Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

ALIMENTAZIONE ECO-RESPONSABILE, CONCLUSO IL PROGETTO ALCOTRA ITALO-FRANCESE. SEMINARIO CONCLUSIVO A PALAZZO CISTERNA

Si è concluso il progetto ALCOTRA Alimentazione Eco responsabile, che ha visti impegnati la Città Metropolitana di Torino e il Conseil Général del Dipartimento della Savoia nella sperimentazione delle buone pratiche di una strategia alimentare urbana e metropolitana.

Mercoledi 16 dicembre a Palazzo Cisterna si è tenuto il seminario conclusivo, che ha offerto ai promotori del progetto l'occasione per presentare le buone pratiche al pubblico e per suggerire nuove strategie ed etiche che tengano conto dei bisogni primari delle persone.

Sono intervenuti l'assessore al Commercio e Attività produttive Città di Torino Domenico Mangone, l'assessore Istruzione del Comune di Grugliasco Marianna Del Bianco, il Vice Presidente del Conseil Général del Dipartimento della Savoia Lionel Mithieux.

Tra le attività e le buone pratiche illustrate nel corso del seminario vi sono i progetti "Nutrire Torino Metropolitana" e "Il menu l'ho fatto io", su cui si è soffermata la dirigente della Città Metropolitana Elena Di Bella.
Lionel Berger, direttore del collège Perrier de la Bathie di Ugine, ha parlato invece della ristorazione scolastica eco-responsabile.
Katia Leggio, funzionaria del Laboratorio chimico della Camera di commercio di Torino ha trattato il tema degli acquisti guidati nella grande distribuzione, illustrando le iniziative per insegnare ai consumatori a leggere attentamente le etichette dei prodotti alimentari.
I funzionari della Città di Torino hanno illustrato le azioni per la valorizzazione dei mercati alimentari. Roberto Mangiardi ha illustrato le iniziative nell'ambito del progetto "Alimentazione ecoresponsabile": il cinema al mercato e la guida turistica deimercati di Torino. Deana Panzarino ha illustrato il progetto "Fa Bene" che promuove l'innovazione sociale nei mercati.

Si è poi passati alle iniziative della Città di Grugliasco per il consolidamento delle buone prassi di prevenzione primaria nella refezione scolastica, nel quadro del progetto "Okkio alla salute", con le relazioni di Giuseppina Cerrato (ricercatrice del Dipartimento di Chimica dell'Università di Torino e referente dei progetti di educazione alimentare dell'Azienda Sanitaria) e di Denise Spagnoli (dirigente Medico del Servizio di Igiene degli Alimenti e Nutrizione, responsabile della Struttura semplice di sorveglianza e prevenzione).
Uno spazio è stato dedicato alle pagine sulle politiche alimentari create all'interno del nostro sito, con lo sviluppo di un motore di ricerca che raccoglie informazioni e dati sui mercati ed i prodotti del Paniere di tutto il territorio metropolitano.

Chiudendo i lavori, la Consigliera metropolitana delegata all'agricoltura e all'ambiente, Gemma Amprino, ha espresso soddisfazione per la qualità del lavoro comune portato avanti da soggetti con competenze tecniche ed appartenenze territoriali molto diverse tra loro. "Il filo conduttore della collaborazione transfrontaliera è stato il superamento delle barriere culturali, geografiche e logistiche, con un'impostazione metodologica che merita di trovare una sua continuità - ha sottolineato - I mercati rionali, i supermercati alimentari, le scuole, le famiglie e le generazioni diverse sono realtà che sinora hanno faticato a mettersi in rapporto, a dialogare. Una nuova impostazione delle politiche alimentari può consentire a realtà diverse di dialogare, per facilitare la tramissione delle conoscenze sugli stili di vita e di alimentazione che influenzano positivamente la nostra salute". "Oggi si parla spesso di filiere corte e di prodotti a Km zero - ha ricordato la Consigliera Amprino - In questo senso è importante indirizzare le scelte alimentari quotidiane e organizzare la logistica, al fine di evitare lo spreco dei prodotti freschi e di mettere a disposizione dei consumatori i prodotti del territorio in modo capillare e continuo. Un progetto Alcotra che consente di acquisire una maggiore consapevolezza sull'importanza di un'alimentazione corretta e basata sui prodotti locali è particolarmente appezzato da un Ente come la Città metropolitana, che ha tra le sue vocazioni istituzionali la messa in rete dei territori e delle realtà locali".

(17 dicembre 2015)