Cooperazione internazionale

Attività Progetto SHWM Libano

 SHWM Libanon


ato3 mini

La Città metropolitana di Torino è capofila del progetto di cooperazione internazionale "Safe Health and Water Management - Lebanon", volto a realizzare interventi di miglioramento nell'uso e distribuzione dell'acqua per consumo umano e agricolo nei territori libanesi maggiormente colpiti dall'emergenza profughi provenienti dalla Siria (quasi il 30% del totale della popolazione libanese). Il progetto si pone in continuità con un intervento analogo realizzato nel 2005 nel sud del Libano, con lo stesso partenariato
Beneficiari del progetto sono cittadini, amministratori, cooperative agricole e tecnici delle zone più colpite dall'emergenza umanitaria tra Libano e Siria.
Storicamente il Libano ha da sempre sofferto di problemi legati all'acqua, ma la situazione è ora drasticamente peggiorata sia a seguito della guerra nel 2006, sia dall'aggravarsi della situazione dei profughi provenienti dalla vicina Siria
Il progetto punta a un approccio partecipativo alla pianificazione e gestione delle risorse idriche e alla messa in atto di soluzioni innovative, attraverso le seguenti principali attività:

  • mappatura, controllo e riduzione delle perdite di acqua degli impianti idrici esistenti;
  • rinforzo delle competenze degli amministratori e tecnici locali nell'elaborazione di piani di gestione delle acque;
  • realizzazione di una formazione specifica per i tecnici libanesi;
  • costruzione di un serbatoio e impianto idrico capaci di far fronte al rifornimento di acqua nel villaggio di Hnaider village in Wadi Khaled
  • sensibilizzazione e coinvolgimento della cittadinanza relativamente al corretto utilizzo dell'acqua.

I PARTNER
cittatorino mini1 cittametro logo mini cocopa logo mini undp mini
Technical partner
logo-smat

 

IL LUOGO DEL PROGETTO

 

mappa Hnaider

La zona del progetto è l'area di Wadi Khaled nel nord del Libano, composta da 8 comuni, raggruppati nell' Unione dei Comuni di Wadi Khaled e , in particolare, il villaggio di Hnaider.

 

I BENEFICIARI

Beneficiari diretti
Libanesi: 1.400 persone - (714 femmine, 686 maschi)
Siriani: 925 rifugiati (509 femmine e 416 maschi) 

Beneficiari indiretti
Tutti gli abitanti dei villaggi circostanti il comune di Wadi Khaled, principalmente i villaggi di Hnaider, Knaisse e Quarha.

DURATA

 24-30 mesi dal 2015

BUDGET

Valore totale del progetto: euro 500.000,00
ATO3: contributo cash, euro 200.000
Contributo cash dei partners
euro 75.000,00
Contributo in-kind dei partners (personale interno-servizi della struttura) 
euro 225.000,00

MATERIALI DEL PROGETTO
ATTIVITA' ED EVENTI 

Agosto 2017
Procedono i lavori alla rete idrica e la realizzazione del serbatoio d'acqua
Procedono i lavori relativi alla rete idrica, complessivamente costituita da una linea di 4000 metri che fornirà acqua potabile a 200 abitazioni, e i lavori di costruzione del grande serbatoio che avrà un'altezza di 20 metri e una capacità di 100 metri cubi. L'80% della cisterna è già stata portata a termine e le previsioni sono di concluderla ad agosto 2017.

27- 31 marzo 2017, Torino

Technical Training Session
Una delegazione libanese a Torino per una visita di studio e formazione
Dal 27 al 31 marzo, nell'ambito dell'azione di rinforzo delle competenze per amministratori e tecnici libanesi del progetto SHWM, Torino ha ospitato una delegazione libanese per una visita di studio teorico-pratica.

In agenda, sessioni di formazione tecnica teorica e di formazione pratica mediante la visita di impianti di infrastrutture idriche, di produzione di acqua potabile e di trattamento delle acque reflue nella città di Torino e nell'area della Città Metropolitana..
La formazione tecnica è realizzata in collaborazione con la Società Metropolitana Acque Torino S.p.A..

Al termine delle settimane di formazione, i docenti SMAT hanno consegnato i diplomi ai tecnici libanesi.

Il Programma (pdf 1,80 MB)
Galleria fotografica 27 marzo 2017

 


2016
Lavori di installazione di una condotta idrica per l'accesso all'acqua degli abitanti di Hnaider
Dopo i lavori di scavo, è stato necessario garantire una superficie liscia per la posa della tubatura, utilizzando materiali di sabbia fine. Per offrire opportunità ai residenti, tutti i materiali pregiati sono stati forniti da fonti locali, con un grande vantaggio nel ridurre il tempo necessario per avere a disposizione il materiale e per la popolazione locale. Al termine dell'installazione della tubatura, una fase di collaudo ha evidenziato l'esigenza di dividere la rete idrica in diverse zone per evitare perdite o cali di pressione nella tubatura
I lavori proseguiranno con la costruzione di un nuovo serbatoio, indispensabile per garantire l'accesso all'acqua potabile nell'area di Wadi Khaled.

 



13 maggio 2016

Presentazione del progetto al Salone Internazionale del Libro di Torino
Il progetto è stato presentato nell'ambito del XXIX Salone Internazionale del Libro di Torino durante un incontro, a cura della Città di Torino, dedicato a "Acqua, cibo, energia e innovazione: esperienze di cooperazione internazionale in Medio Oriente"
Hanno partecipato Maria Bottiglieri, Davide Damosso, Sergio Olivero
Introduzione dell'assessore al Lavoro Commercio e Attività Produttive della Città di Torino
Con il vicesindaco della Città Metropolitana di Torino e il Sindaco della Città di Bruino



14 ottobre 2015

Nell'ambito del Terzo Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale che si è svolto a Torino tra il il 13 e il 15 ottobre 2015, è stata realizzata la prima attività di sensibilizzazione e divulgazione del progetto SHWM durante il Workshop su"Decentralised cooperation and urban water governante", dedicato alla gestione delle risorse idriche.



 

Missione preparatoria Giugno 2014
La Città metropolitana di Torino, insieme al Comune di Torino, al Coordinamento Comuni per la Pace Co.Co.Pa. e l'United Nations Development Programme – UNDP in Libano, ha effettuato nel mese di giugno, una missione esplorativa preliminare a Beirut, durante la quale sono state definite le municipalità beneficiarie e le azioni di progetto. Vi hanno preso parte funzionari della Provincia di Torino, del Comune di Torino e del Cocopa, il direttore del ministero Affari sociali e i responsabili dell'Undp Libano.
Sono stati effettuati sopralluoghi nella zona settentrionale del Libano a 5 km dal confine siriano, per trovare il luogo maggiormente idoneo per l'intervento nelle zone abitate dove manca l'acqua potabile e sono all'ordine del giorno arrivi di profughi siriani.

 

 

english version