorso Alpino e della Società storica Valli di Lanzo, con il patrocinio di Regione Piemonte, Consiglio regionale del Piemonte, Uncem Piemonte e Città metropolitana di Torino.    

Info e contatti:

 

(13 luglio 2017)