Collocamento obbligatorio

Associazioni

In questa pagina si offre uno spazio informativo alle Associazioni presenti sul territorio la cui finalità sia la rappresentanza, la tutela e la promozione all'avviamento al lavoro delle persone con disabilità.

  • ASSOCIAZIONE NAZIONALE MUTILATI ED INVALIDI CIVILI
    Ente Morale D.P.R. 23.12.78 (già Ente di Diritto Pubblico)
    Sede provinciale TORINO. L'Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili fondata nel 1956 è l'associazione che per legge, ha la rappresentanza e la tutela dell'intera categora degli invalidi civili. In sede istituzionale l'A.N.M.I.C. è rappresentata in tutte le Commissioni mediche per il riconoscimento dell'invalidità civile, presso le commissioni del Collocamento al lavoro. L'Associazione ha portato avanti tutta la legislazione vigente nel nostro Paese.
    E' presente con 95 sedi Provinciali, 19 sedi Regionali ed oltre 360 sezioni comunali. E' strutturata in Dipartimenti e conta oltre un milioni di aderenti. In particolare la sede di Torino offre assistenza medico-legale, sindacale, di promozione all'avviamento al lavoro e per il riconoscimento di invalidità civile.
    Sede: Via Campana 15 - 10125 Torino
    Telefono e Fax: 011.6689877
    e-mail: anmic@anmic-torino.it
    sito interent: www.anmic-torino.it
    Orario apertura uffici:
    da lunedì a venerdì 9.00-12.00; 14.00-17.00
    Modalità di iscrizione: verbale di invalidità civile (fotografia facoltativa)
  • COORDINAMENTO SANITÀ E ASSISTENZA FRA I MOVIMENTI DI BASE
  • Il C.S.A. opera ininterrottamente dal 1970 secondo il principio del volontariato dei diritti. Non gestisce pertanto nessuna attività in proprio o in convenzione con enti pubblici o privati, ma si attiva per ottenere dalle istituzioni il riconoscimento delle esigenze di questa fascia di popolazione.
    Nell'ambito dell'handicap intelletivo è da sempre impegnato per il diritto all'integrazione scolastica in ogni ordine e grado di scuola. In particolare, si è impegnato per il collocamento al lavoro di tutti quei soggetti che, nonstante l'handicap intellettivo, erano in grado di raggiungere una capacità lavorativa ridotta, ma pur sempre continuativa e proficua.
    A questo proposito è stato ideatore e promotore dei corsi prelavorativi realizzati nei centri di formazione professionale normali, che sono stati il presupposto per il superamento dei laboratori protetti. Detti corsi sono stati e sono finanziati dalla Regione Piemonte, nell'ambito delle attività di formazione professionale e di preparazione al lavoro.
    Sede: Via Artisti 36 - 10124 Torino
    Telefono: 011.8124469
    Fax: 011.8122595
    e-mail: ulces@arpnet.it
    sito internet: www.arpnet.it/ulces

