Bandi e programmi europei

Di seguito una selezione dei principali Programmi europei: troverete una breve descrizione del Programma, il link al sito ufficiale, il Regolamento che lo istituisce, le priorità e i programmi di lavoro annuali, il link alla pagina dei bandi aperti.

Per un riepilogo dei bandi aperti, potete visitare:
la pagina Bandi News dell'associazione TECLA EUROPA
la pagina della Rete italiana dei Centri di Documentazione Europea
la pagina GRANTS della Commissione europea
la pagina Bandi, avvisi e finanziamenti della Regione Piemonte

 

Azioni Urbane Innovative

LOGO UIA 150

Le "Urban Innovative Actions - UIA" sostenute dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), sono state istituite dalla Commissione europea nel 2015, con l'obiettivo di aiutare le città a identificare e testare soluzioni innovative per rispondere alle crescenti sfide a cui dovranno far fronte nei prossimi anni.

Beneficiari:

  • autorità urbane di città dell'UE con più di 50.000 abitanti
  • associazioni/gruppi di autorità urbane che raggiungono una popolazione totale minima di 50.000 abitanti;  (anche di associazioni o gruppi transfrontalieri o di diverse regioni e/o Stati membri)

Azioni finanziabili: l'UIA finanzia progetti pilota che puntano a identificare o sperimentare idee inedite e innovative per affrontare problematiche urbane destinate a divenire di grande importanza per l'Unione nel futuro prossimo
Cofinanziamento: 80% dei loro costi ammissibili finanziati dal FESR. Contributo di massimo 5 milioni di euro ad ogni progetto.

3° bando chiuso il 30 marzo 2018
Il 15 dicembre 2017, l'iniziativa UIA ha lanciato il 3° invito a presentare proposte di progetto che finanzia soluzioni innovative e non ancora testate per affrontare le sfide urbane. Il bando si focalizza su 4 priorità tematiche:
Qualità dell'aria/ Adattamento ai cambiamenti climatici/ Housing/ Lavori e competenze nell'economia locale. Troverete una descrizione dettagliata delle tematiche nei Term of reference del bando, il cui budget si aggira intorno agli 80-100 milioni di euro

 

ANNUNCIATE LE TEMATCHE DEL 4° BANDO

L'iniziativa "Azioni urbane innovative " ha presentato i temi selezionati per il quarto bando, che sarà pubblicato rispettivamente alla fine del 2018. L'iniziativa, sostenuta dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), è stata lanciata dalla Commissione europea, nell'ambito della Politica di coesione Ue 2014-2020, per aiutare le città a identificare e testare soluzioni urbane innovative. Le risorse stanziate per le UIA per il periodo 2015-2020 ammontano a 371 milioni di euro, su bandi pubblicati annualmente.
Il 4° bando riguarderà indicativamente le seguenti tematiche:
Transizione digitale/ Uso sostenibile della terra e soluzioni basate sulla natura/ Povertà urbana/ Economia circolare o mobilità urbana

ESITO 2° BANDO: presentate 206 candidature, 16 i progetti selezionati per il finanziamento

Nell'ambito della della Settimana europea delle regioni e delle città a Bruxelles (9-12 ottobre 2017), sono state annunciate le 16 città europee che hanno vinto il 2° bando UIA aperto su tre temi: integrazione di migranti e rifugiati, mobilità urbana, economia circolare.
206 sono state le candidature presentate sul 2° bando UIA, chiuso il 14 aprile 2017,  a cui hanno partecipato più di 300 autorità urbane e più di 1000 organizzazioni pubbliche e private di 21 Stati membri.
I temi maggiormente scelti sono stati la mobilità urbana e l'economia circolare (rispettivamente il 45% e il 35% del numero complessivo di candidature); mentre l'integrazione degli emigranti e dei rifugiati (argomento già proposto nel primo bando) ha ricevuto meno richieste (20% del totale), anche se il numero delle proposte di progetto è proporzionalmente superiore a quello del primo bando.

ESITO CANDIDATURE 1° BANDO: presentate 378 candidature, 18 i progetti selezionati per il finanziamento

Su 378 proposte progettuali presentate a marzo 2016, 18 sono state le iniziative approvate tra cui il progetto Co-City guidato dalla Città di Torino in partnership con l'Università degli Studi di Torino, l'ANCI e la Fondazione Cascina Roccafranca;  la Città metropolitana di Torino partecipa al progetto come partner associato. Co-City prevede la riqualificazione di beni immobili e spazi pubblici in condizioni di degrado, attraverso patti di collaborazione con il terzo settore e gruppi informali di cittadini.

