Salta ai contenuti


Cittàmetropolitana di Torino

ORGANIGRAMMA

Direzione "Organizzazione" - QA6

Testo vigente dal 01.09.2019

  1. Progettazione e regolazione macrostruttura e presidio microstruttura
    • Definizione ed aggiornamento delle strutture organizzative di livello dirigenziale e del relativo Funzionigramma
    • Definizione e verifica del rispetto dei criteri generali in materia di micro organizzazione; pubblicazione dell’assetto organizzativo dell’Ente aggiornato
    • Elabora gli obblighi di pubblicazione in materia di Trasparenza, in particolare affinché ciascun obbligo informativo sia riconducibile ad una delle direzioni
  2. Regolamenti e disposizioni interne in materia di organizzazione
    • Definizione articolazione regolamenti degli uffici e dei servizi e formulazione regolamento e disposizioni interne in materia di organizzazione.  Correlazione delle discipline con le direzioni ai fini dell’individuazione delle competenze riferite a ciascun ambito
    • Declaratorie dei ruoli organizzativi e delle posizioni di responsabilità.
    • Definizione e verifica applicazione indirizzi e disposizioni interne in materia di organizzazione
  3. Attività istruttorie, per NdV e/o DG a seconda della responsabilità decisionale, relative a posizioni dirigenziali e posizioni organizzative
    • Istruttoria proposte relative a job description, sistema di pesatura e pesatura delle posizioni dirigenziali
    • Istruttoria proposte relative a modelli di job description, criteri di individuazione e sistema di pesatura delle posizioni organizzative
    • Istruttoria proposte relative a individuazione e pesatura delle posizioni organizzative
  4. Disegno e riprogettazione dei processi di lavoro
    • Promuove e coordina le attività e gli interventi di riprogettazione e quelli di miglioramento incrementale di processi e procedimenti, perseguendo obiettivi di semplificazione e riduzione dei costi per l’Ente e per l’utenza, avvalendosi delle soluzioni offerte dal ICT con un approccio ispirato alle logiche di produzione snella e qualità totale
    • Propone alla Direzione Generale l’approvazione dei progetti di processi (completi degli strumenti di rappresentazione) elaborati dalle unità organizzative dell’Ente, provvedendo invece direttamente all’elaborazione di quelli individuati di rilevanza strategica dalla Direzione Generale
  5. Sistemi di gestione per la qualità
    • Progetta, realizza e presidia i sistemi di gestione per la qualità adottati dall'Ente e ne dirige le attività di valutazione interna
    • Integra i sistemi di gestione per la qualità con le attività di riprogettazione e miglioramento incrementale di processi e procedimenti e li raccorda con i sistemi di PPC
  6. Definizione delle politiche in materia di risorse umane
    • Supporta la Direzione Generale nella definizione delle politiche dell’Ente in materia di risorse umane, prestando particolare attenzione a promuovere la produttività e la cultura della responsabilità e qualità delle risorse umane e ad elaborare gli orientamenti per l’evoluzione dei profili in ragione delle variazioni delle esigenze di amministrazione ed esecuzione delle attività dell’Ente influenti sull’organizzazione e l’esecuzione dei processi e dei procedimenti
    • Assicura il raccordo tra la Direzione Generale e la Direzione Risorse Umane collaborando con questa per l’attuazione delle politiche e degli indirizzi di competenza della Direzione Generale, con compiti di impulso e verifica
  7. (ricollocato presso la Direzione Generale - A50)
  8. Rapporti con soggetti controllanti/vigilanti
    • Svolge le attività di supporto al Nucleo di Valutazione e di raccordo tra questo e le unità organizzative dell’Ente
    • Si relaziona con il Collegio dei revisori dei conti per tutte le competenze ad esso attribuite diverse dagli ambiti di responsabilità attribuiti alla direzione “Finanza e patrimonio” e, per materie specifiche, ad altre direzioni
    • Si relaziona con i soggetti istituzionali esterni (quali Corte dei Conti e Ragioneria Generale dello Stato) per le attività correlate al sistema di PPC
  9. Progetta, elabora il modello di relazioni con le direzioni, e sovraintende al funzionamento dello Sportello polifunzionale avanzato e di gestione delle agende dei servizi erogati agli utenti esterni
    • Progetta il sistema di relazioni tra lo Sportello e le direzioni dell’Ente, definendone finalità, perimetro e standard di servizio e precisando le modalità con cui lo stesso si relaziona, si pone al servizio e controlla le altre direzioni, secondo un un modello organizzativo che contempli la messa in rete e l’integrazione operativa dei e tra i servizi e gli uffici per procedimenti suscettibili di definizione  diretta;
    • Definisce gli strumenti e le modalità utilizzate per misurare l’efficacia biunivoca dei rapporti tra lo Sportello e le direzioni
    • Sovraintende al funzionamento della gestione delle agende dei servizi, anche per aggiornarne la progettazione in connessione all’evoluzione dell’Ente e del contesto di riferimento
    • Effettua ogni attività, anche di analisi e valutazione, utile alla definizione da parte della direzione  generale degli standard prestazionali, inclusi quelli di tipo temporale e qualitativo, relativi ai procedimenti amministrativi a domanda di terzi inclusi nell’agenda dei servizi gestita dallo Sportello