Salta ai contenuti

Cittàmetropolitana di Torino

ORGANIGRAMMA

Direzione del Dipartimento "Ambiente e vigilanza ambientale"_TA0

Testo vigente dal 19.10.2021

  1. Pianificazione e programmazione generale
    1. Promuove la redazione e l'aggiornamento delle strategie dell'Ente in materia ambientale (in particolare acqua, aria, rifiuti, cave, parchi e polizia ambientale e paesistica) e di programmazione generale in tutte le materie di competenza del Dipartimento, assicurando anche la qualificata e costante cooperazione del dipartimento nelle unità di progetto ai fini dell'integrazione degli interventi e delle risorse.
    2. Definisce, d'intesa con il Direttore Generale e nel rispetto degli indirizzi degli organi di governo, l'ipotesi di programma operativo e gestionale ai fini della predisposizione e adozione del Piano Esecutivo di Gestione, secondo le modalità previste nei sistemi di programmazione dell'Ente. Coordina a livello di Dipartimento la gestione delle conferenze di servizi, definendo le priorità e le modalità e curando la redazione degli atti relativi.
    3. Definisce e ripartisce a livello operativo singoli compiti o attività tra le Direzioni del Dipartimento nei casi in cui si verifichino situazioni concrete riconducibili a funzioni la cui competenza sia attribuita a Direzioni diverse.
  2. Coordinamento, indirizzo, impulso e controllo. Rappresentante unico dell'Amministrazione nelle conferenze di servizio
    1. Garantisce l'utilizzo ottimale delle risorse disponibili rispetto al complesso degli interventi e delle attività di competenza del Dipartimento, coordinando a tal fine obiettivi, strumenti di programmazione e risorse finanziarie ed assumendo le decisioni.
    2. Svolge compiti di indirizzo e impulso nei confronti delle Direzioni del Dipartimento e garantisce che le loro attività siano coerenti con le linee strategiche e programmatiche dell'amministrazione, curando la comunicazione interna e favorendo l'integrazione e la sinergia tra le strutture coordinate.
    3. Facilita, regola e controlla i processi che si svolgono all'interno del Dipartimento, coordinandosi per i processi trasversali di lavoro con gli altri Dipartimenti e Direzioni.
    4. Sovrintende alla definizione di intese tra/con enti pubblici, parti sociali e associazioni della società civile per la definizione e l'attuazione di interventi integrati sulle materie di competenza del Dipartimento.
    5. Vigila sulla corretta gestione delle garanzie  fidejussorie e sulla corretta esecuzione delle procedure e dei servizi assegnati alle Direzioni.
    6. Assicura la funzione di Rappresentante unico dell'amministrazione nelle conferenze di servizi.
    7. Vigila nel rispetto delle indicazioni complessive a livello di ente sui rapporti del Dipartimento con i soggetti istituzionali, le autorità ispettive, le autorità/enti di controllo, l'autorità giudiziaria.
  3. Monitoraggio e controllo
    1. Elabora, realizza e presidia, all'interno ed in coerenza con i sistemi adottati a livello di Ente, modelli per il controllo strategico ed il controllo di gestione finalizzati al monitoraggio, alla misurazione e alla valutazione delle politiche e degli interventi negli ambiti di competenza del Dipartimento.. Monitora i tempi di attuazione di piani, programmi e obiettivi. Presidia la corretta applicazione dei sistemi di gestione dell'Ente (sistema di valutazione, sistema di valutazione degli obiettivi, controllo di gestione, ecc…).
    2. Coordinamento controlli ARPA.
  4. Studio, ricerca e supporto giuridico
    1. Dirige le attività di studio, ricerca, rilevazione ed analisi statistica sui fenomeni oggetto delle politiche del Dipartimento in collaborazione con le altre unità organizzative dell'Ente che svolgono funzioni analoghe e con enti e soggetti esterni.
    2. Consulenza e assistenza giuridico-legale in materia ambientale.
  5. Sportello Unico Ambiente e autorizzazioni ambientali non assegnate alle Direzioni
    1. Presidia la corretta gestione dei contatti con il pubblico e l'efficace informazione sulle procedure, normative e modulistica in materia di autorizzazioni ambientali.
    2. Rilascia le autorizzazioni relative a procedimenti ambientali non assegnati alle direzioni.
  6. Sistemi informativi ambientali e informazioni ambientali
    1. Presidia, con il supporto delle Direzioni del Dipartimento e delle altre unità organizzative interessate, le attività di raccolta, organizzazione, elaborazione, aggiornamento, collocazione e diffusione di tutti i dati ambientali dell'Ente, l'aggiornamento delle sezioni di competenza del sito istituzionale e la relativa modulistica.
    2. Presidia il costante aggiornamento e l'evoluzione dei sistemi propri o in coordinamento con quelli regionali.                                                                                                       
    3. Coordina le attività di partecipazione dell'Ente allo sviluppo del sistema informativo regionale relativo alle materie/funzioni di competenza del Dipartimento.
  7. Sanzioni per la violazione delle normative