 

Cosme

Cosme logo standard

Programma a sostegno della competitività delle imprese dell’Unione europea, per il periodo 2014-2020. Sostiene in larga misura le azioni previste dal programma CIP-EIP 2007/2013, escluso il sostegno all’innovazione che è presente in HORIZON 2020.
REGOLAMENTO (UE) n. 1287/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 dicembre 2013, che istituisce il programma per la competitività delle imprese e le piccole e le medie imprese COSME 2014 – 2020

Bandi COSME pagina DG Imprese e Industria dove sono pubblicati tutti i bandi
Pubblicato il programma di lavoro 2018

 

Diritti, uguaglianza e cittadinanza

Cosme logo standard

PROGRAMMA “DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA” 2014-2020
Il programma diritti e cittadinanza sostituisce i seguenti programmi del periodo 2007-2013: Diritti fondamentali e cittadinanza, Daphne III, Progress nelle seguenti priorità: diversità e lotta contro la discriminazione, parità tra uomini e donne
Il nuovo Programma mira a contribuire all'ulteriore sviluppo di uno spazio in cui l'uguaglianza e i diritti delle persone, come sanciti dal TUE, dal TFUE, dalla Carta e dalle convenzioni internazionali in materia di diritti umani, siano tutelati, promossi e attuati in modo efficace.  Il Programma promuove:

  • i diritti del bambino
  • i principi di non discriminazione (di razza od origine etnica, religione, convinzioni personali, disabilità, età o orientamento sessuale)
  • la parità di genere (progetti per combattere la violenza contro donne e bambini).

Regolamento (UE) n. 1381/2013 che istituisce il programma Diritti, uguaglianza e cittadinanza per il periodo 2014-2020 - GUUE, serie L. 354 del 28 dicembre 2013

Tutti i bandi Diritti uguaglianza e cittadinanza

 

EaSI (Progress, Eures, Progress per la microfinanza)

Cosme logo standard

PROGRAMMA "EMPLOYMENT and SOCIAL INNOVATION" (EaSI) "Occupazione e 'Innovazione Sociale" 2014-2020 riunisce in un unico quadro finanziario i tre strumenti della precedente programmazione:

  • Progress per l’occupazione e la solidarietà sociale
  • Eures: la rete di servizi per l’impiego per la mobilità professionale
  • Progress per la microfinanza, microfinanza e imprenditoria sociale

REGOLAMENTO UE n. 1296/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2013, relativo a un programma dell'Unione europea per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI)

Asse PROGRESS per l’occupazione e la solidarietà sociale. Sostiene e promuove l'elaborazione politica, l'innovazione e il progresso sociale basati su dati di fatto, in collaborazione con le parti sociali, le organizzazioni della società civile e gli organismi pubblici e privati
Asse EURES Rete di servizi per l’impiego e la mobilità professionale: sostiene attività svolte da EURES, ossia i servizi specializzati per sviluppare gli scambi e la diffusione di informazioni e altre forme di cooperazione, quali i partenariati transfrontalieri, per promuovere la mobilità geografica volontaria dei lavoratori e contribuire a un elevato livello di occupazione sostenibile e di qualità.
Progress per la microfinanza Microfinanza e imprenditoria sociale: Progress di microfinanza e imprenditoria sociale, che incrementa l'accesso ai finanziamenti e la disponibilità per le persone fisiche e giuridiche

Bandi EaSI pagina DG Occupazione, affari sociali e inclusione dove sono pubblicati tutti i bandi

 

Erasmus + (educazione, formazione, gioventù e sport)

Cosme logo standard

PROGRAMMA ERASMUS+ 2014-2020, il  programma Ue integrato per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. 
Regolamento (UE) N. 1288/2013 che istituisce "Erasmus+": il programma dell'Unione per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.
AZIONI CHIAVE  del Programma
SITI DELLE AGENZIE NAZIONALI
Agenzia Nazionale INDIRE
Agenzia Nazionale ISFOL
Agenzia Nazionale Giovani

BANDO 2018: Posticipate scadenze di febbraio-settore gioventù
La rettifica del bando 2018, pubblicata sulla GUUE C 431 del 15.12.2017, riguarda le seguenti azioni, la cui scadenza è stata posticipata al 15 febbraio 2018 (anziché 1° febbraio 2018):
Mobilità individuale nel settore della gioventù (KA1);
Partenariati strategici nel settore della gioventù (KA2);
Incontri tra giovani e decisori politici nel settore della gioventù (KA3).

