Salta ai contenuti

Cittàmetropolitana di Torino

CULTURA MATERIALE, MUSEI ED ECOMUSEI

La Città metropolitana continua il lavoro, avviato dalla Provincia di Torino nel 1995, volto alla creazione di una rete eco museale con il “Progetto Cultura Materiale”, che si basa sul riconoscimento identitario di una comunità con il proprio territorio affinché vengano attivati degli interventi di valorizzazione a partire dalle specificità locali, costruendo una propria coscienza per contenere gli effetti delle influenze globali, pur mantenendo vivo un confronto dialettico con le altre comunità.  La ricerca delle proprie radici spazia dalle collezioni di oggetti e documenti, alla salvaguardia del patrimonio architettonico e paesaggistico, al recupero delle tradizioni linguistiche, alla memoria dei “personaggi” che hanno animato un luogo, alle musiche e alle feste che hanno cadenzato il trascorrere del tempo, agli episodi difficili che ne hanno segnato la storia: momenti di riappropriazione del passato per assumere scelte consapevoli nel presente e gettare le basi per il futuro, in un’ottica di formulazioni di ipotesi di sviluppo sostenibile contribuendo a creare le basi per un'economia innovativa e per la produzione di nuova occupazione.

L’Ecomuseo testimonia questo processo di interrogazione del territorio antropizzato: l’intento su cui si basa il progetto eco museale consiste nel mettere in rete la pluralità di esperienze, pur garantendo una salvaguardia delle specifiche peculiarità, e sostenerne lo sviluppo attraverso un’azione di accompagnamento maieutico.

Il ruolo dell’Ente è di stimolazione e sostegno alla partecipazione attiva dei soggetti locali (enti, unioni montane, imprese, gruppi spontanei, associazioni culturali, ecc.) mediante ricerche, monitoraggi video, indagini sulle attività artigianali, progetti di didattica museale, sviluppo di progetti europei, e ibridazione con i linguaggi dell'arte.