    1. Assicura, direttamente o attraverso le direzioni del dipartimento, la segnalazione degli illeciti in materia ambientale di competenza del dipartimento.
    2. Assicura, avvalendosi della Polizia Metropolitana, l'esecuzione dei procedimenti sanzionatori relativi agli illeciti amministrativi in materia ambientale di competenza del dipartimento.
  8. bis. Gestione sanzioni amministrative con introito a beneficio dell'ente
    Assume in via generale la responsabilità per la gestione di tutte le sanzioni amministrative in materia ambientale che vadano versate all'ente, sia che siano emesse da strutture interne che da soggetti esterni, con il concorso delle altre strutture organizzative. E' titolare del relativo processo di lavoro, che presidia attraverso indicazioni e disposizioni relativamente a tutte le sue fasi, comprese quelle di competenza di altre strutture organizzative.
    Vi rientrano, tra l'altro, le seguenti principali funzioni:
    1. Indicazioni sulle modalità di attivazione del flusso informativo relativamente alle sanzioni emesse dalle strutture interne all'ente; gestione dei rapporti e definizione di accordi con i soggetti esterni che emettono sanzioni a beneficio dell'ente e gestione dei relativi dati in entrata.
    2. Gestione del ciclo finanziario-contabile delle sanzioni, anche attraverso l'attribuzione della connessa responsabilità sui relativi capitoli, secondo le forme e le modalità consentite dall'ordinamento contabile.
    3. Gestione della eventuale fase di contraddittorio tra la struttura titolare del potere sanzionatorio ed il sanzionato.
    4. Gestione della eventuale fase di contenzioso.
    5. Gestione del recupero dei crediti, avvalendosi per l'eventuale fase di iscrizione a ruolo dell'unità organizzativa dell'ente competente in materia o dell'eventuale soggetto terzo.
    6. Presa in carico delle annualità arretrate delle sanzioni, previa ricostruzione e trasferimento di tutte le  informazioni e la documentazione necessarie da parte delle direzione cui faceva capo la gestione.
  9. Promozione di politiche di sostenibilità. Attuazione del GPP nei processi interni all'Ente e negli approvvigionamenti di beni e servizi
    1. Promuove politiche e azioni per la sostenibilità ambientale dell'Ente (anche in raccordo con altre unità organizzative), principalmente in attuazione del Green Public Procurement obbligatorio, ma anche con riferimento ad ulteriori azioni di sostenibilità.
    2. Promuove e supporta gli Enti territoriali nell'applicazione del GPP, anche grazie all'adesione e/o al coordinamento di reti e progettualità nazionali ed internazionali.
    3. Coordina il percorso di elaborazione di un'Agenda metropolitana per lo sviluppo sostenibile, come previsto dalla Carta di Bologna per l'Ambiente. Supporta le azioni dei comuni della Città metropolitana verso gli obiettivi di riferimento contenuti nella Carta.
      Monitora l'andamento dei principali indicatori ambientali rispetto agli obiettivi, nell'ambito di un gruppo di lavoro dedicato presso il tavolo delle Città metropolitane presente in ANCI.
    4. Promuove progetti partecipati di sostenibilità, locali, regionali, nazionali ed europei, in attuazione dell'Agenda 2030 e della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile, oltre che con specifico riferimento alla green economy.
  10. Concorso alle politiche di sostenibilità della mobilità nell'ambito dell'Unità di Progetto “Politiche di trasporto e mobilità sostenibile”
    1. Partecipa all'unità di progetto “Politiche di trasporto e mobilità sostenibile” costituita presso il Dipartimento “Territorio, edilizia e viabilità”, rappresentando le esigenze della sostenibilità ambientale.
  11. Promozione di politiche di  sostenibilità ambientale negli ambiti dell'educazione,  sensibilizzazione e comunicazione
    1. Promuove la "cultura della sostenibilità" a tutti i livelli (società civile, impresa, istituzioni, ecc.) e in tutte le sedi educative, formali e non formali, come vettore principale per innescare la trasformazione del modello di sviluppo attuale (Vettore di sostenibilità IV della strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile).
    2. Promuove progetti partecipati di sostenibilità, locali, regionali, nazionali ed europei, anche in raccordo con altre unità organizzative e/o nell'ambito di reti regionali e nazionali.
  12. Propone la costituzione di unità di progetto o gruppi di lavoro che coinvolgono direzioni non comprese nel dipartimento
    1. Individua i processi che richiedono una più intensa integrazione tra le direzioni dell'Ente, determinando gli obiettivi, i risultati attesi, le fasi, i tempi, le professionalità interessate, i tempi di impiego, le direzioni interessate, le modalità di monitoraggio del processo e dei risultati.
  13. Costituisce gruppi di lavoro dipartimentali
    1. Individua i processi che richiedono una più intensa integrazione tra le direzioni del dipartimento determinando gli obiettivi, i risultati attesi, le fasi, i tempi, le professionalità interessate, i tempi di impiego, le direzioni interessate, le modalità di monitoraggio del processo e dei risultati