GUIDA E CORRIGENDUM ERASMUS+ 2018
La Commissione ha pubblicato la nuova Guida corredata del Corrigendum, in cui si evidenziano i cambiamenti al testo apportati.Entrambi i documenti sono in inglese.

ERASMUS + 2018: PUBBLICATO IL BANDO 
La Commissione Europea ha pubblicato l'invito a presentare proposte. Le prime scadenze saranno a febbraio 2018.


Europa creativa (Media, Cultura)

Cosme logo standard

Il programma, dotato di un budget di oltre 1,46 miliardi di euro, comprende i precedenti programmi per il settore audiovisivo (Programma Media e Media Mundus) e la cultura (Programma Cultura) e si articola in tre sezioni:
1) Sotto-programma MEDIA  dedicato al settore audiovisivo (56% del budget)
2) Sotto-Programma CULTURA dedicato ai settori creativi e culturali (31% del budget)
3) Sezione TRANSETTORIALE dedicata a tutti i settori creativi e culturali (13% del budget)
Beneficiari: Organizzazioni culturali e dell’audiovisivo, della musica, delle arti e dello spettacolo. Privati cittadini non possono candidarsi ai bandi di Europa Creativa.
Tra le novità si segnalano: la promozione di approcci innovativi in tema di costruzione dell'audience e di nuovi modelli imprenditoriali.
Il programma continuerà a sostenere i concorsi culturali dell’Ue, quali:
Capitali europee della cultura, Marchio del Patrimonio europeo, Giornate europee del patrimonio e i cinque Premi europei per la conservazione del patrimonio culturale, per l'architettura contemporanea, per la letteratura, Border Breakers Awards e MEDIA.
Regolamento (UE) N. 1295/2013 che istituisce il programma Europa creativa (2014-2020)

Bandi Europa Creativa


Cosme logo standard

SOTTO - PROGRAMMA MEDIA
Il sotto-programma MEDIA sostiene le società di produzione europee indipendenti durante le fasi di sviluppo dell'opera audiovisiva (destinata al cinema, alla tv o al web) e di produzione (solo per TV Programming) attraverso differenti forme di sostegno:
Sviluppo di Singoli Progetti
Sviluppo di un Catalogo di Progetti (Slate funding)
Sostegno alla Programmazione Televisiva (TV Programming)
E' disponibile la documentazione dei bandi relativa ai sostegni allo SVILUPPO (Singoli & Slate), TV PROGRAMMING (ex tv broadcasting), FESTIVAL e DISTRIBUZIONE SELETTIVA.

PUBBLICATI I PRIMI BANDI 2018

  • Bando EACEA 22/2017 per il sostegno allo sviluppo di singoli progetti di produzione
    Co-finanzia progetti di sviluppo di lungometraggi, animazioni, documentari creativi e fiction destinati alla distribuzione in sala, alla diffusione televisiva e su piattaforme digitali.
    Beneficiari: società di produzione indipendenti costituite da almeno 1 anno in uno dei Paesi ammissibili
    Budget: somma forfettaria di importo variabile (da 30mila a 60mila euro) a seconda dell'opera.
    Scadenza: 23 novembre 2017 e 19 aprile 2018.
  • Bando EACEA 21/2017 per il sostegno alla programmazione TV.
    Sostiene la produzione di opere (fiction, documentari, film d'animazione) destinate alla diffusione televisiva, con la partecipazione di almeno 3 emittenti televisive di 3 diversi Paesi ammissibili.
    Budget: Il sostegno finanziario accordato permetterà di rafforzare i diritti dei produttori indipendenti, incoraggiando distribuzione futura delle loro opere.
    Scadenza: 16 novembre 2017 e 24 maggio 2018.

SOTTO PROGRAMMA CULTURA

cultura logo

Gli obiettivi specifici del Sottoprogramma Cultura sono:
- supportare la capacità del settore culturale e creativo di operare a livello transnazionale;
- promuovere la circolazione transnazionale delle opere culturali e creative degli operatori culturali. Gli obiettivi si traducono in quattro opportunità di finanziamento:
progetti di cooperazione europea; progetti di traduzione letterariareti europee; piattaforme europee.