    Orario apertura uffici: da lunedì a venerdì

    Persone di riferimento:
    Fanno parte del C.S.A. le seguenti Organizzazioni: Associazione GE.AP.H.; Genitori e Amici dei Portatori di Hanicap di Sangano (TO); Associazione Genitori Fanciulli Handicappati di Orbassano (TO); Associazione Italiana Assistenza Spastici di Torino; Associazione Nazionale Famiglie Adottive e Affidatarie; Associazione La Scintilla di Collegno - Grugliasco (TO); Associazione Odissea 33 di Chivasso; Associazione Oltre il Ponte di Lanzo Torinese; Associazione Prader Willi, sez. di Torinon; Associazione Promozionale Sociale; A.S.V.A.D. Associazione Solidarietà Volontariato a Domicilio; Associazione Spina Bifida; Associazione Tutori Volontari; COGEHA Collettivo Genitori dei Portatori di Handicap di Settimo Torinese; Comitato Integrazione Scolastica Handicappati; Coordinamento dei Comitati spontanei di Quartiere; Coordinamento Para-tetraplegici; CUMTA Comitato Utenti Mezzi Trasporto Accessibili; GHR Genitori Ragazzi Handicappati di Venaria - Druento (TO); Gruppo Inserimento Sociale Handicappati ex USSL 27 Ciriè: Unione per la Lotta contro l'Emarginazione Sociale; Unioneper la Tutale degli Insufficienti Mentali; Vivere Insieme Rivoli (TO); Associazione Vita Sana; GGL Gruppo Genitori per il diritto al lavoro delle persone con hancap intelletivo; Associazione Mai più Istituti di Assistenza.
  • GRUPPO GENITORI PER IL DIRITTO AL LAVORO DELLE PERSONE CON HANDICAP INTELLETTIVO
  • Obiettivo primario di questo gruppo è quello di rappresentare i genitori delle persone con handicap intellettivo le famiglie che da anni attendono un lavoro per il proprio figlio, lavoro che la legge 482/68 prima e la legge 68/99 adesso dovrebbe garantire ma che poi in effetti tarda ad arrivare.
    Gli obiettivi della GGL sono i seguenti:
    1. sensibilizzare a più liveli circa le capacità lavorative di questi ragazzi che, adibiti a mansioni semplici e a loro adatte e con un'adeguata preparazione professionale, hanno un resa produttiva certa, costante e crescente nel tempo;
    2. evitare, laddove esistono capacità lavorative, di entrare in un percorso assistenziale ma pretendere di avere edlle concrete risposte in termini di ricerca di lavoro dagli organi competenti e cioè attualmente dai Centri per l'Impiego della Provincia di Torino che, attraverso progetti mirati della Comunità Europea, hanno il compito di dare risposte occupazionali alle categorie più deboli sul mercato del lavoro;
    3. pretendere che ogni anno vengano previsti corsi di formazione professionale specifici per persone con handicap intellettivo con capacità spendibili nel mondo del lavoro: corsi prelavorativi, corsi di avvio al lavoro o inserimenti in normali corsi di formazione professionali per chi ne ha le capacità;
    4. ricercare, anche attraverso conoscenze o libere iniziative di sensibilizzazione , posti di lavoro all'interno di aziende profit;
    5. ottenere posti di lavoro anche dagli Enti Locali e dalle Pubbliche Amministrazioni che, come i datori di lavoro privati, sono tenuti al rispetto delle leggi sul collocamento obbligatorio;
    6. informare gli aderenti al gruppo delle iniziative in corso, delle modifiche legislative, delle opportunità lavorative per i propri figli, degli adempimenti per accere ai concorsi, ai corsi di formazione, ai cantieri di lavoro, ecc...
    7. essere punto di raccolta di idee, suggerimenti e forze per migliorare la qualità della vita di queste persone ed assicurare il riconoscimento dei loro diritti;
    8. prevedere momenti di auto - mutuo aiuto per le famiglie in difficoltà.
    9. il confronto costante con tutti i soggetti coinvolti nelle problematiche del lavoro per i disabili;
    10. la richiesta di incontri con sindacati e gruppi imprenditoriali;
    11. audizioni presso i Consigli comunali, provinciali e regionali;
    12. manifestazioni di protesta davanti le sedi opportune;
    13. partecipazione a convegni e momenti di confronto;
    14. pubblicazione di articoli su giornali e riviste non solo del settore socio - assistenziale e predisposizione di libri e materiale divulgativo sull'argomento;
    15. coinvolgimento dei mass media per ogni iniziativa del gruppo.
    Il GRUPPO GENITORI PER IL DIRITTO AL LAVORO DELLE PERSONE CON HANDICAP INTELLETTIVO fa parte del Coordinamento Sanità e Assistenza tra i movimenti di base (C.S.A.).
    Gli aderenti al Gruppo sono circa 50, nessuna quota di iscrizione viene fata pagare e la partecipazione è aperta a tutti: chi fosse interssato può partecipare direttamente agli incontri programmati.
    Sede: Via Bligny 10- 10122 Torino;
    Salone del Comitato spontaneo del quartiere Santa Rita
    Telefono e Fax: 011.4360752 - Emanuela Buffa
    Telefono: 011.5818267 - Chiara Giglioli
    e-mail: emanuela.buffa@extratec.it
    Persone di riferimento: Emanuela Buffa, coordinatrice del gruppo - Chiara Giglioli
  • UNIONE NAZIONALE MUTILATI SERVIZIO
    Ente Morale 24 Giugno 1947 - Decreto C.P.S. n. 650
  • Attività e servizi prevalenti dell'Associazione:
    1. consulenza tecnica ed attenta collaborazione in ordine al trattamento pensionistico;
    2. azione continua rivolta a far correttamente applicare le disposizioni di legge in materia di avviamento al lavoro;
    3. concessioni di particolari agevolazioni;informativa a mezzo del periodico mensile di categoria "Il Corriere dell'Unione";
    4. pressante, continua attività nel campo legislativo per la promulgazione delle leggi in favore della categoria;
    5. tutela, assistenza e rappresentanza giuridica del mutilato ed invalio per servizio, delle vedove e degli orfani.
    Sede: Via Giulio 22 - 10122 Torino;
    Telefono e Fax: 011.5214520
    e-mail: unmstorino@inwind.it
    Persone di riferimento: Gen.le O. Poto e dott.ssa M. Allodi
    Modalità di iscrizione o adesione all'Associazione: semplice domanda scritta con, in visione, decreto ministeriale od, eventualemente, verbale della CMO (Commissione Medico Ospedaliera) dal quale risulti la specificità dell'invalidità riscontrata, la categoria e la tabella di pensione privilegiata concessa.