Cittàmetropolitana di Torino

BIBLIOTECA STORICA

SPIGOLANDO IN BIBLIOTECA

Una carta d'identità simbolica: gli stemmi araldici

Alberi, torri, croci, stendardi, leoni, grifoni, aquile, draghi, cavalli rampanti e perfino cornoceronti: tutta l’intricata fauna e flora dell’araldica, tra realistico e immaginario, compare negli stemmi vivacemente acquerellati che illustrano il pregevole volume manoscritto Trattato grandioso e la serie generale de cavalieri del supremo ordine della S.S. Annunziata…, di autore sconosciuto, datato Torino 1765.

L’opera in in-folio contiene 365 grandi stemmi gentilizi riguardanti i personaggi insigniti del Collare della S.S. Annunziata nel corso dei quattro secoli passati, da Amedeo VI (il Conte Verde) al Principe Eugenio di Carignano. L’Ordine del Collare è la massima onorificenza di Casa Savoia: venne fondato da Amedeo VI in occasione del matrimonio della sorella Bianca con Galeazzo II Visconti nel 1362. Aveva lo scopo di "indurre unione e fraternità tra i potenti sicché si evitassero le guerre private" ed era riservato ai nobili più illustri e fedeli. Le insegne originarie erano costituite da un collare d'argento dorato con il motto FERT, chiuso da un anello con tre nodi sabaudi.

Il manoscritto, di grande interesse araldico e storiografico e concepito sulla falsariga di quello del Caprè (Torino, 1654), appartenne alla celebre famiglia degli Arborio di Gattinara. Consta di sedici pagine numerate, scritte in bel corsivo, di introduzione storica; 413 facciate numerate contenenti pagine sulla storia di alcuni dei personaggi citati e ben 363 grandi stemmi gentilizi stampati in colore seppia e poi vivacemente dipinti con tempera e acquerello. Altri 29 stemmi si trovano all’ingresso, all’interno e in fondo al testo.
La Biblioteca conserva altro interessante materiale araldico, reperibile in molti fondi archivistici, fra cui principalmente il Fondo Claretta, e poi ancora i fondi Carrone di San Tommaso, Cotti di Ceres, Gazzelli di Rossana, Bosio di Asti, Bosses di Bosses, Famiglie e paesi per A e B.
Ricordiamo che l’araldica nasce nel Medioevo come sistema coerente di identificazione di persone, famiglie e istituzioni.