1. Progetti di cooperazione, cooperare, coprodurre, condividere, muovere idee prodotti e eventi culturali, coinvolgere pubblico, ampliare le competenze degli operatori culturali, utilizzo delle ICT.
2. Progetti di traduzione letteraria, promozione della letteratura europea:
3. Network europei, scambio di informazioni e ICT per favorire l'internazionalizzazione delle carriere degli operatori culturali e il rafforzamento delle loro competenze
4. Piattaforme europee, dare visibilità agli artisti e creatori europei, soprattutto quelli emergenti, che rappresentano la cultura europea.

SEZIONE TRANSETTORIALE
Sezione dedicata a tutti i settori culturali e creativi. Nell'ambito di questa sezione la Commissione ha istitutito uno strumento di garanzia per i settori culturali e creativi, che opera come strumento autonomo.
Strumento di garanzia finanziaria a favore dei piccoli operatori dei settori culturali e creativi.
Cooperazione politica transnazionale
Sostegno a misure che mirano a promuovere lo sviluppo delle politiche, l'innovazione e nuovi modelli di business nei settori culturali e creativi.

TIMELINE BANDI CULTURA

 

Europa per i cittadini

Cosme logo standard
Il Programma Europa per i  cittadini 2014-2020 si articola in due Strand:
1)
Memoria Europea Attiva, 2) Impegno democratico e partecipazione civica
Inoltre esiste uno Strand trasversale ("Azione orizzontale di valorizzazione") volto a valorizzare i risultati dei progetti selezionati e ad incrementare l’impatto e l’efficacia del Programma.

PRIORITA’ E BANDI 2018

A partire dal 2016, le priorità dei vari strand del programma Europa per i Cittadini sono pluriennali. Alla pagina dedicata del sito del Punto di contatto nazionale, potrete consultare le priorità 2018, di seguito elencate in sintesi: 

STRAND 1 - MEMORIA EUROPEA

Attraverso questo strand, il programma mira a promuovere una cultura comune della memoria e della comprensione reciproca fra i cittadini dei diversi Stati membri dell'UE, in particolare mediante il sostegno a progetti che riflettano sui principali tornanti della storia del XX secolo in Europa. Nell’ambito di questo Strand, è possibile realizzare una proposta progettuale che tenga presente una delle seguenti priorità specifiche per la memoria europea
PRIORITA' 

1.1 Commemorazioni dei grandi tornanti storici della recente storia europea  (priorità 2018)
1918 Fine della prima guerra mondiale, nascita degli stati-nazione e fallimento del progetto di cooperazione e coesistenza pacifica in Europa
1938/1939 Inizio della seconda guerra mondiale
1948 Inizio della guerra fredda
1948 Il Congresso dell'Aia e l'integrazione dell'Europa
1968 I movimenti di protesta e per i diritti civili, l'invasione della Cecoslovacchia, le proteste studentesche e la campagna antisemita in Polonia
1.2 Società civile e partecipazione civica sotto i regimi totalitari
1.3 Antisemitismo, Antigitanismo, xenofobia, omofobia e altre forme di intolleranza: trarre insegnamenti per i tempi odierni
1.4 Transizione democratica e adesione all'Unione europea

STRAND 2 – IMPEGNO DEMOCRATICO E PARTECIPAZIONE CIVICA

Attraverso lo strand 2, il Programma invita candidati a elaborare progetti che riflettano sulla comprensione dell'euroscetticismo e stimolino la discussione sulle sue conseguenze per il futuro dell'Unione europea. Allo stesso tempo, i candidati sono invitati a illustrare i vantaggi delle politiche dell'UE, riconoscere le difficoltà incontrate e le sfide future, nonché a presentare i risultati ottenuti dall'UE e il costo di un'eventuale Europa non più unita.
Nell'ambito di questo Strand, che racchiude al suo interno i Bandi "Gemellaggio fra città", "Reti di città" e "Progetti della Società Civile", è fondamentale, ai fini della valutazione, sviluppare una delle priorità tematiche previste per il periodo 2016-2020. Tali priorità sono:
2.1 Comprendere e discutere l'euroscettticismo
2.2. la solidarietà in tempi di crisi
2.3 Lottare contro la stigmatizzazione degli "immigrati" e costruire contro-narrazioni per incoraggiare il dialogo e la comprensione reciproca
2.4 Dibattito sul futuro dell'Europa

