Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

Tyrec4life in dirittura d'arrivo: grazie al polverino nuovi bitumi più affidabili ed efficienti

Sta per concludersi il progetto Tyrec4life, varato nel dicembre 2011, finanziato nell'ambito del programma europeo Life+ (LIFE10ENV/IT/000390) e finalizzato a sviluppare tecnologie innovative in grado di estendere l'utilizzo del polverino da pneumatici fuori uso nelle pavimentazioni stradali.
Venerdì 17 luglio, nella sede della Città metropolitana di Torino di corso Inghilterra, è in programma l'ultima visita di monitoraggio della Commissione Europea, che preluderà alla conferenza finale del progetto, fissata per il 17 settembre al Lingotto.
Il sopralluogo si compone di due momenti: al mattino una sessione sullo stato degli aspetti tecnici e finanziari del progetto; al pomeriggio le ispezioni sulle strade oggetto della sperimentazione e al nuovo impianto di Borgaro Torinese della ditta Brillada (uno dei partner del progetto) che produce asfalto mescolato con polverino di gomma, realizzato con i fondi del progetto.

Tyrec4life è nato 4 anni fa con l'idea di valorizzare al meglio la risorsa fornita dagli pneumatici fuori uso: allora, i dati dicevano che su 400 mila tonnellate di pneumatici dismessi annualmente in Italia, soltanto 90mila erano quelle trasformate in granuli e polverino. Il restante era avviato in buona parte al recupero energetico nei termovalorizzatori, ma una quota non piccola veniva abbandonata abusivamente.
La Provincia di Torino, nominata capofila del progetto, già da tempo era attenta al tema dell'utilizzo del polverino da pneumatici fuori uso nelle pavimentazioni stradali: sulla base di una complessa e articolata ricerca, commissionata al Politecnico di Torino, nell'autunno del 2011 furono realizzati circa 1600 metri della circonvallazione Borgaro-Venaria con quel tipo di asfalto.

Le varie fasi del progetto sono state documentate dall'ufficio stampa della Provincia di Torino, oggi Città metropolitana: nell'ambito della sperimentazione si è giunti alla "validazione" di miscele di bitume arricchito con polverino capace di migliorare drenabilità, aderenza e assorbimento acustico minimizzando i consumi energetici nelle fasi di realizzazione e stesa, e - dopo alcune prove in impianto effettuate negli stabilimenti della ditta Sintexcal di Torino - alla realizzazione di tre chilometri di pavimentazione stradale con i nuovi bitumi. L'ultimo servizio in ordine di tempo è dedicato al nuovo impianto industriale di Brillada: grazie a questa realizzazione, è ora possibile produrre bitumi con polverino anche in Piemonte.

(16 luglio 2015)