Valutazioni ambientali_TA0-1

(Funzione specializzata)
Testo vigente dal 01.02.2021

  1. Valutazione impatto ambientale
    1. Dirige e gestisce i procedimenti di V.I.A. e di verifica di esclusione della VIA sui progetti di competenza della Città metropolitana (pubblicità degli atti; Conferenze dei Servizi per autorizzazioni, nulla-osta o pareri; verifica di ottemperanza alle prescrizioni di VIA sui progetti realizzati o in fase di realizzazione), ovvero di altri soggetti.
    2. Istruisce e coordina i procedimenti di VIA di competenza delle Direzioni del Dipartimento.
    3. Propone alla Direzione Generale la regolazione dell'Organo Tecnico della VIA, indicando le direzioni che vi partecipano e le rispettive competenze e responsabilità, nonché le modalità di funzionamento.
    4. Trasmette all'unità organizzativa competente per l'autorizzazione le risultanze della VIA.
    5. Assume il ruolo di gestore unico del processo nei casi in cui sia previsto un unico procedimento per la valutazione e l'autorizzazione, assicurando tutte le condizioni necessarie ai distinti soggetti decisori per l'adozione degli atti di rispettiva competenza.
  2. Valutazione ambientale strategica
    1. Espressione pareri in materia di VAS nell'ambito della Conferenza di co-pianificazione e valutazione; svolgimento delle funzioni ambientali in materia di VAS assegnate alla Città metropolitana da normativa statale e regionale.
  3. Autorizzazioni Integrate Ambientali
    1. Assicura e coordina le competenze attribuite all'ente in materia di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e, tranne nei casi in cui la competenza per materia spetti ad altre direzioni del Dipartimento, rilascia l'autorizzazione.
    2. Assicura lo sviluppo di indagini specifiche su tematiche ambientali e su comparti di attività.

Ultimo aggiornamento: 21 ottobre 2021