SCADENZA PRESENTAZIONE PROGETTI

Strand 1 - Memoria Europea: 1° marzo 2018
Strand 2 - Impegno democratico e partecipazione civica
Città gemellate:
1° marzo 2018, 3 settembre 2018
Reti di città:
1° marzo 2018, 3 settembre 2018
Progetti della società civile:
1° marzo 2018

 
PAESI AMMISSIBILI AL PROGRAMMA
UE 28 +Serbia, Montenegro, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Bosnia-Erzegovina, Albania
BENEFICIARI:
Organismi pubblici o organizzazioni non-profit aventi personalità giuridica, stabiliti in uno dei Paesi ammissibili al programma

 

Giustizia

 Il programma “Giustizia” fornisce quindi il sostegno all’applicazione efficace della normativa UE nei settori della cooperazione giudiziaria in materia civile e penale e del contrasto al traffico di droga e altri illeciti connessi alla droga.
L’obiettivo generale del programma è contribuire all'ulteriore sviluppo di uno spazio europeo di giustizia basato sul riconoscimento reciproco e la fiducia reciproca, in particolare attraverso la promozione della cooperazione giudiziaria in materia civile e penale.

Regolamento (UE) n. 1382/2013 che istituisce il programma Giustizia per il periodo 2014-2020

Bandi Giustizia


Horizon 2020

Cosme logo standard

Il Programma e i tre pilastri

Il nuovo strumento UE per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020 sostituisce  e integra: il Settimo Programma Quadro e il Programma Quadro per la Competitività e l'Innovazione (CIP) sostituito da COSME. Persegue gli obiettivi della strategia Europa 2020 attraverso la ricerca e lo sviluppo tecnologico per rendere l’Unione europea più competitiva e favorire la crescita economica e l’occupazione.

I finanziamenti saranno orientati verso i tre pilastri fondamentali di Horizon 2020:
Eccellenza scientifica: stanziamenti per circa 3 miliardi di euro, che includono 1,7 miliardi di euro di fondi dal Consiglio europeo della ricerca per ricercatori di alto livello e 800 milioni di euro per le borse di ricerca Marie Sklodowska-Curie rivolte ai giovani ricercatori
Leadership industriale: sostenere la leadership industriale europea in settori come le TIC, le nanotecnologie, la robotica, le biotecnologie e la ricerca spaziale.
Sfide della società: progetti innovativi realizzati nel quadro delle sette sfide della società di Horizon 2020, riconducibili a: sanità; agricoltura, ricerca marittima e bioeconomia; energia; trasporti; azione per il clima, ambiente, efficienza sotto il profilo delle risorse e materie prime; società riflessive; sicurezza.

Infine, la dotazione di quasi 80 miliardi di euro per il 2014-2020, comprende anche i fondi del Centro comune di ricerca, ossia il servizio scientifico interno della Commissione europea, dell’Istituto europeo per l’innovazione e la tecnologia nonché le ricerche svolte nel quadro del trattato Euratom.

 

 

Life

Cosme logo standard

PROGRAMMA PER L'AMBIENTE E L'AZIONE PER IL CLIMA LIFE 2014-2020
Erede del precedente programma LIFE+, il nuovo strumento finanziario europeo per l'ambiente permette un'ampia possibilità di tipologie di progetti e di tematiche di lavoro. Con una dotazione finanziaria pari a quasi 3 miliardi e mezzo di euro, Il programma LIFE 2014-2020,  contribuirà allo sviluppo sostenibile a al raggiungimento degli obiettivi della Strategia Europa 2020, del settimo Programma d’Azione ambientale dell’Unione e di altri importanti piani e strategie europee sul clima e l’ambiente. Si struttura in due sotto-programmi:

  • Ambiente (priorità: Ambiente e uso efficiente delle risorse, Natura e biodiversità, Governance e informazione ambientale.)
  • Azione per il Clima (priorità: Mitigazione dei cambiamenti climatici, Adattamento ai cambiamenti climatici e Governance, Informazione in materia di clima).

