Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

A.P.P. VER., apprendere per produrre verde. Al via il progetto europeo sulla green education

Logo ALCOTRA - A.P.P. VER

Si scrive A.P.P. VER. e si legge apprendere per produrre verde. E' un progetto europeo, finanziato dal programma di cooperazione transfrontaliera tra Francia e Italia Interreg ALCOTRA, pensato per aumentare l'offerta educativa e formativa sul tema della green economy attraverso lo sviluppo di una rete di collaborazione tra scuole, aziende e istituzioni dei territori italiani e francesi.
Questo Ente è capofila del progetto cui hanno aderito per il versante italiano come partner il Comune di Pinerolo e il CFIQ - Consorzio per la Formazione, l'Innovazione e la Qualità di Pinerolo (realtà specializzata nella formazione di giovani e adulti, sia occupati che disoccupati) mentre per il versante francese il gruppo di interesse pubblico per la formazione professionale e inserimento GIP FIPAN, un'agenzia pubblica costituita da esperti in formazione con sede a Nice.

Il progetto, approvato e finanziato con un budget complessivo di 1 milione e 400mila euro, ha una durata triennale 2017/2020 e comincia a muovere ora i primi passi concreti: il 18 e 19 luglio a Torino, nella sede di Ires Piemonte che svolge il ruolo di soggetto attuatore per conto della Città metropolitana, si è aperto il confronto all'interno di un nutrito gruppo di stakeholder riuniti per studiare come superare la difficoltà della scuola e della formazione professionale nell'individuazione di conoscenze e competenze richieste dal mondo del lavoro green: in pratica, come il settore green del mondo del lavoro può essere facilitato attraverso percorsi di istruzione e formazione al passo con le nuove esigenze.
Risposte certo complesse, che partono necessariamente dall'individuazione di strumenti flessibili per facilitare il coinvolgimento degli studenti in percorsi significativi di apprendimento, senza trascurare l'aspetto della mobilità studentesca, oggi molto attuale.

Durante il worshop organizzato ad Ires Piemonte, ci si è confrontati sulla proposta di creare un vero e proprio sussidiario per la green education: uno strumento transfrontaliero che dovrà possibilmente già essere sperimentato nell'autunno 2017 nei territori dell'area metropolitana di Torino e del Dipartimento delle Alpi Marittime per qualificare in ottica di sostenibilità la relazione tra la scuola, la formazione professionale e il mondo del lavoro. il sussidiario e' uno strumento che deve facilitare il rapporto di conoscenza tra la scuola, la formazione professionale e il mondo del lavoro.

Partendo dal concetto che le organizzazioni “verdi” non vanno intese solo come imprese e che il  sussidiario non sarà strumento per un ente di ricerca, ma per insegnanti e formatori per facilitare l'accesso a un sistema di conoscenze, circa 80 organizzazioni pubbliche e private sono state coinvolte fin da subito nell'analisi del materiale da proporre poi agli studenti: tra tutte citiamo la segreteria nazionale di Legambiente, la Fondazione Symbola, Regione Piemonte, MIUR Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, le associazioni di categoria del settore agricolo Confederazione Italiana Agricoltori e Coldiretti, il Collegio dei Geometri, Confcooperative, la Camera di Commercio di Torino, Environment Park, l'ordine degli Architetti, l'Unione Industriale di Torino, il green office dell'Università degli Studi di Torino e il green team del Politecnico di Torino.

Hanno lavorato sul concetto di sussidiario che può rappresentare bene l'idea di uno strumento di uso quotidiano che aiuti gli insegnanti a scegliere interlocutori di alto valore formativo: nell'impostazione dell'impianto del sussidiario si dovranno tenere in considerazione sia la coerenza tra gli indirizzi internazionali, nazionali e regionali in materia di green economy e sviluppo sostenibile, sia un approccio multidisciplinare e l'individuazione di metodi e strumenti per la costruzione di relazioni significative dal punto di vista formativo tra le scuole e le organizzazioni verdi.

Sono state individuate sei dimensioni che caratterizzano l'economia verde:

  1. le politiche messe in atto dalle istituzioni;
  2. le dotazioni e le infrastrutture sul territorio;
  3. la green production cioè l'insieme delle imprese impegnate a ridurre l'impatto ambientale dei propri processi produttivi;
  4. il green business, i settori economici orientati alla fornitura di beni e servizi ambientali;
  5. i comportamenti personali, cioè i nuovi stili di vita sul territorio;
  6. la green life, la qualità dell'ambiente locale in cui si vive e riguarda l'organizzazione, i servizi territoriali, i comportamenti e le azioni.

 

L'evento di lancio del progetto si è tenuto, giovedì 28 settembre, a Palazzo Cisterna, sede di questa Città metropolitana; durante l'incontro sono stati sottoscritti due protocolli di intesa fra scuole, partner e associazioni di categoria per avviare concretamente il lavoro di concerto che impegnerà attivamente mondo della scuola e mondo del lavoro e sono state presentate le parole chiave del progetto.

 

(28 settembre 2017)