Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

ALLA SCOPERTA DEI BORGHI DELLA AREA METROPOLITANA CON
"PROVINCIA INCANTATA" - "...D'AMORE, DI TERRA... E ALTRE STORIE"

QUATTRO TAPPE E SEI COMUNI COINVOLTI NELL'ORGANIZZAZIONE DEL CIRCUITO DI VISITE TEATRALI GUIDATE ALLA SCOPERTA DEI LUOGHI INCONSUETI DEL TERRITORIO

Dal 13 settembre al 18 ottobre la quarta edizione del circuito di visite guidate "Provincia Incantata" che, per il 2015, reca anche un sottotitolo, "...d'amore, di terra... e altre storie".Il progetto è stato ideato nel 2012 per valorizzare e promuovere il turismo di prossimità, allo scopo di far conoscere i borghi del Torinese, con i monumenti e le vicende di cui sono ricchi, le creatività che li hanno resi vitali, i piccoli e i grandi gioielli architettonici forse poco conosciuti e per questo ancora più sorprendenti.

A curare e condurre le visite animate è ancora una volta l'associazione Teatro e Società. Già nel 2013 e 2014 'Teatro e Società' ha assicurato la continuità dell'esperienza teatrale ideata dalla Compagnia CAST, a cui si deve il progetto iniziale. La compagnia "Teatro e Società" in questi ultimi anni si è specializzata nell'utilizzo del linguaggio teatrale in un contesto turistico di valorizzazione dei beni culturali, animando musei, castelli e interi borghi del territorio.

I progetti sono realizzati in collaborazione con la Città metropolitana, l'ATL "Turismo Torino e provincia" e i Comuni aderenti all'iniziativa. Tutti gli eventi sono gratuiti.

Il sottotitolo "...d'amore, di terra... e altre storie" introduce l'elemento che contraddistingue questa edizione autunnale di "Provincia Incantata": Romeo e Giulietta. I due personaggi d'eccezione saranno il collegamento tra i diversi luoghi visitati. La loro storia è il simbolo di un amore universale che ha emozionato e commosso intere generazioni. E' attraverso il loro sguardo che il pubblico di turisti potrà scoprire se stesso in relazione ai luoghi e alle storie raccontate. Perché occorre uno sguardo diverso per vedere davvero: uno sguardo innamorato, capace di stupirsi e meravigliarsi. Romeo e Giulietta scappano dalla celebre tragedia, perché mossi dal desiderio di vivere eternamente e non già di morire ogni volta che viene raccontata la loro vicenda. Solo lasciando le pagine di Shakespeare, l'amata Verona e le rispettive famiglie Romeo e Giulietta potranno riscrivere le loro vite. Solo visitando e abitando altri luoghi potranno sfuggire al loro tragico destino. Anche altri personaggi, però, vengono "trascinati" fuori dalle pagine del libro: la balia, il frate e lo stesso Shakespeare sono i compagni di viaggio dei due innamorati veronesi. Sarà forse l'incanto del territorio torinese a fare da cornice alla loro nuova storia?