Obiettivo generale del Programma: contribuire all'attuazione e allo sviluppo della politica e della legislazione dell'Unione in materia di ambiente e clima, compresa l'integrazione degli obiettivi ambientali e climatici in altre politiche e alla promozione di una migliore governance

PROGRAMMA DI LAVORO 2018-20 
La Commissione europea ha adottato il nuovo programma di lavoro LIFE 2018-2020 che si focalizza su 3 aspetti principali:
la semplificazione delle procedure per la presentazione di domande;
la replica dei risultati del progetto;
il miglioramento della strategia di comunicazione

APERTO IL BANDO 2018 

CANDIDATURA IN 2 FASI – per progetti tradizionali - sottoprogramma AMBIENTE

Ci sarà nuova procedura di candidatura in 2 fasi per i progetti tradizionali (ossia: progetti pilota, progetti di buone pratiche, progetti dimostrativi, e progetti di informazione, sensibilizzazione e divulgazione) relativi al sottoprogramma AMBIENTE, mentre per il sottoprogramma AZIONE PER IL CLIMA, la nuova procedura non sarà ancora applicata.
L'obiettivo è la semplificazione: i proponenti dovranno elaborare una proposta breve al 1° step (concept note) e una proposta dettagliata al 2° step (fase finale di selezione).

TABELLA INDICATIVA DELLE SCADENZE

Progetti tradizionali sottoprogramma AMBIENTE:
a) Ambiente e uso efficiente delle risorse, scadenza fase 1 (concept note): 12 giugno 2018
b) Natura e Biodiversità, scadenza fase 1 (concept note): 12 giugno 2018
c) Governance e informazione, scadenza fase 1 (concept note): 14 giugno 2018
Scadenza fase 2 (full proposal)per a)  b) e c): gennaio 2019
Firma della convenzione di sovvenzione (grant agreement): luglio 2019
Possibile data di avvio dei progetti ENV e GIE (Periodo di ammissibilità): 1° luglio 2019
Possibile data di avvio dei progetti NAT e BIO (Periodo di ammissibilità): 15 luglio 2019
Progetti tradizionali sottoprogramma AZIONE PER IL CLIMA
Scadenza per la presentazione delle proposte: 12 settembre 2018
Valutazione e revisione delle proposte: settembre 2018 - maggio 2019
Firma della convenzione di sovvenzione: maggio – giugno 2019
Possibile data di avvio dei progetti: 15 giugno 2019

ALTRE NOVITA'

Il Programma Life di lavoro 2018-2020 prevede un aumento del 10% delle risorse destinate alla conservazione della natura e della biodiversità; almeno il 60,5% del budget per il sottoprogramma Ambiente sarà destinato al contrasto della perdita di biodiversità: circa 60 milioni di euro in più saranno messi a disposizione per progetti di conservazione della natura e della biodiversità.
Il Programma prevede un maggior coinvolgimento delle imprese private nei progetti Life, con un'attenzione particolare agli approcci "vicini al mercato" che permettano ai risultati del progetto di andare oltre alla durata del finanziamento.
Inoltre Life premierà i progetti che mobilitano fondi complementari di partner privati e pubblici per replicare e aumentare progressivamente le soluzioni sviluppate.
Il nuovo programma introdurrà l'obbligo di indicare effetti misurabili sull'ambiente o sui cambiamenti climatici che i progetti finanziati dovrebbero produrre in tutti i settori prioritari.
Altri importanti novità per il sottoprogramma Ambiente riguardano la riduzione (da 87 a 42) del numero dei temidei progetti che attuano le priorità tematiche di cui all'Allegato III del regolamento (UE) n. 1293/2013

INFORMAZIONI DETTAGLIATE SUL BANDO LIFE 2018,  sul sito del Ministero delll'Ambiente e della tutela del territorio e del mare

 

Wifi4you

BANDO 

Il 15 maggio 2018 è la data, indicata dalla Commissione, di pubblicazione del bando europeo (WiFi4EU) che finanzia il Wi-Fi gratuito negli spazi pubblici dei piccoli Comuni: i voucher, dell'ammontare di 15000 euro, saranno assegnati secondo la modalità "primo arrivato, primo servito", è quindi importante la data e l'orario di inoltro della candidatura.
Approfondimenti.
L'iniziativa è finanziata dal Meccanismo per collegare l'Europa – settore Telecomunicazioni (MCE-Telecom).

 

Cooperazione allo sviluppo

Cosme logo standard

Per i Bandi di cooperazione con i Paesi terzi, visita la pagina ufficiale della DG INTERNATIONAL COOPERATION AND DEVELOPMENT e  la pagina dedicata ai diversi programmi di finanziamento della cooperazione allo sviluppo.