Europa

Progetto MaGIC Landscapes

MaGIC Landscapes - Management of Green Infrastructure in Central European Landscapes

Logo progetto

 

Programma europeo di finanziamento: Interreg EUROPA CENTRALE
Autorità di gestione: Città di Vienna

Settore d'intervento: Ambiente

Breve descrizione del progetto: L'obiettivo principale del progetto MagicLandscapes, che riunisce soggetti pubblici con competenze multidisciplinari e multilivello, è quello di tutelare ed incrementare la biodiversità e la funzionalità ecologica del territorio dell'Europa Centrale tramite l'individuazione e la realizzazione di "corridoi verdi" o di "corridoi blu" di connessione ecologica tra le varie aree protette o aree della Rete Natura 2000.

Capofila: Università di Dresda - Technische Universität Dresden (GERMANIA)
Partner:
Università di Vienna, Dipartimento di Biologia della Conservazione, Ecologia della Vegetazione ed Ecologia del Paesaggio (AUSTRIA)
Parco Nazionale Thayatal (AUSTRIA)
Istituto di Ecologia Urbana e Sviluppo Regionale - Leibniz (GERMANIA)
Fondazione Sassonia per la Natura e l'Ambiente (GERMANIA)
Agenzia Nazionale Italiana per le Nuove Tecnologie, Energia e Sostenibilità Economica (ITALIA)
Città metropolitana di Torino, Servizio Pianificazione e Gestione Rete ecologica, Aree Protette e Vigilanza Ambientale (ITALIA)
Parco Nazionale Karkonosze (POLONIA)
Istituto per la Ricerca del Paesaggio e giardinaggio ornamentale - Silva Tarouca (REPUBBLICA CECA)
Parco Nazionale delle Montagne di Krkonoše (REPUBBLICA CECA)

Durata Progetto: 1° luglio 2017 - 30 giugno 2020

Valore totale del progetto: 2.191.263,66 €
Budget Città metropolitana di Torino: 
183.660 €

Sito del progetto

Referente del progetto per la Città metropolitana di Torino:
Dipartimento Ambiente Vigilanza ambientale
Sistemi naturali
Simonetta Alberico: simonetta.alberico@cittametropolitana.torino.it 


NEWS ed EVENTI del PROGETTO

 

  • 7 e 8 ottobre, Karpacz, Polonia, 5° incontro degli Enti partecipanti al progetto
    Nella località che fa parte del territorio del Karkonosze National Park, i partner polacchi, tedeschi, cechi, austriaci e italiani di MaGICLandscapes si sono confrontati sulla gestione di ampie porzioni verdi del territorio e sui servizi ecosistemici che quelle porzioni possono garantire al più ampio ecosistema e agli insediamenti umani.
    Il caso studio delle colline Chieresi:
    continua a leggere su Cronache da palazzo Cisterna.


  • 30 ottobre 2018
    Si è tenuto il 1° Workshop con gli stakeholder dell'area pilota del Progetto
    MaGICLandscapes, finanziato nell'ambito del Programma europeo Interreg Central Europe.
    Nell'ambito dell'incontro sarà approfondita la tematica delle Infrastrutture Verdi e saranno presentate le opportunità di cooperazione e le potenziali ricadute sul territorio, delle attività
    progettuali.
    Per maggiori informazioni è possibile contattare la segreteria organizzativa ai seguenti indirizzi mail: v.siliquini@setinweb.it, e.melis@setinweb.it.
    Inoltre è possibile consultare il sito web del progetto e il sito della Città metropolitana di Torino dedicato al progetto.


  • logo newsletter progetto
    Newsletter del progetto 
    Il "Servizio Pianificazione e Gestione Rete Ecologica, Aree Protette e Vigilanza Ambientale" della Città metropolitana di Torino insieme a nove partner europei ha dato avvio alla pubblicazione Newsletter MaGICNews, dedicata alle attività svolte nell'ambito del progetto MaGICLandscapes. Le prime due newsletter pubblicate sono disponibili in varie lingue, oltre alla lingua italiana. 


  • 19-20 settembre 2017
    Lancio del progetto a Dresda
    Il 19 e 20 settembre si terrà a Dresda, il kick-Off Meeting del Progetto a cui la Città metropolitana di Torino, Servizio Pianificazione e Gestione Rete Ecologica e Aree Protette, Vigilanza Ambientale, partecipa in qualità di partner. In particolare la Città metropolitana di Torino sarà impegnata sia nella ricognizione della legislazione e normativa vigente in materia di Rete Natura 2000 ed infrastrutture verdi a livello nazionale e regionale, sia nella valutazione della funzionalità ecologica all'interno dell'area di studio costituita dalla collina di Torino e dal territorio del Chierese in particolare.