Le tappe

Mazzè e Caluso domenica 13 settembre
La fuga di Giulietta e Romeo approderà a Mazzè e Caluso. La partenza della visita guidata è prevista alle 15,30 di fronte al palazzo comunale di Mazzè. Oltre alla duecentesca chiesa parrocchiale, intitolata ai martiri Gervasio e Protasio, l'itinerario toccherà le vie del centro storico, il parco del castello (aperto eccezionalmente per l'occasione) e il parco di Villa Luisa, che ha ospitato personaggi illustri ed è stato teatro di un amore impossibile, quello tra Francesco De Sanctis e la sua allieva Virginia Basco.
La struggente relazione epistolare tra il critico letterario e Ministro della pubblica istruzione e la sua allieva fu celebrata e raccontata da Benedetto Croce nel libro "Lettere a Virginia". Accompagnati dai nostri personaggi di Romeo e Giulietta, i partecipanti alla prima visita guidata di "Provincia Incantata" 2015 proseguiranno alla volta di Rodallo, frazione di Caluso dove, tra narrazioni epiche di conquista e liberazione, si potranno visitare la chiesa parrocchiale, il mulino ottocentesco e la Badìa di San Rocco. La visita si concluderà a Palazzo Valperga di Caluso con una degustazione di prodotti tipici locali.
Chieri e Riva presso Chieri domenica 27 settembre
Romeo e Giulietta faranno tappa a Chieri e Riva presso Chieri. Romeo è in cerca della sua Giulietta e quale luogo migliore di questi due antichi borghi per trovarla? È questa la terra di due potenti famiglie, che si sono contese per secoli il territorio: i Biandrate e i Marchesi del Monferrato, che i chieresi, tuttavia, hanno saputo tenere a bada conquistandosi una solida autonomia.
Romeo e Giulietta andranno alla scoperta di Chieri e della sua storia partendo dal palazzo comunale alle ore 15:30. Attraverseranno l'Arco trionfale con le sue figure allegoriche di abbondanza e giustizia e visiteranno la seicentesca chiesa di San Filippo, dove si trova anche il vecchio seminario vescovile che, per qualche tempo, ospitò il giovane e futuro santo Don Giovanni Bosco da Castelnuovo d'Asti.
Passando tra le vie del centro storico e nel ghetto ebraico la visita guidata approderà alla trecentesca chiesa di San Domenico e infine alla chiesa Collegiata di Santa Maria della Scala, monumento del periodo tardo gotico. Si proseguirà quindi a Riva presso Chieri, dove si visiteranno la chiesa parrocchiale della Beata Vergine Maria, la Confraternita della Santa Croce, una delle antiche torri del Ricetto e lo storico Palazzo Grosso. Al termine della visita ci sarà una degustazione di prodotti locali.
Carema domenica 11 ottobre
Provincia Incantata sarà tra i vigneti di Carema, storico borgo che ha dato il nome a uno dei più pregiati vini del Torinese. Posto al confine tra Piemonte e Valle d’Aosta, il paese conserva intatto il suo fascino medievale, con sue viuzze strette e tortuose, che si intrecciano e case addossate le une alle altre e presentano tipiche decorazioni: muri in pietra a vista, archi a tutto sesto, balconi in legno (lobbie), portali con riquadrature in pietra e tetti ricoperti con le lose.
Partendo dal palazzo comunale alle ore 15:30, si visiterà la “Crota da Alma”, una storica cantina privata, costruita all’epoca dell’Unità d’Italia, nella quale i personaggi storici e mitologici rivivono nelle artistiche sculture applicate sulle vecchie botti. Si proseguirà alla volta del complesso di San Matteo, una chiesa sconsacrata recentemente restaurata per ospitare convegni e incontri.
Dopo aver ammirato la torre degli Ugoni, si proseguirà sui suggestivi sentieri che corrono tra i vigneti, per giungere alla cappella di San Grato, da cui si può ammirare tutta la conca di Carema. La visita si concluderà al Gran Masun, una casaforte medievale recentemente tornata di proprietà dell’amministrazione comunale, per una degustazione di prodotti locali.
San Mauro Torinese domenica 18 ottobre
Romeo e Giulietta non si sono ancora trovati. Riusciranno forse a ricongiungersi e a cambiare il loro tragico destino domenica 18 ottobre a San Mauro Torinese? Per saperlo occorrerà partecipare alla visita, che avrà inizio alle 15,30 di fronte al palazzo comunale in via Martiri della Libertà 150.
Si toccheranno diversi punti di interesse storico e culturale, tra cui alcune sale dell’edificio comunale e il complesso abbaziale, con la visita all’abside di Santa Maria di Pulcherada, Si percorreranno alcune vie caratteristiche del centro storico, toccando alcuni luoghi storicamente importanti, come il pilone votivo della Madonnina, edificato in seguito alla fine di un’epidemia del colera, la chiesa della Madonnina e il Ponte Vecchio con le sue suggestive arcate e San Rocco. Un assaggio di prodotti tipici locali attenderà i visitatori al termine del percorso di visita.

Informazioni e prenotazioni

Atl - Turismo Torino e provincia
Ufficio del Turismo di Ivrea
telefono 0125-618131
email: info.ivrea@turismotorino.org


(14 settembre 2015)