Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Torino parla europeo. Firmata la collaborazione fra Università di Torino e Città metropolitana per diffondere la cultura europea

Uno sportello aperto tutti i mercoledì mattina al campus Einaudi negli spazi della Biblioteca europea “Gianni Merlini” promuoverà l’informazione e l’accesso alle opportunità offerte dall’Unione europea per studiare, formarsi, vivere e lavorare in Europa.

Lo sportello, promosso e gestito da Europe Direct Torino, Istituto universitario di studi europei, Biblioteca europea “Gianni Merlini” e Job Placement della Scuola di scienze giuridiche, politiche ed economico sociali dell’Università degli Studi di Torino è frutto di un protocollo che Città metropolitana e Università degli studi hanno firmato per offrire ai giovani sempre più informazioni sulle opportunità di formazione, studio e lavoro in un altro paese europeo e sulle opportunità offerte dai principali programmi europei di finanziamento.

Opportunità che vanno difese e incentivate con maggior forza nel momento in cui l’unità dell’Europa è sotto attacco, come hanno ribadito nel corso dell’incontro con un folto pubblico di ragazzi il sindaco metropolitano Piero Fassino e il rettore dell’Università di Torino Gianmaria Ajani.

“La firma del protocollo si aggiunge alle molte iniziative che l’Università realizza per avvicinare gli studenti all’Europa” ha detto Ajani “Oggi più che mai abbiamo bisogno di mantenere gli spazi aperti, di un’Europa senza confini, luogo di affermazione della civiltà”.

“Le drammatiche vicende di Bruxelles confermano la necessità di costruire una coscienza europea forte per il futuro, in grado di garantire ai cittadini quelle certezze per le quali prima erano sufficienti le politiche nazionali.” ha aggiunto Fassino.

“I 28 stati membri dell’Unione europea hanno ceduto su alcuni temi una parte della loro sovranità – per esempio le politiche agricole sono ormai totalmente europee - ma su altri questioni come la sicurezza, l’immigrazione purtroppo non è ancora accaduto” ha commentato Fabrizio Spada, direttore della rappresentanza della Commissione europea a Milano.

Il protocollo è stato firmato mercoledi 23 marzo nel corso di una giornata dal titolo “Torino parla europeo”, che è proseguita con l’inaugurazione di due mostre nella main hall del Campus, “L’Italia in Europa – L’Europa in Italia. Storia dell’integrazione europea in 150 scatti” e “La cittadinanza in Europa dall’antichità ad oggi”, promosse dal Dipartimento politiche europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri visitabili fino a fine marzo, e con due dibattiti sulla costruzione di uno spazio pubblico europeo e sui problemi suscitati dall’islamofobia.


(23 marzo 2016)