Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

CESANA-SESTRIERE:
IL SINDACO FASSINO APRIPISTA DELLA CESANA-SESTRIERE EXPERIENCE

Oltre 270 le vetture coinvolte nel week-end motoristico sulle montagne olimpiche, considerando anche la Cesana-Sestriere Experience 5° Memorial Gino Macaluso, che ha visto al via oltre 120 automobili. La "Best Car in Show" del concorso dinamico di eleganza è stata l'Alfa Romeo 1900 Sport Spider del 1954 del Museo Storico di Arese. Oltre a questo gioiello d’epoca, il marchio di FCA Alfa Romeo ha fornito all’organizzazione la vettura di cortesia Giulietta e Alfa Romeo4C Spider, che ha fatto da apripista all’Experience.

Al volante della vettura apripista c’era il presidente dell’Automobile Club Torino, Piergiorgio Re, che aveva come “co driver” il sindaco della Città metropolitana, Piero Fassino, salito a Cesana e a Sestriere per ribadire il sostegno dell’Ente alla manifestazione e per incontrare numerosi Sindaci del territorio olimpico.

Anche Fabio Aru, il ciclista rivelazione del Giro d’Italia di quest’anno, vincitore di una tappa proprio a Sestriere, ha affrontato il percorso al volante di un’Alfa Romeo 4C Spider, facendo da staffetta alle prove ufficiali. Il premio Cesana Sestriere Experience  “Best Car of Road” è andato alla Maserati Ghibli di Antonio Lo Cascio, l’“Expert Sport Car” alla Fiat Abarth OT 1600 di Enzo Germano, il “Vintage Story Car” alla Lotus Le Mans 11 di Luigi Strata, il “Best Alfa Romeo” alla Giulietta SS di Emanuele Morteo,  il “Best Rally Car” alla Lancia Fulvia HF 1.6 Marlboro di Angelo Miniggio, il “Best Guest Car” alla Lancia 037 Rally della Collezione Macaluso, guidata da Monica Mailander Macaluso, il riconoscimento al  “Miglior Connubio Dama-Vettura” alla Chevrolet Corvette di Gloria Cravotto.

Di Fulvio cala il tris: sua la 34ª Cesana-Sestriere

E’ sempre lui il Re del “Colle”, Stefano di Fulvio che con la sua Osella PA 9/90 si è aggiudicato anche quest’anno, per la terza volta consecutiva, la Cesana-Sestriere Trofeo Avvocato Giovanni Agnelli, organizzata dall’Automobile Club Torino e valida per i campionati Europeo e Italiano di Velocità in Salita per Autostoriche.

Domenica 12 luglio Di Fulvio è salito a Sestriere in 4,38”,16/100, nuovo record personale per il pilota abruzzese, che nel 2014 aveva fermato i cronometri sul tempo di 4’,40”,06/100. a Di Fulvio è mancato veramente poco per uguagliare il record firmato da Andres Vilarino nel 1992: 4’,32”,68/100. Colpa delle chicanes di rallentamento previste dal nuovo regolamento nell’abitato di Champlas du Col, a metà dei 10,4 km e 42 tra curve e tornati della Strada Provinciale 23 che collega Cesana ai 2035 metri di Sestriere.
Dietro a Di Fulvio si è classificato Salvatore Riolo su Stenger Osella ES 861, con un tempo di 4’,44”,24/100. Terzo Uberto Bonucci, vincitore delle edizioni 2011 e 2012, al volante di una Osella PA 9/90, con il tempo di 4’,47”,28/100. Il gruppo dei tre ha dominato anche il 4° raggruppamento.  Al quarto posto Simone di Fulvio su Osella PA 9/90, in 4’,47”,89/100; al quinto Piero Lottini su Osella PA 9/90 in 5’,09”,18/100. Velocissimi anche i vincitori degli altri quattro raggruppamenti.

Per il primo ha bissa il successo dell’anno scorso Tiberio Nocentini su Chevron B19 in 5’,42”, davanti a Mario Sala su Porsche 906 e ad Angelo de Angelis su Nerus Silhouette.
Nel secondo raggruppamento, l’assenza di Massimo Perotto ha permesso a Giuliano Palmieri su Porsche 911 di vincere con un tempo di 5’,35”, seguito da Guido Vivalda su Porsche Carrera RS e Salvatore Asta su BMW 2002 TIi.
Nel terzo raggruppamento successo di Andrea Fiume su Osella PA 8/9, davanti a Giuseppe Gallusi su Porsche 911 SC e al francese Jean Marie Almeras su Porsche 935 Turbo. Nel quinto raggruppamento, quello dedicato alle monoposto, prima piazza per Edmond Guistarini su Chevron B48 F2, seguito da Emanuele Aralla su F Renault Europe e da Alessandro Trentini su Fiat Formula Italia.

A conquistare il Trofeo Avvocato Agnelli – dedicato alla prima vettura in classifica di un marchio di FCA – è stato Fosco Zambelli su Alfa Romeo Giulia GTam. A fare da apripista la protagonista dell’evento, l’Alfa Romeo 4C Spider guidata dal campione di rally Mauro Pregliasco, pilota ufficiale della Casa del Biscione negli anni Settanta e Ottanta.

(13 luglio 2015)